Stai leggendo: Ines Rau è la prima playmate transgender di Playboy

Prossimo articolo: Star Trek: Discovery regala una memorabile scena su un'ordinaria coppia gay

Letto: {{progress}}

Ines Rau è la prima playmate transgender di Playboy

Non è la prima volta che Ines Rau, modella transgender, posa per Playboy. Ma è col numero di novembre che la rivista riconosce la parità alle donne transgender e ne elegge una come playmate.

Primo piano di Ines Rau

3 condivisioni 2 commenti

Ines Rau non è un volto nuovo nel mondo della moda.

Negli ultimi anni l'abbiamo vista sfilare per Desigual e posare per le campagne pubblicitarie di Balmain e tante altre importanti maison, ma è proprio in questi giorni che si sta parlando tantissimo di lei. 

Ines è stata scelta da Playboy come sua playmate, ossia come 'coniglietta' del mese di novembre. Per la prima volta nella storia, una transgender occuperà la pagina centrale della rivista e sarà protagonista di alcune foto di nudo artistico.

Questo è un traguardo molto importante per Ines e per tutta la comunità LGBTQ.

La nudità non dovrebbe essere tabù. Significa molto per me, visto che ho attraversato una transizione per arrivare dove voglio essere. La nudità è una celebrazione dell'essere umano e non riguarda la sessualità ma la bellezza del corpo, sia maschile che femminile.

Le polemiche

CLOSE UP OF ONE OF THE IMAGES FROM ANTIDOTE💥 FANTASY ISSUE SHOT BY AMAZING YANN WEBER. @messikajewelry

A post shared by INES RAU (@supa_ines) on

Playboy uscirà in edicola nelle prossime settimane con il suo primo numero dopo la morte di Hugh Hefner.

Aver voluto fortemente Ines Rau come playmate è un passo importante per la rivista, che in passato ha già ospitato tra le sue pagine la meravigliosa modella transgender. Purtroppo, però, non mancano le polemiche.

Sui social, l'annuncio della scelta della 'coniglietta' del mese ha suscitato il malcontento di molti affezionati lettori dell'iconica rivista maschile. Questo è solo uno dei tanti commenti discriminatori che sono stati rivolti a Ines Rau:

Quando apro Playboy voglio vedere una donna, non un uomo che si sente donna o che si è sottoposto a un intervento per diventarlo.

Possibile che la gente non sia ancora pronta a superare il pregiudizio?

Chi è Ines Rau

Ines Rau posa per i fotografiHD

Classe 1990, Ines Rau è nata a Parigi ma attualmente si divide per lavoro tra la sua città e New York.

Il suo percorso non è stato semplice, ma oggi non ha dubbi sul fatto che ne sia valsa la pena. Proprio a Playboy, Ines ha raccontato alcuni retroscena amari del proprio passato, senza piangersi addosso ma con un coraggio e una semplicità disarmanti.

Ho vissuto per molto tempo senza dire che ero transgender. Temevo di essere guardata con diffidenza e che mai nessun ragazzo mi avrebbe voluta. Dire la verità su se stessi però è una salvezza. Le persone che ti rifiutano non sono una grande perdita: non si tratta di essere amati dagli altri, ma di amare se stessi.

Il suo obbiettivo è dare voce a chi non ha il coraggio di affermare la propria identità.

Difenderò chiunque abbia paura di essere chi è realmente, per paura di essere giudicato o respinto. Ci si dovrebbe sentire più forti per le proprie diversità e rifiutarsi di essere ciò che impone la società.

Ines Rau ama molto la natura e la causa che più le sta a cuore è quella che riguarda il riscaldamento globale.

DISNEY PRINCESS REALNESS. COME PLAY IN THE JUNGLE WITH ME

A post shared by INES RAU (@supa_ines) on

Nella sua vita, però, non mancano un pizzico di leggerezza e tanta voglia di sognare.

Ho sempre saputo dentro di me, quando ero un ragazzino nella mia stanza nel ghetto, che un bel destino mi stava aspettando. Non me lo so spiegare, ma mi dicevo 'Vedrai, abbi pazienza'.

Quali sono i suoi desideri per il futuro?

Ines vorrebbe trasferirsi a Los Angeles - si definisce 'ossessionata dalle sue colline' - e diventare una star dei film d'azione. Chissà, forse una supereroina.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.