Stai leggendo: Duchamp, Magritte e Dalì: a Bologna in mostra I Rivoluzionari del '900

Prossimo articolo: Torna a Milano il Festival delle Lettere

Letto: {{progress}}

Duchamp, Magritte e Dalì: a Bologna in mostra I Rivoluzionari del '900

Bologna apre le porte ai pittori dadaisti e surrealisti: la mostra I Rivoluzionari del '900 sarà inaugurata il 16 ottobre 2017 presso Palazzo Albergati.

Mostra I Rivoluzionari del '900

4 condivisioni 0 commenti

Dal 16 ottobre 2017 all’11 febbraio 2018, Bologna ospiterà le opere dei pittori più rivoluzionari del 1900. Palazzo Albergati sarà la sede di una mostra speciale dedicata a Duchamp, Magritte e Dalì e intitolata all’arte capace di rompere con il passato per creare un mondo totalmente nuovo.

Il catalogo della mostra include 200 capolavori dadaisti e surrealisti, forniti in prestito dall’Israel Musem di Gerusalemme. La curatrice Adina Kamien-Kazhdan ha costruito un percorso di visita che include cinque aree tematiche: Accostamenti meravigliosi, Desiderio: musa e abuso, L’automatismo e la sua evoluzione, Biomorfismo e metamorfosi e Illusione e paesaggio onirico.

 L.H.O.O.Q opera di Marcel DuchampHD

I visitatori potranno ammirare opere come Surrealist Essay di Salvador Dalì, Le Chatheau de Pyreness di René Magritte e L.H.O.O.Q di Marcel Duchamp. Oltre ai tre pittori principali, le sale esporranno anche i lavori dei surrealisti Yves Tanguy e Max Ernst, del dadaista Man Ray, dell’artista Alexander Calder e del pittore e scrittore francese Francis Picabia. La mostra è un vero e proprio tributo al ruolo di innovatori dei dadaisti e dei surrealisti, creatori di tecniche come il fotomontaggio e l’arte biomorfica ispirata al corpo umano e al mondo vegetale e animale.

L’allestimento di I Rivoluzionari del '900 è opera del grande architetto spagnolo Oscar Tusquets Blanca, a cui si deve anche la realizzazione della Stazione Toledo appartenente al circuito Stazioni dell’Arte della Metropolitana di Napoli. L’architetto è stato amico e collaboratore di Salvador Dalì e ha riprodotto a Palazzo Albergati la sua Sala Mae West. La sala è una installazione permanente del Teatro-Museo Dalì a Figueres in Spagna. Il grande pittore la definiva “un sogno che possa fungere da soggiorno” e, in effetti, all’ingresso dell’installazione campeggia la scritta: Si prega di sedersi sulle labbra.

Sala Mae West di Salvador DalìMuseo Salvador Dalì
Sala Mae West

Non solo, Oscar Tusquets Blanca ha riprodotto a Bologna anche l’installazione 1,200 Sacks of Coal realizzata da Duchamp in occasione dell’Esposizione Internazionale del Surrealismo del 1938.

Se la pittura surrealista e dadaista è la tua passione, programma una visita a Bologna e goditi la mostra I Rivoluzionari del ‘900.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.