Stai leggendo: Come lavorare da casa evitando il burnout

Prossimo articolo: Ufficio: i cinque capi d'abbigliamento da evitare assolutamente!

Letto: {{progress}}

Come lavorare da casa evitando il burnout

Dire addio all’ufficio può sembrare un vantaggio, ma tante insidie si nascondono nel lavorare da casa: ecco i nostri consigli per organizzare la vostra giornata senza esagerare con i carichi, ma rimanendo comunque efficienti.

Donna che lavora da casa

2 condivisioni 1 commento

Lavorare da casa, oggi che grazie ai computer si può fare anche lontano dall'ufficio - è prerogativa di molti, con vantaggi - soprattutto per le mamme lavoratrici - che svantaggi - il rischio di farsi risucchiare dalle incombenze e finire a passare anche dodici ore a faticare, lontane dai propri bimbi. Molte aziende invece stanno iniziando a praticare lo smart working: per la maggior parte della settimana i dipendenti lavorano da casa, col risultato che l'efficienza è migliorata. Inoltre, molte professioni che stanno prendendo piede di questi tempi - chi lavora sul web, per esempio - possono essere svolte ovunque, grazie all’uso delle nuove tecnologie.

Nel nostro Paese, poi, ci sono anche molti lavoratori a partita iva, che gestiscono un proprio portafoglio clienti senza doversi recare in un ufficio quotidianamente. A qualsiasi gruppo di persone apparteniate, se lavorate da casa o se state pensando di cambiare vita e mettervi in proprio, sappiate che c’è anche un rovescio della medaglia. Non avere orari non vuol dire soltanto poter staccare alle 16:00 per andare a prendere i bambini a scuola, ma significa anche ritrovarsi a voler finire un incarico e andare avanti per ore extra, o ricevere proposte di lavoro oggi per domani, senza preavviso e che non si possono certo rifiutare, perché il rischio è perdere il cliente. Il miraggio di flessibilità e autonomia rischia di trasformarsi in un incubo: clienti chi chiamano a tutte le ore, serate passate al computer a lavorare e, sebbene vi ritroverete nella stessa casa con i vostri bambini, il rischio è di vederli ancora meno di prima. Ecco quindi i nostri consigli per organizzare il vostro lavoro da casa senza rischiare di venire inglobati in una spirale senza regole.

Individuate la vostra zona-lavoro

Home workingHD

È vero, non vi recherete più in un ufficio, ma ricreatevene uno a casa. Trovate un angolo dove poter mettere una scrivania e una cassettiera: a seconda del tipo che lavoro che fate, sapete voi di quanto spazio avete bisogno, ma tendenzialmente oggi si lavora con un computer, una stampante e poco altro. Individuare un luogo che simbolicamente diventerà l’ufficio fa sì che non vivrete tutta la vostra casa come luogo di lavoro, ma solo quella porzione, evitando di “portarvi a casa” (anche se a casa ci siete già!) il lavoro. La vostra giornata lavorativa inizierà quando vi siederete a quella scrivania e finirà quando vi alzerete. Sarete voi a decidere gli orari, ma quando tirerete giù la serranda (immaginaria), la vostra casa smetterà di essere il vostro luogo di lavoro, per trasformarsi nel vostro rifugio.

Pianificate

PianificareHD

I primi tempi serviranno per conoscere la vostra nuova vita lavorativa: lavorare da casa può significare fare le cose più velocemente che in ufficio, ma può anche voler dire abituarsi a interruzioni diverse (il vicino che citofona perché ha bisogno, il telefono che squilla, ecc). Dopo il primo mese, vi renderete conto di quanto tempo ci mettete a fare le cose, conoscerete i vostri nuovi ritmi e potrete così pianificare le vostre giornate. La comodità di lavorare da casa è intervallare il lavoro con alcune mansioni domestiche (mentre il computer carica un file pesante, potete far partire la lavatrice): per evitare però di trasformarvi in una trottola, organizzate con cura il vostro tempo.

Non imbruttitevi

Home working in pigiamaHD

Soprattutto in inverno, la tentazione è alta: vi svegliate, accendete il computer e, mentre sorseggiate il caffè, guardate le mail e iniziare subito a lavorare. Si fanno le 16:00 e siete ancora in pigiama, spettinati e a quel punto chi ve lo fa fare di cambiarvi? Ecco, evitate di cadere in questa pigrizia che vi porterà a imbruttirvi prima ancora che ve ne accorgiate. Stabilite una routine quotidiana: alzatevi, lavatevi, fate colazione e, come quando andavate in ufficio, cominciate a lavorare solo quando sarete presentabili. Lavorare da casa non significa dire addio a vestiti e cura di sé solo perché non si incontra nessuno.

Date un limite al lavoro

Lavorare da casa di notteHD

Non significa che poi non ci saranno emergenze o lavori che vi obbligheranno a mettere tutto in discussione e lavorare giorno e notte, weekend compresi. Ma se stabilirete un orario di lavoro e lo comunicherete ai clienti, sarete voi a valutare di volta in volta se dedicare anche il vostro tempo libero al lavoro. Avere del tempo libero non significa non impegnarsi nel lavoro, ma spesso è la valvola di sfogo che vi permetterà di sedervi il giorno dopo alla scrivania concentrati e carichi. Se lavorerete più di otto ore, commetterete errori e la qualità del vostro lavoro ne risentirà.

Stabilire degli orari significa anche comprendere una pausa pranzo durante la quale vi alzate, cucinate qualcosa e mangiate seduti al tavolo, non davanti allo schermo del computer. Anche in questo caso potranno capitare eccezioni, ma se nel 90% dei casi riuscirete a fare una pausa, le vostre giornate si riveleranno più produttive e arriverete meglio a fine giornata.

Questi sono i nostri consigli per iniziare una vita da lavoratori casalinghi senza rischiare di ritrovarvi, dopo poco, molto più stressati di quando facevate su e giù dai mezzi ogni giorno, passando metà giornata fuori casa. E voi, avete altri consigli da condividere con noi?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.