Stai leggendo: Licenziata la modella di un servizio fotografico contro il fat-shaming

Prossimo articolo: Dedica d'amore, le parole di un marito alla moglie curvy

Letto: {{progress}}

Licenziata la modella di un servizio fotografico contro il fat-shaming

Una ragazza curvy realizza con il fidanzato un book fotografico lanciando il messaggio che diventa subito virale in rete: tutti i corpi nella loro diversità sono belli. Poco dopo viene licenziata dal suo capo.

Le foto tra baci e abbracci tra due fidanzati

0 condivisioni 0 commenti

Le foto di una ragazza formosa che bacia il fidanzato hanno fatto il giro del mondo. Peccato che subito dopo lei abbia perso il posto di lavoro in banca: è accaduto in America ma potrebbe succedere ovunque.

Anche se a trionfare, fortunatamente, è stato l’amore oltre gli stereotipi, la taglia e il peso. Le immagini hanno emozionato il web e lanciato un messaggio positivo: non avete paura di mostrarvi come siete, al di là delle misure corporee.

Book fotografico

Un tenero momento tra i due fidanzati

Un servizio fotografico tra due innamorati è diventato in breve tempo virale nel web, oggetto di discussioni nel mondo, ma anche il motivo della perdita del posto di lavoro della ragazza. Facciamo un passo indietro: Stephanie e Arryn sono una coppia di fidanzati che si sposeranno nel 2019. Decidono di realizzare un loro book fotografico e farsi immortalare da una professionista, Bria Terry, dell’agenzia “Wolf & Rose Photography”. Ma mai e poi mai avrebbero immaginato che gli scatti pubblicati sui social potessero creare tutto questo clamore.

Si abbracciano e baciano mostrando le schiene

Nelle immagini la coppia di Overton (Texas) si scambia baci e abbracci appassionati sulla riva di un lago. Avvinghiati, complici e innamorati. Perfettamente a loro agio. Stephanie si mostra in topless, con i suoi chili in più e senza riserve. Stretti, stretti sono l’emblema dell’amore, al di là di ogni concezione di bellezza intesa come perfezione assoluta.

La coppia si scambia altro lungo e sensuale bacioHD

E’ la stessa Stephanie a raccontare la sua storia.

Sinceramente, non mi sono mai sentita così attraente. Ero molto impaziente di vedere il risultato finale, non sapevo cosa aspettarmi. Ma quando ho avuto l'album tra le mani, sono rimasta scioccata. Sembravo così innamorata e complice col mio ragazzo. Ogni persona dovrebbe guardare il suo partner così. Questo book mi ha aperto davvero gli occhi.

Molti "naviganti" hanno commentato positivamente, facendo della ragazza il simbolo di una bellezza che supera i classici canoni estetici. Stephanie con il suo gesto spinge a sentirsi liberi, nella mente e con il proprio corpo.

Come lei stessa ha sottolineato:

Ricordo quando era un'adolescente e mi guardavo alla specchio chiedendomi perché la mia pancia non fosse come avrebbe dovuto. Col passare del tempo ho iniziato ad accettare di essere sempre considerata una plus-size. Sono uscita dalla mia confort zone, ora indosso anche vestiti che amo ma che non vengono considerati adatti a una donna curvy, come i top, le magliette attillate, i vestiti corti e gli short.

E ha aggiunto:

Cammino per strada a testa alta, sorridendo e mostrando che non mi vergogno. Da quando stiamo insieme, non c'è stato mai un momento in cui lui ha parlato negativamente del mio aspetto fisico. Per lui non conta se non mi sono lavata i capelli per una settimana o depilato per oltre un mese. Mi ama per quello che sono e per come io faccio sentire lui. Mi ha sempre detto che non importa il mio aspetto fisico, sono comunque bella.

Licenziata in tronco

Saper accettare se stessi, essere diversi dalle classiche icone di bellezza, non sembra essere stato compreso dai datori di lavoro della ragazza. Dopo essere diventata un simbolo per molte donne, infatti, è stata licenziata in tronco. La banca per cui lavora ha definito le foto inopportune per una società che si prende cura delle famiglie. Non arrivando a capire, invece, il messaggio potente che è stato comunicato: Ogni donna deve amare il suo corpo perché si può essere bellissime anche con qualche difetto.

Come dimostra Stephanie che non si è sentita mai così bella, affermando tutto il suo stupore per questo ingiusto trattamento:

Ero un'impiegata modello, sono cresciuta velocemente. Ho avuto la prima promozione dopo 7 mesi ed è per questo che tutti credevano in me. Il provvedimento mi è davvero scioccata.

E voi cosa ne pensate della storia di Stephanie?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.