Stai leggendo: Duchamp, Magritte e Dalì: a Bologna in mostra I Rivoluzionari del '900

Letto: {{progress}}

Duchamp, Magritte e Dalì: a Bologna in mostra I Rivoluzionari del '900

Bologna apre le porte ai pittori dadaisti e surrealisti: la mostra I Rivoluzionari del '900 sarà inaugurata il 16 ottobre 2017 presso Palazzo Albergati.

Mostra I Rivoluzionari del '900

4 condivisioni 0 commenti

Dal 16 ottobre 2017 all’11 febbraio 2018, Bologna ospiterà le opere dei pittori più rivoluzionari del 1900. Palazzo Albergati sarà la sede di una mostra speciale dedicata a Duchamp, Magritte e Dalì e intitolata all’arte capace di rompere con il passato per creare un mondo totalmente nuovo.

Il catalogo della mostra include 200 capolavori dadaisti e surrealisti, forniti in prestito dall’Israel Musem di Gerusalemme. La curatrice Adina Kamien-Kazhdan ha costruito un percorso di visita che include cinque aree tematiche: Accostamenti meravigliosi, Desiderio: musa e abuso, L’automatismo e la sua evoluzione, Biomorfismo e metamorfosi e Illusione e paesaggio onirico.

 L.H.O.O.Q opera di Marcel DuchampHD

I visitatori potranno ammirare opere come Surrealist Essay di Salvador Dalì, Le Chatheau de Pyreness di René Magritte e L.H.O.O.Q di Marcel Duchamp. Oltre ai tre pittori principali, le sale esporranno anche i lavori dei surrealisti Yves Tanguy e Max Ernst, del dadaista Man Ray, dell’artista Alexander Calder e del pittore e scrittore francese Francis Picabia. La mostra è un vero e proprio tributo al ruolo di innovatori dei dadaisti e dei surrealisti, creatori di tecniche come il fotomontaggio e l’arte biomorfica ispirata al corpo umano e al mondo vegetale e animale.

L’allestimento di I Rivoluzionari del '900 è opera del grande architetto spagnolo Oscar Tusquets Blanca, a cui si deve anche la realizzazione della Stazione Toledo appartenente al circuito Stazioni dell’Arte della Metropolitana di Napoli. L’architetto è stato amico e collaboratore di Salvador Dalì e ha riprodotto a Palazzo Albergati la sua Sala Mae West. La sala è una installazione permanente del Teatro-Museo Dalì a Figueres in Spagna. Il grande pittore la definiva “un sogno che possa fungere da soggiorno” e, in effetti, all’ingresso dell’installazione campeggia la scritta: Si prega di sedersi sulle labbra.

Sala Mae West di Salvador DalìMuseo Salvador Dalì
Sala Mae West

Non solo, Oscar Tusquets Blanca ha riprodotto a Bologna anche l’installazione 1,200 Sacks of Coal realizzata da Duchamp in occasione dell’Esposizione Internazionale del Surrealismo del 1938.

Se la pittura surrealista e dadaista è la tua passione, programma una visita a Bologna e goditi la mostra I Rivoluzionari del ‘900.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.