Stai leggendo: 'C'è Luisa?', il codice anti-molestie introdotto in Svizzera

Letto: {{progress}}

'C'è Luisa?', il codice anti-molestie introdotto in Svizzera

Le donne sono oggetto di molestie ovunque, anche nei contesti più ludici. Per questo, diversi club e locali svizzeri hanno pensato di prestare loro soccorso: basterà lanciare un messaggio in codice per chiedere aiuto in situazioni spiacevoli.

La molestia è ovunque, anche in un bar

1 condivisione 1 commento

Il recente scandalo che ha travolto Hollywood e Harvey Weinstein - produttore denunciato da oltre 30 donne per abusi sessuali e molestie - ha riacceso l'attenzione su un problema molto delicato che, in realtà, non aveva di certo bisogno di un polverone mediatico del genere per essere seriamente considerato, a tutti gli effetti, una piaga sociale.

Le molestie sessuali sulle donne sono purtroppo all'ordine del giorno, sul lavoro come nell'ambito di contesti ricreativi. Bar, discoteche e pub sono alcuni dei luoghi ove più sovente gli uomini prevaricano le donne, imponendo loro approcci poco graditi.

Per aiutarle, in Svizzera è stato introdotto uno speciale codice, una sorta di messaggio criptato da lanciare quando ci si trova in difficoltà. Come riportato dal giornale TheLocal, l'iniziativa è stata promossa dalla città di Winterthur, nel cantone di Zurigo, e ha riscosso molti consensi tra le giovani donne.

I dipendenti dei locali che hanno aderito alla campagna sanno che se una donna si avvicina loro chiedendo 'C'è Luisa?' sta in realtà cercando aiuto. Se messi in allerta, saranno quindi tenuti a intervenire in prima persona informando la sicurezza, chiamando la polizia o procurandole un taxi per fare ritorno a casa.

Nei locali pubblici aderenti all'iniziativa sarà presente un adesivo facilmente riconoscibile, situato nei bagni delle donne. Servendosi di questo escamotage, la richiesta d'aiuto darà meno nell'occhio e la vittima di molestie non dovrà preoccuparsi di come procedere.

Campagne di questo genere esistono già in altri paesi, come in Germania e Gran Bretagna - dove invece si chiede di Angela - e in Québec, dove si ordina un cocktail chiamato Angelot per ricevere aiuto.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.