Stai leggendo: Nico Tortorella di Younger è bisex e sprona la comunità LGBTQ a raccontarsi

Prossimo articolo: I 5 personaggi gay e bisessuali più tosti della TV

Letto: {{progress}}

Nico Tortorella di Younger è bisex e sprona la comunità LGBTQ a raccontarsi

Il protagonista di Younger, Nico Tortorella, chiede a tutte le persone “queer” di rendere pubbliche le proprie esperienze, al fine di rendere normale ciò che viene (erroneamente) ritenuto anormale.

L'attore Nico Tortorella

2 condivisioni 0 commenti

Nella sit-com Younger Nico Tortorella interpreta Josh, tuatuatore ed ex donnaiolo innamoratissimo della protagonista Liza (Sutton Foster), per la quale passa sopra alle sue continue bugie e alla doppia vita della quarantenne che, per reinventarsi nel mondo del lavoro, si finge una "millennial".

Nella vita reale, però, Tortorella ha dichiarato ormai da tempo di essere orgogliosamente bisessuale, e in una recente intervista NowThis Entertainment ha fatto un accorato appello al popolo LGBTQ, spronando le persone a raccontare le proprie storie:

La gente crede solo in quello che vede e nell’era dei social, fortunatamente, stiamo vedendo molte più cose rispetto a prima. Più storie ascoltiamo, più storie condividiamo, più diventa normale ciò che è ritenuto anormale. Non si tratta solo di sessualità, ma è un vero e proprio percorso.

fuck gender. all of em. love em all too. ♂♀and the galaxies between. @lukefontana 📸

A post shared by nicotortorella (@nicotortorella) on

Tortorella, olltre a recitare, conduce anche un podcast intitolato The Lovebomb, dove intervista persone che ritiene interessanti:

La mia sessualità è diventata un argomento frequente della trasmissione, ma io non sono etichettabile. Non mi sono mai nascosto. Non sono né omosessuale né etero, sono semplicemente attratto da chi sa essere se stesso. Le persone sono molto suscettibili quando si parla d’amore. Ci si aspetta che l’amore debba seguire una strada precisa. Ci si aspetta che ci si sposi, che si abbiano dei figli, magari con qualcuno di sesso opposto. Ma questo non è ciò che davvero vuole tantissima gente.

Che ne pensate delle parole di Tortorella? Anche voi credete che raccontare le proprie esperienze sia un ottimo modo per superare le discriminazioni?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.