Stai leggendo: Dalle amazzoni a Wonder Woman: storia delle donne guerriere

Prossimo articolo: Wonder Woman: una supereroina per ispirare le nuove generazioni

Letto: {{progress}}

Dalle amazzoni a Wonder Woman: storia delle donne guerriere

Creature mitologiche o personaggi realmente esistiti? Guerriere mutilate o donne formose? Tanti sono i miti intorno alle Amazzoni: scopriamo insieme la strada lungo la mitologia che le ha portate fino a Wonder Woman.

Una scena del film Wonder Woman

3 condivisioni 0 commenti

Quando mondo reale e mitologia si incontrano, nascono storie intramontabili. Lo sa bene la DC Comics che pescando dalla mitologia greca ha dato vita a Wonder Woman, un’Amazzone che ha fatto la storia dei personaggi femminili. Proprio questa supereroina è protagonista del blockbuster di Patty Jenkins uscito nelle sale nel 2017 e disponibile in DVD, Blu-Ray, Blu-Ray 3D, 4K Ultra HD e in un’edizione speciale Blu-Ray Digibook contenente un esclusivo libretto di 70 pagine il 12 ottobre per Warner. Per rendere l’attesa un po’ meno pesante, vi invitiamo a seguirci in un universo tutto al femminile: quello delle Amazzoni.

Wonder Woman - Blu-Ray

Un tuffo nella mitologia e nella storia

Amazzone feritaHD

Intorno alla figura delle Amazzoni ruotano tante teorie, come quella secondo la quale queste guerriere si mutilavano togliendosi un seno per poter meglio tendere l’arco in battaglia. Ci sono però scuole di pensiero opposte, che leggono nell’etimologia del nome un significato contrario, ossia “grande seno”: effettivamente molte rappresentazioni di questo popolo ritraggono donne formose, con entrambi i seni. Qualunque sia la verità, queste donne guerriere pare siano esistite veramente e non siano solo personaggi mitologici la cui fama è giunta sino a noi: alcuni scavi fatti nelle zone a nord-est del Mediterraneo hanno infatti rivelato che le donne scite andavano a cavallo ed erano combattenti. Probabilmente non si trattava di una società così esclusivamente femminile come ci viene tramandata dalla mitologia, ma è comunque una scoperta che avvalora l’esistenza passata di donne guerriere. Come dicevamo, però, è nella mitologia che sono fiorite storie incredibili sulle Amazzoni: discendenti di Ares (dio della guerra) e della ninfa Armonia, si sono ritirate in un territorio di loro esclusivo possesso, secondo alcuni il Caucaso, secondo altri in Tracia. La loro era una società esclusivamente femminile e, secondo Plutarco, l’incontro con gli uomini era permesso solo per due mesi all’anno, per accoppiarsi e generare dei figli. Ovviamente, solo le figlie femmine venivano tenute e allevate come Amazzoni, mentre i figli maschi venivano uccisi.

Ippolita, la regina

Ippolita, nel film Wonder Woman

La figura di Ippolita è nota nella mitologia classica: si tratta della regina delle Amazzoni. Questa società di donne guerriere, infatti, accettava di riunirsi sotto la guida di una regina, che dettava le leggi e a cui tutte obbedivano. Intorno alla sua figura, ruota un famoso mito: quello delle dodici fatiche di Ercole. La nona di queste fatiche, infatti, prevedeva che l’eroe rubasse alla regina la cintura che conferiva invincibilità alle Amazzoni. Proprio a questo mito si ispira la storia raccontata nei fumetti DC Comics: Ercole si batté con Ippolita e perse, ma usando il suo fascino, la sedusse, riuscendo così a rubarle la cintura e a sottomettere lei e tutto il suo popolo. Solo l’intervento della dea Afrodite permesse alla Amazzoni di riconquistare la libertà, ma come monito e ricordo della loro schiavitù, la dea impose loro di portare sempre i bracciali intorno ai polsi. Come altra condizione per la loro ritrovata libertà, le Amazzoni dovettero abbandonare i loro territori nel mondo degli uomini e trasferirsi su quella che prima fu chiamata Isola Paradiso e divenne poi Themyscira.

What do you think makes Diana a hero? #WonderWoman

A post shared by Wonder Woman (@wonderwomanfilm) on

Ippolita, nella saga DC Comics, è la madre di Diana, ossia Wonder Woman: colta da desiderio di essere madre, Ippolita pregò la dea Afrodite che decise di accontentarla e così nacque la piccola Diana.

La bella Antiope

Antiope nel film Wonder WomanHD

Sorella di Ippolita, anche Antiope vanta un ruolo importante nella mitologia: il suo incontro con Teseo, che divenne poi suo sposo, è stato raccontato in svariati miti e vanta diverse versioni. Secondo alcuni, Teseo andò nei territori delle Amazzoni, dove vide Antiope, se ne innamorò e la rapì. Secondo altri, Eracle la fece prigioniera e la diede in sposa a Teseo. Anche intorno alla sua morte sono fiorite le storie più diverse: c’è chi sostiene che morì in battaglia accanto al marito, altri invece fu Teseo ad ucciderla, su consiglio di un oracolo.

Be prepared for anything. #WonderWoman

A post shared by Wonder Woman (@wonderwomanfilm) on

Nell’universo DC Comics, è sorella di Ippolita, quindi zia di Wonder Woman: è lei che addestra in segreto Diana al combattimento, contro il volere della madre. Sarà sempre lei che, in punto di morte, esorterà Diana a vivere come un’Amazzone e seguire così il suo destino.

Wonder Woman

Frame del filmHD

Il film comincia mostrandoci la società delle Amazzoni che vive in pace sull’isola Themyscira, dove custodisce però il prezioso dono di Zeus: l’unica arma in grado di sconfiggere il crudele Ares, nel caso in cui questi decida di iniziare una guerra.

Un giorno un ammiraglio tedesco arriva sull’isola dopo un ammaraggio, e il suo esercito sbarca per salvarlo, ingaggiando così una terribile lotta con le Amazzoni. Le donne guerriere li respingono, ma subiscono numerose perdite, tra cui anche Antiope. La giovane Diana capisce che nel mondo degli uomini è in corso una guerra sanguinaria, dietro cui potrebbe celarsi la mente di Ares e, contro il parere della madre Ippolita, decide di partire per combattere e incarnare così il suo destino di moderna Amazzone.

The world needs #WonderWoman.

A post shared by Wonder Woman (@wonderwomanfilm) on

Il fascino e la forza delle donne guerriere, giunte sino a noi attraverso la mitologia, vengono incarnati da questa supereroina pronta a tutto. Se l’attesa per l’uscita del DVD e del Blu-Ray vi sembrano insopportabili, riguardatevi il trailer e contate i giorni!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.