Stai leggendo: I dieci classici della letteratura da leggere se sei un bohèmien

Prossimo articolo: I libri da leggere se amate le fiabe e le storie fantastiche

Letto: {{progress}}

I dieci classici della letteratura da leggere se sei un bohèmien

Ci sono libri che raccontano storie oscure, cupe e spaventose. Ci sono personaggi dannati e maledetti. Tutti ingredienti che un vero bohèmien non può non amare.

Libri, camino e vino

1 condivisione 0 commenti

Ci sono scrittori dotati di una così forte sensibilità che le loro opere trascendono i tempi, passano indenni mode letterarie e gusti di generazioni diverse, diventando così classici della letteratura. Tra questi titoli si celano veri e propri capolavori decadenti, dove una struggente malinconia si fonde con uno stile di vita spesso portato al limite. Amanti, avvinazzati, spesso drogati: sono le figura dannate della letteratura le cui opere sanno ancora bar battere il cuore dei bohèmien contemporanei.

Il ritratto di Dorian Grey di Oscar Wilde

Quando la bellezza, la crudeltà e la dannazione si intrecciano tutti noi pensiamo a questo personaggio nato dalla penna di Wilde. Dorian Grey, giovane di rara bellezza ossessionato dalla vecchiaia, anima bella che si fa pian piano corrompere dai piaceri, diventandone sempre più avido. Per uno strano sortilegio, è il suo ritratto a portare i segni del tempo e di tanta crudeltà, non la sua figura che invece rimane giovane e seducente. I piaceri della carne e le debolezze dello spirito danno vita a una storia che non può non appassionare gli amanti della decadenza.

Il ritratto di Dorian Gray

Tutti i racconti del mistero, dell'incubo e del terrore di Edgar Allan Poe

Una raccolta completa dei racconti di Poe, dove le parole creano immagini suggestive, inquietanti e macabre. Storie di delitti e follia, in cui l’amore si intreccia con la morte e i confini svaniscono, creando una realtà che è un labirinto e in cui l’anima del moderno bohèmien saprà perdersi con gioia.

Tutti i racconti del mistero, dell'incubo e del terrore

Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald

. "Fece un sorriso comprensivo – molto più che comprensivo. Era uno di quei rari sorrisi con il carattere di un eterno incoraggiamento, in cui puoi imbatterti quattro o cinque volte nella vita. Per un attimo affrontava – o sembrava di farlo – tutto il mondo esterno, e poi si concentrava su di te con un irresistibile pregiudizio favorevole.” . . Parole belle di: F. Scott Fitzgerald Trovate in: Il Grande Gatsby _____________________________________ #fitzgerald #ilgrandegatsby #thegreatgatsby#parolebelleedovetrovarle #book #libri #bookstagram #books #letteratura #instagood #beautiful #bookish #booklover #book #pic #picoftheday #firstpost #photography #photoeveryday #photooftheday #instagrammer #literatura #words #parole #quote #leggere #leggo #quoteoftheday #instadaily

A post shared by Parole belle e dove trovarle (@parole_belle_e_dove_trovarle) on

Feste sfrenate che durano fino a tarda notte, una ricchezza senza confini e un amore che dura da anni: questi gli ingredienti che danno alla figura di Gatsby il fascino e la fragilità tipica di chi vive sul filo del rasoio. È l’estate del 1922, il giovane Nick affitta una casa a Long Island e resta affascinato dalla vivacità della vita sociale del suo vicino, Gatsby. Pagina dopo pagina, la facciata vivace e colorata crolla, lasciando spazio all’oscurità dell’esistenza.

Il grande Gatsby

Pulp di Charles Bukowski

Salvando as noites #bukowski #pulpbukowski #pulp #twinings #instaphoto #photographs #noite #photo#kindle#twiningstea

A post shared by Silvio Henrique Bitencourt 🐺 (@silviobitencourt) on

Uno sguardo impietoso sul XX secolo, che ne mette a nudo le fragilità, le oscenità e le perversioni attraverso il cinismo tipico di Bukowski. Tra una bevuta e un fallimento, Nick è un investigatore che conduce le sue indagini raschiando i bassi fondi di Los Angeles. Un libro per quei lettori che non hanno paura di cercare l’oscurità anche nei nostri giorni.

Pulp. Una storia del XX secolo

Notre-Dame de Paris di Victor Hugo

Parigi è la culla dello stile di vita decadente e bohèmien. La sua cattedrale, Notre-Dame è il suo biglietto da visita più bello. In questo grande classico della letteratura, la capitale francese viene raccontata nel pieno del Medioevo e vede protagonisti la giovane e avvenente zingara Esmeralda, l’orribile gobbo Quasimodo, che vive prigioniero nelle torri della cattedrale, il crudele arcidiacono Frollo e il capitano Phoebus de Châteaupers. Gli amanti delle storie d’amore dannate, ma anche della bellezza e dell’architettura non potranno non amare questo libro.

Notre-Dame de Paris

Il profumo di Patrick Süskind

Un libro che è un’ode ai sensi: Jean-Baptiste Grenouille è un maestro delle essenze e dei profumi. La sua passione è la sua ossessione e l’idea di creare un profumo in grado di condizionare gli uomini lo spinge a compiere gesti sempre più efferati.

Il profumo

I canti di Maldoror di Isidore Lautréamont Ducasse

Gives me strange dreams #lautréamont bewildering. Utterly bewildering.

A post shared by 🐚•• ~ * J è s s î č ã * ~ ••🐚 (@jcharlotte_crowe) on

Pubblicato nella seconda metà del 1800 e riscoperto grazie al movimento surrealista, questo poema epico in prosa mette sotto i riflettori i tormenti dell’uomo dell’Ottocento, in lotta con se stesso, la società e Dio. Oscurità, ironia, violenza: tutti ingredienti di un’opera letteraria così densa e complessa da far venire le vertigini. Una lettura per lettori decadenti, a caccia di qualcosa di diverso.

I canti di Maldoror

Il fantasma dell’opera di Gaston Leroux

'Poor, unhappy Erik! Shall we pity him? Shall we curse him? He asked only to be 'some one,' like everybody else. But he was too ugly! And he had to hide his genius or use it to play tricks with, when, with an ordinary face, he would have been one of the most distinguished of mankind! He had a heart that could have held the entire empire of the world; and, in the end, he had to content himself with a cellar. Ah, yes, we must need pity the Opera ghost...' ~The Phantom Of The Opera~ 🎭 =======================================Morning bookworms 📚 Today I have Science revision after school but I don't know whether it's Chemistry, Physics or Biology. Hopefully it is not Physics because everyone hates our teacher, my sister and I call her dobby because she has a annoying voice but also because she is small (and I know that's rude but she is mean to everyone for no reason and I'm one of the goody-too-shoes of the class) Also, yesterday morning I found a little pine cone to add to my collection 😊 Qotd: What's your favourite musical? Mine's a tie between Wicked and Jersey Boys as I've seen both of them in London 🎶 =========================== #bookstagram #books #booksofinstagram #bibliophile #biblio #bookquotes #bookworm #instabook #booktography #openbook #bookish #booklover #booklover #igreads #thephantomoftheopera #gastonleroux #operamask #candles #book #bookishallure #vscobooks #vsco #petals #rosepetals #pinecone #bookstagrammer #vscoreads #creativebookphotography #instaread #readstagram

A post shared by Emma Aldous (@thepagesofemma) on

Quando l’eccellenza nell’arte si accompagna a una ripugnante bruttezza nascono personaggi ambigui, che covano vendetta per il mondo che li ha emarginati senza riconoscere loro il proprio talento. È il caso di Erik, angelo della musica, che vive nei sottosuoli di un teatro e impone tutte la sua terrificante presenza alla giova soprano Christine, che rapisce e porta con sé nel suo mondo sottoterra. Un’opera che è stata oggetto di varie trasposizioni cinematografiche, perché la dannazione della bestia è sempre una storia viva e attuale.

Il fantasma dell'Opera

Morte a Venezia di Thomas Mann

'He loved the sea for deep-seated reasons: the hardworking artist's need for repose, the desire to take shelter from the demanding diversity of phenomena in the bosom of boundless simplicity, a propensity—proscribed and diametrically opposed to his mission in life and for that very reason seductive—a propensity for the unarticulated, the immoderate, the eternal, for nothingness. To repose in perfection is the desire of all those who strive for excellence, and is not nothingness a form of perfection?' /🌊⛵ . I feel like there should be a kind of warning here, and also an exhaustive premise. I discovered 'Death in Venice' by Thomas Mann back when I was searching for interesting movies by famous italian directors of the 20th century; the adaptation was shot by Luchino Visconti (who also directed 'The Leopard'), in 1971. The original novella was published in 1912, and it deals with a fictional important German writer, Gustav von Aschenbach, choosing to spend his summer holidays on the Lido of Venice to escape the dullness and tedium his everyday life has become. There he encounters a wealthy Polish family, whose only son strikes him for his extraordinary beauty and grace, so similar to the sculptures and paintings of old. This meeting sets in motion a chain of events in the city that will ultimately decree someone's downfall. Now, many people have associated this particular story with 'Lolita', though they are fundamentally different in scope and style. But all the same I feel I should warn those who don't wish to approach this kind of sensitive material. The purpose of the novella is a deep philosophical and anthropological reflection on beauty, time, the struggle to do good in spite of our basic human nature, and how we perceive and interpret these concepts. The writing style is elegantly redundant, especially in describing an eerie Venice, and the movie is a study in Neorealism, considered to be a classic of queer cinema. . . #thomasmann #deathinvenice #morteavenezia #dertodinvenedig #novella #shortstory #luchinovisconti #dirkbogarde #bjornandresen #gilbertadair #books #literature #cinema #movies #instabook #bookstagram #bookporn #booklover #bookworm #instamovie

A post shared by Lu ⛾ (@theisleofapples) on

Anche in questo grande classico della letteratura gli ingredienti per una storia decadente ci sono tutti: Venezia, la malattia, la cultura borghese di inizio Novecento con le sue incoerenze e i primi segni di sgretolamento. Una storia di desiderio, sguardi e apparenze che condurrà un uomo alla morte.

La morte a Venezia

Dracula di Bram Stoker

30 marzo. Ho letto più della metà. ... tralasciando il fatto che stanotte, mentre leggevo, all'improvviso tutti i cani del vicinato hanno iniziato ad ululare, prima uno, poi tutti insieme, fortissimo, per circa due minuti e poi improvvisamente il silenzio. Un silenzio assoluto. Inquietante O.o Ho aspettato che arrivasse un pipistrello a bussare alla finestra ma non si è presentato. .... :-) Insomma, tralasciando questo. .. ditemi che poi alla fine arriva Dracula e fa fuori Van Helsing, vi prego! ;-) Conto di finire tra oggi o al massimo domani la lettura di questo romanzo... e poi scriverò cosa ne penso. 1 aprile. Stanotte ho finito il romanzo. I primi capitoli mi sono sembrati avvincenti, e guardando la lunghezza del libro pensavo "wow chissà cosa accadrà in questo castello nei prossimi capitoli" ma ....all'improvviso tutto cambia, la storia diventa un susseguirsi di diari e racconti dettagliati di cose inutili. Pagine e pagine sgrammaticate quando parla Van Helsing sono difficili da affrontare. L'ultimo capitolo poi è bello come il primo, finalmente rivediamo paesaggi, lupi e castello. #Dracula #Stoker #draculastoker #minimammut #libri #leggere #lettura #book #letteratura #libro #books #read #bookstagram #vampiro #manusword #booksofinstagram

A post shared by Manuela Sword (@manusword) on

La creatura del conte narrata da Bram Stoker non ha bisogno di presentazioni. Una storia in cui si fronteggiano Bene e Male, in cui perbenismo Vittoriano si confronta con l’istinto animale, un classico che tutti noi conosciamo anche per via delle trasposizioni cinematografiche e che tutti i veri bohèmien dovrebbero aver letto, almeno una volta.

Dracula

Ora che abbiamo nutrito i vostri animi decadenti, non vi resta che correre in libreria!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.