Stai leggendo: Kate Winslet si rifiutò di ringraziare Harvey Weinstein agli Oscar

Prossimo articolo: #MeToo: dopo il caso Weinstein la denuncia di molestie diventa virale

Letto: {{progress}}

Kate Winslet si rifiutò di ringraziare Harvey Weinstein agli Oscar

Kate Winslet, tra le tantissimi attrici ad aver lavorato in film prodotti dal produttore hollywoodiano accusato di molestie Harvey Weinstein, quando vinse l'Oscar evitò accuratamente di menzionarlo.

Kate Winslet e Harvey Weinstein in un collage

3 condivisioni 1 commento

Lo scandalo Weinstein, abbattutosi improvvisamente sul produttore americano dopo 30 anni di soprusi e molestie, ha cambiato per sempre la storia di Hollywood.

Sono decine le giovani attrici e modelle che hanno rivelato di aver ricevuto attenzioni indesiderate dal produttore, da Asia Argento ad Angelina Jolie passando per Cara Delevingne.

Molte celebrity di Hollywood, come George Clooney, hanno condannato le azioni di Weinstein nonostante gli anni di amicizia. Clooney ha rivelato che non sapeva che il capo di Miramax compiva questi abusi nei confronti di donne e soprattutto ragazze.

Anche Meryl Streep ha pubblicamente espresso il proprio sconcerto a fronte delle notizie sul produttore newyorkese.

L'ultima testimonianza è quella di Kate Winslet, attrice che con Weinstein lavorò nel film The Reader - A voce alta, che le valse un Oscar nel 2009.

Kate Winslet e il ringraziamento mancato

La Winslet era ben consapevole dei modi di fare dell'uomo, tanto che - nonostante fosse stata "caldamente invitata" a ringraziarlo, nel caso di una vittoria agli Oscar - evitò deliberatamente di fare il suo nome nel discorso di ringraziamento.

La star ha raccontato di quell'episodio al The Los Angeles Times.

Kate Winslet in primo pianoHD
Kate Winslet non ringraziò Harvey Weinstein

Gli assistenti e i membri della produzione le avevano intimato di onorare Harvey e lei aveva risposto che non lo avrebbe fatto.

Mi sono voltata e ho detto 'No, non lo farò. Se le persone non sono educate, perché dovrei ringraziarle?'.

La Winslet ha aggiunto anche che Weinstein per molto tempo le ha ricordato che lei avrebbe dovuto essergli riconoscente, in quanto era grazie a lui che aveva vinto l'Oscar.

Ma negli ambienti di lavoro che ha condiviso con lui, Kate l'ha sempre trovato molto irrispettoso.

Era scortese, faceva del bullismo e chiamava la mia agente con un soprannome volgare.

Il giudizio di Kate Winslet sul caso Weinstein

Ora che sono emerse le testimonianze delle donne coinvolte, Kate Winslet ha fatto sapere con una nota molto dura il proprio giudizio sulla vicenda.

Il modo in cui Harvey Weinstein ha trattato queste vulnerabili e giovani donne di talento NON è il modo in cui le donne dovrebbero essere trattate in QUALSIASI luogo di lavoro.

Nella stessa nota la Winslet ha aggiunto di non aver mai amato Weinstein come persona, ma di aver sempre sperato che le voci che parlavano delle molestie e degli abusi fossero false, come spesso capita nel mondo dello spettacolo.

E invece no: era tutto vero.

Harvey Weinstein in primo pianoHD
Harvey Weinstein sotto accusa

Ora Kate Winslet spera che Weinstein paghi per quello che ha commesso, ma che soprattutto questa storia possa davvero cambiare il mondo e l'atteggiamento maschilista che ha regnato (e forse continua a regnare) nella dorata Hollywood.

Ora che tutti sanno cosa è successo, molte celebrity si pentono di aver sostenuto e spalleggiato Weinstein.

Kate Winslet, almeno, può complimentarsi con sé stessa per non averlo ringraziato pubblicamente.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.