Stai leggendo: Oggetti, stanze e vestiti: i film raccontati da Jordan Bolton

Prossimo articolo: L’artista dietro la tela: a Milano la mostra Dentro Caravaggio

Letto: {{progress}}

Oggetti, stanze e vestiti: i film raccontati da Jordan Bolton

Può un poster trasmettere le emozioni e le atmosfere di un intero film? Sì, se riproduce gli oggetti che lo identificano o gli ambienti più importanti.

Un poster di Jordan Bolton

1 condivisione 0 commenti

Se vedete un nano da giardino, non pensate forse al film Il favoloso mondo di Amélie? Un unicorno di carta vi riporta alle atmosfere di Blade Runner? Mentre un tubino nero vi fa venire voglia di colazione, magari da Tiffany? Questo perché gli oggetti hanno un forte potere evocativo. Anche quelli visti sullo schermo. Lo sa bene il designer Jordan Bolton, che con il suo progetto Objects sceglie per ogni film gli oggetti che più ne raccontano l’atmosfera e li fotografa, creando poster unici e originali e che, soprattutto, colgono in pieno l’anima della pellicola da cui sono stati tratti.

Le sue opere attingono a piene mani dalla storia del cinema: dai film di Wes Anderson ai classici come il già citato Colazione da Tiffany, passando per Drive e Lego Ninjago Movie.

La scelta del colore di fondo, così come della font con cui è scritto il titolo del film soggetto del poster sono scelti da Bolton in linea con l’atmosfera del film: tinte piatte pastello o accese, font semplici e lineari o più arzigogolati. In questi dettagli esce ancora di più l’animo del grafico, che sa che la cura del dettaglio è fondamentale per la riuscita dell’opera.

Colazione da Tiffany

Non soltanto i film hanno catturato l’attenzione di Bolton, ma anche serie TV come Stranger Things, Breaking Bad e Twin Peaks: nel caso di quest’ultimo, per esempio, accanto alla foto di Laura Palmer sono immortalati la tanto amata fetta di crostata di ciliegie, la mazza da golf, il tanto caro registratore portatile dell’agente Coper e il disegno identificativo di Bob.

Twin Peaks

Oltre a Objects, Bolton ha lavorato ad altre due serie che hanno sempre come protagonisti i film e quei dettagli che ne delineano l’identità. Rooms racconta film come Pulp Fiction o Her riproducendone gli ambienti in cui si svolgono le azioni, mentre Fashion film poster si concentra, come da titolo, sui vestiti presenti nei film. Gli abbigliamenti più facilmente riconducibili alle pellicole rappresentate sono esposti in vetrina, così la giacca bianca con lo scorpione dorato del film Drive diventa protagonista e narratrice del film, e tocca la stessa sorte all’iconico tubino nero di Colazione da Tiffany o alle coppole del Padrino.

Her

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.