Stai leggendo: Jennifer Lawrence ricorda il provino che la vide vittima di fat-shaming

Prossimo articolo: Jennifer Lawrence contro Harvey Weinstein: 'Sono davvero turbata'

Letto: {{progress}}

Jennifer Lawrence ricorda il provino che la vide vittima di fat-shaming

Spogliata e umiliata per il suo peso: questo è il racconto di un'audizione che Jennifer Lawrence ha dovuto sostenere, circondata da donne che la giudicavano.

Jennifer Lawrence racconta il suo provino da incubo durante l'evento di Elle

5 condivisioni 0 commenti

Durante l'evento di Elle's Women in Hollywood, organizzato dal magazine Elle, Jennifer Lawrence ha raccontato di un agghiacciante provino che ha dovuto sostenere per un film, un'esperienza che lei ha definito 'degradante e disturbante': "Una produttrice mi ha fatto stare in piedi nuda insieme a cinque donne che erano molto, molto più magre di me. Ed eravamo l'una accanto all'altra con solo protezioni sulle parti intime. Dopo quel confronto degradante e umiliante, la produttrice mi disse che avrei dovuto usare foto di me stessa nuda come stimolo per la mia dieta" ha rivelato.

Jennifer Lawrence allo screening di madre! a New YorkHDGetty

Quando l'attrice, all'epoca agli inizi della sua carriera, chiese consiglio a un produttore, la risposta che ricevette non fu quella sperata:

Mi disse che non sapeva perché tutti pensassero che fossi così grassa, quando per lui ero perfettamente 'scopabile'.

Jennifer ha dichiarato di essersi sentita davvero impotente di fronte a registi e produttori di questo calibro, aggiungendo a Variety di aver acconsentito a comportarsi in un certo modo perché aveva paura delle conseguenze per la sua carriera.

Ero giovane e percorrevo quella linea sottile prendendo le difese per me stessa, senza fare la difficile, perché è così che mi chiamavano. Ma credo che la parola che usassero fosse 'incubo'.

Jennifer Lawrence in una scena di Hunger GamesHDUniversal

Questa terribile esperienza le è stata d'esempio per il personaggio di Katniss Everdeen, la protagonista della saga cinematografica di Hunger Games, che ha interpretato per quattro film:

Non esiste proprio che avrei rappresentato l'ideale della persona scheletrica come un'immagine positiva. Non volevo avere ragazzine che saltavano la cena perché volevano assomigliare a Katniss.

Con le sue dichiarazioni, Jennifer Lawrence si aggiunge alla lista di attrici che hanno denunciato molestie a Hollywood. Per sostenere le donne a denunciare gli abusi sessuali, Alyssa Milano ha lanciato una campagna social che in breve tempo è diventata virale. Con l'hashtag #MeToo, l'attrice ha ricevuto risposte da donne da ogni parte del mondo, che hanno raccontato le loro storie di abusi.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.