Stai leggendo: Anche Cara Delevingne accusa Weinstein: la sua testimonianza

Prossimo articolo: Asia Argento, Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie accusano Harvey Weinstein

Letto: {{progress}}

Anche Cara Delevingne accusa Weinstein: la sua testimonianza

Purtroppo per il produttore Harvey Weinstein, la lista di attrici che lo accusano di molestie e violenze sessuali è sempre più lunga. Ora è il turno di Cara Delevingne.

Cara Delevingne in primo piano

6 condivisioni 0 commenti

Il caso Weinstein, esploso qualche giorno fa a proposito delle molestie del produttore americano ai danni di diverse attrici, è ben lontano dalla conclusione.

Dopo i casi clamorosi di Asia Argento, Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie, Mira Sorvino, Ashley Judd e tante altre donne molestate dall'uomo quando erano agli inizi della loro carriera, anche Cara Delevingne ha voluto raccontare la propria esperienza con il produttore.

Purtroppo anche alla modella-attrice è toccato uno spiacevole incontro con Weinstein, avvenuto nel periodo in cui Cara stava traghettando la propria carriera dalla moda al cinema.

Il racconto di Cara Delevingne su Instagram

A differenza delle altre, che hanno parlato con New Yorker o New York Times, la Delevingne ha lanciato la propria accusa su Instagram, postando un'immagine su fondo rosa confetto che riporta la scritta "Don’t be ashamed of your story, it will inspire others", ovvero "Non vergognarti della tua storia, potrebbe essere d'esempio per gli altri".

E poi, nello spazio riservato alla didascalia, ha raccontato l'episodio.

Quando ho iniziato il mio lavoro come attrice e stavo lavorando su un film, ho ricevuto una telefonata da Harvey Weinstein.

Il produttore voleva sapere se Cara avesse avuto rapporti sessuali con una delle donne con cui era stata fotografata.

Harvey Weinstein in primo pianoHD
Harvey Weinstein è stato accusato di molestie

E arrivò a metterla in guardia.

Fu una telefonata molto strana e spiacevole… Non ho risposto a nessuna delle sue domande e ho cercato di riattaccare il prima possibile, ma prima che potessi farlo mi disse che se ero omosessuale o che se avessi deciso di avere una relazione pubblica con una donna, non avrei mai ottenuto un ruolo di donna eterosessuale e non sarei mai diventata una grande attrice a Hollywood.

Un anno dopo, Cara incontrò l'uomo nella lobby di un hotel (proprio come successo a tutte le altre), ma c'era anche il regista del film di cui avrebbero dovuto parlare. Purtroppo però, a un certo punto, quest'ultimo se ne andò.

Cara Delevingne in primo pianoHD
Cara Delevingne ora è un'attrice acclamata

L'incontro fu estremamente fastidioso: Cara Delevingne capì di essere "in trappola" quando lui la invitò a discutere di un progetto nella sua stanza e l'assistente del produttore informò Cara che la sua macchina non era pronta e non l'avrebbe portata via da lì prima del "passaggio in camera da letto".

Il regista a un certo punto se ne andò e Harvey mi chiese di restare e chiacchierare con lui. Non appena restammo soli cominciò a vantarsi di tutte le attrici con cui aveva fatto sesso, del fatto che fosse lui l’artefice delle loro carriere e parlò di altre cose inappropriate, di natura sessuale. Poi mi invitò nella sua camera. 

Il tentativo di "normalizzare" ciò che normale non era

La Delevingne un po' per difesa e un po' perché appare sempre come una donna forte e carismatica, non diede a vedere di avere paura. Cercò di normalizzare il tutto, come se si trattasse di un incontro davvero professionale. Ma, una volta nella stanza d'albergo, trovò un'altra donna sul letto e Weinstein le chiese di baciarla.

Per svincolarsi da quella situazione, Cara finse di essere a un provino e cominciò a cantare.

Cominciai a cantare… pensai che avrebbe migliorato la situazione, che l’avrebbe resa più professionale… come a un provino.

Ma non fu così. Quando Cara tentò di andare via, Weinstein l'agguantò e cercò di baciarla, ma lei riuscì comunque a lasciare l'hotel.

Cara Delevingne in primo pianoHD
Cara Delevingne ha cercato di "normalizzare la situazione"

Era certa che lui le avrebbe tolto la parte ma non andò così.

Da allora mi sono sempre sentita male per aver fatto quel film. Ho sempre pensato di non meritare quella parte. Non ne ho mai parlato, ho esitato per non fare del male alla sua famiglia.

Ma ora che è venuto tutto a galla la Delevingne ha deciso di raccontare anche lei che Weinstein ha praticato degli abusi.

Sono davvero terrorizzata da quello che è successo a tante donne che conosco e dal fatto che nessuno avesse parlato per paura.

When I first started to work as an actress, i was working on a film and I received a call from‎ Harvey Weinstein asking if I had slept with any of the women I was seen out with in the media. It was a very odd and uncomfortable call....i answered none of his questions and hurried off the phone but before I hung up, he said to me that If I was gay or decided to be with a woman especially in public that I'd never get the role of a straight woman or make it as an actress in Hollywood. A year or two later, I went to a meeting with him in the lobby of a hotel with a director about an upcoming film. The director left the meeting and Harvey asked me to stay and chat with him. As soon as we were alone he began to brag about all the actresses he had slept with and how he had made their careers and spoke about other inappropriate things of a sexual nature. He then invited me to his room. I quickly declined and asked his assistant if my car was outside. She said it wasn't and wouldn't be for a bit and I should go to his room. At that moment I felt very powerless and scared but didn't want to act that way hoping that I was wrong about the situation. When I arrived I was relieved to find another woman in his room and thought immediately I was safe. He asked us to kiss and she began some sort of advances upon his direction. I swiftly got up and asked him if he knew that I could sing. And I began to sing....i thought it would make the situation better....more professional....like an audition....i was so nervous. After singing I said again that I had to leave. He walked me to the door and stood in front of it and tried to kiss me on the lips. I stopped him and managed to get out of the room. I still got the part for the film and always thought that he gave it to me because of what happened. Since then I felt awful that I did the movie. I felt like I didn't deserve the part. I was so hesitant about speaking out....I didn't want to hurt his family. I felt guilty as if I did something wrong. I was also terrified that this sort of thing had happened to so many women I know but no one had said anything because of fear.

A post shared by Cara Delevingne (@caradelevingne) on

Spunteranno altre donne che decideranno di denunciare Weinstein?

Intanto il produttore è stato lasciato dalla moglie e licenziato dal fratello, co-titolare della Weinstein Company.

Chi sarà la prossima a raccontare dei soprusi del potente produttore?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.