Stai leggendo: Il trainer di Emma Stone svela il suo regime fisico e alimentare per diventare Billie Jean King

Prossimo articolo: Tutto vero, esiste l'allergia all'esercizio fisico

Letto: {{progress}}

Il trainer di Emma Stone svela il suo regime fisico e alimentare per diventare Billie Jean King

Una dieta ricca di calorie e una valanga di esercizi hanno portato l'attrice a mettere su 7 chili di muscoli e sollevare pesi incredibili per La battaglia dei sessi, il film dove interpreta la celebre tennista in sala dal 19 ottobre.

Due foto a confronto dell'attrice Emma Stone e la tennista BIllie Jean King

1 condivisione 0 commenti

L’allenatore Jason Walsh ha condiviso con l’Hollywood Reporter il metodo impiegato per portare Emma Stone ad avere il fisico necessario per interpretare la parte della leggenda del tennis Billie Jean King nel film La battaglia dei sessi (che da noi arriverà al cinema il prossimo 19 ottobre), biopic sportivo che racconta dell’epocale partita del 1973 disputata tra il giovane fenomeno King e la grande star del tennis, il maschilista Bobby Riggs, interpretato da Steve Carell.

Riguardo la trasformazione dell’attrice, la costumista del film Mary Zophres - che ha lavorato anche sul set del musical La La Land - ha commentato:

La prima volta che l’ho vista alla prova costume per La battaglia, il suo fisico era davvero cambiato un sacco, ed è stato interessante… il suo corpo era un animale del tutto differente. Era un uccellino delicato in La La Land, ed ha messo su muscoli invidiabili per questo ruolo.

Emma Stone che balla in La la land e mentre cammina sul set di La battaglia dei sessiHDBlackLabel - 01 / Just Jared

Jason Walsh, fondatore di Rise Nation e già allenatore di Emily Blunt nel fantascientifico Edge of Tomorrow - Senza domani, ha aiutato Emma Stone ad aumentare la massa muscolare di circa sette chili, ed il primo incontro è iniziato durante le riprese del musical di Damien Chazelle. L'attrice, per sua stessa ammissione, non è mai stata una grande sportiva, e con Walsh ha dovuto lavorare duramente fin dall’inizio.

Sapevo che avrebbe dovuto passare un sacco di ore ad allenarsi, praticando uno sport che non aveva mai praticato prima. È davvero stimolante vedere una cliente come Emma che non si risparmia e vuole rendere giustizia al ruolo.

Champions never quit. Emma Stone stars as tennis legend @BillieJeanKing in #BattleoftheSexes.

A post shared by #BattleoftheSexes (@battleofthesexesmovie) on

Non era la prima volta che i due lavoravano insieme, ma in questa occasione l’allenamento ha comportato anche un cambio di dieta significativo: soprattutto frullati per aumentare le calorie, ovvero un mix di prodotti Metabolic Drive, spinaci e Udo’s oil (un concentrato di Omega 3). L’attrice premio Oscar si è infatti sottoposta ad uno sfiancante regime di esercizi come quelli con la slitta a spinta e trazione, gli squat, gli affondi ed il sollevamento pesi, e di conseguenza il suo metabolismo è accelerato sensibilmente.

Aveva naturalmente più fame, non mangiava mai abbastanza. Sapevo che era una reazione all’allenamento, ma volevamo essere sicuri che assumesse sufficienti calorie senza sentire il disgusto per il cibo, e senza abbuffarsi, quindi abbiamo introdotto un paio di frullati al giorno, perché a volte facevamo due allenamenti in una giornata.

#SteveCarell and #EmmaStone as Bobby Riggs and Billie Jean King at the #BattleOfTheSexes presser in 1973 🎾

A post shared by #BattleoftheSexes (@battleofthesexesmovie) on

Come minimo lavoravamo cinque giorni a settimana. Abbiamo davvero spinto il suo corpo più in là di quanto non le fosse mai capitato. È diventata così forte, e ha potuto trasformarsi in una star del tennis perché le abbiamo fatto mettere su sette chili di muscoli. Lo abbiamo fatto in tutta sicurezza, in un modo organico ed aggressivo.

Le sessioni di allenamento iniziavano ogni giorno con la spinta della slitta su una pista di 22 metri, aumentando i pesi ogni settimana man mano che il fisico della Stone si faceva più forte: alla fine era in grado di lavorare con pesi nell’ordine di centinaia di libbre, e per gli hip thrust (esercizio in cui viene posizionato un bilanciere all’altezza dei fianchi e poi si spinge col bacino verso l’alto) era arrivata a sollevare 136 kg. La conseguenza di questi esercizi focalizzati sulla zona fianchi/glutei, ritenuta fondamentale da Walsh perché conferisce stabilità a tutto il corpo, è stato un aumento delle dimensioni del posteriore della Stone.

Il suo sedere è diventato davvero grande. Facevamo anche molti di esercizi per le spalle perché si usano tanto nel tennis e non volevamo che si facesse del male. Ha fatto un sacco di flessioni, trazioni, squat e sollevamento pesi. Credo che sia arrivata a sollevare 83 chili, alla fine.

Scommettiamo che, dopo aver letto di questo allenamento estremo, guarderemo il film con ancora più rispetto per la performance di Emma Stone, che sta già conquistando la critica.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.