Stai leggendo: Cyberbullismo: Kali e le influencer con l'acne che hanno reagito

Prossimo articolo: Licenziata la modella di un servizio fotografico contro il fat-shaming

Letto: {{progress}}

Cyberbullismo: Kali e le influencer con l'acne che hanno reagito

La storia di Kali Kushner e delle altre influencer che hanno avuto il coraggio di mostrare al mondo come hanno vinto la loro battaglia contro l’acne.

La instagrammer Kali Kushner

1 condivisione 0 commenti

Qualche tempo fa è diventato virale sui social il video di Em Ford, youtuber e blogger londinese esperta di beauty che ha deciso di difendersi dagli insulti ricevuti dopo essersi mostrata senza trucco.

Em, infatti, è stata affetta per 4 anni da una forte forma di acne e quando ha reso pubblica questa realtà in un video sul suo canale My Pale Skin, condividendo un make-up tutorial su come coprire le sue evidenti imperfezioni, è stata attaccata in malo modo da alcuni leoni da tastiera che la hanno definita letteralmente “disgustosa”.

L’acne non è di certo la più grave delle malattie croniche della pelle, ma è sicuramente uno di quegli inestetismi particolarmente difficili da gestire, soprattutto a livello psicologico - in quanto colpisce una parte esposta e delicata come il volto - ma anche perché l’ignoranza in materia porta immediatamente a pensare che i brufoli siano diretta conseguenza di una scarsa igiene.

Chi soffre di acne spesso e volentieri diventa quindi vittima di body-shaming e colpevolizzata per questa sua “imperfezione” fisica, esattamente come accade a chi soffre di obesità che - secondo il comune pensiero - è semplicemente reo di non sapersi trattenere davanti al cibo.

In realtà l’acne, soprattutto quello che prende in età adulta, può nascere da diversi fattori che non c’entrano assolutamente nulla con l’igiene ma che possono essere genetici, ormonali, immuno-infiammatori o infettivi.

Kali Kushner, un esempio da seguire

Proprio in virtù del fatto che chi è affetto da acne viene spesso (cyber)bullizzato, è difficilissimo vedere nelle "patinate" pagine di Instagram ragazze che parlano di questa malattia cronica e che mostrano il loro percorso di guarigione per ispirare o rassicurare altre donne "vittime" dello stesso problema.

Tra le poche It-Girl che hanno deciso di diventare un esempio per chi ha problemi di pelle legati all’acne spicca Kali Kushner, 22enne che ha dedicato un profilo Instagram, myfacestory, proprio a questo argomento decidendo di “immortalare” giorno per giorno i suoi visibili progressi ottenuti grazie all'Accutane.

La stessa Kali, in un’intervista a Cosmopolitan, ha confessato che all’inizio lei stessa era stupita di quante persone fossero attirate dalla sua storia, anche se col tempo ha compreso i motivi dei tanti follower conquistati:

All’inizio non capivo il motivo [del mio successo], non ho fatto nulla di magico, ho solo preso l’Accutane e scattato dei selfie, ma ora mi rendo conto che il motivo per cui la gente è così attenta a seguire la mia storia è che nessuno effettivamente pubblica cose come questa.

Le Kali Kushner italiane

Oltre alla Kushner, anche in Italia (specialmente su YouTube) tante influencer hanno raccontato in che modo sono riuscite a curare l’acne in video dove hanno parlato della loro esperienza o in cui hanno condiviso, proprio come Kali, in tempo reale le tappe della rinascita della loro pelle.

Tra queste spiccano anche esponenti amatissime di YouTube Italia, come CherylPandemonium KissAndMakeUp01, Gloria Fair e Miriam Dilikikka che ha monitorato per la sua community i progressi fatti grazie a una cura a base di isotretinoina che ha intrapreso sotto stretto controllo medico.

Ragazze seguitissime e splendide - anche quando erano affette da inestetismi - e la cui esperienza va presa come esempio e come prova che da questa malattia cronica benigna si può guarire, ricordandosi sempre che ogni situazione è diversa e che il primo passo da fare per affrontarla è recarsi da un buon dermatologo e seguire i suoi consigli.

 E, nell'attesa di vedere miglioramenti, si può tranquillamente dare una mano al proprio ego con un bel trucco correttivo che va fatto, però, solo per migliorarsi e mai nascondersi.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.