Stai leggendo: Le donne più sboccate sono più intelligenti

Prossimo articolo: La donna alfa e le qualità che il suo uomo ideale deve avere

Letto: {{progress}}

Le donne più sboccate sono più intelligenti

Avreste mai pensato che la fluidità nell’uso delle parolacce sia sintomo d’intelligenza? Cominciate a pensare di essere dei geni?

Jennifer Lawrence mostra il dito medio con in mano l'Oscar

68 condivisioni 38 commenti

Non esiste persona al mondo che non imprechi, eppure dire parolacce è sempre considerato un tabù sociale, un segno di poca raffinatezza, un sintomo di ignoranza. Sul set di Quel pazzo venerdì con Lindsay Lohan l’attrice Jamie Lee Curtis era costretta a mettere soldi in un barattolo ogni volta che le scappava una volgarità, così come aveva scelto di fare durante le riprese di un altro film, Papà, ho trovato un amico: alla fine della produzione, i giovani protagonisti Macaulay Culkin e Anna Chlumsky beneficiarono delle sconcezze dell’attrice e del collega Dan Aykroyd per un totale di 5mila dollari. E ricordate il dindarolo delle parolacce (swear jar, appunto) di Homer Simpson?

La cantante Adele confessa di amare le parolaccetumblr
"Adoro imprecare"

Ebbene, le cose potrebbero star per cambiare: sul sito Science Alert il professore di Psicologia presso la Keel University, Richard Stephens, riporta alcuni studi che invece sostengono il contrario: chi dice le parolacce non manifesta povertà di linguaggio, piuttosto un uso intelligente dello stesso.

Se ci facciamo caso, scegliamo di ricorrere alle parolacce in contesti e per scopi differenti: l’espressione di un’emozione, una risata, per un impatto linguistico o anche per essere deliberatamente malevoli. Degli psicologi del Marist College si sono interessati proprio al momento e alla ragione che portano le persone ad esprimersi volgarmente, e hanno pubblicato uno studio che evidenzia un collegamento tra la fluidità di una persona nella lingua inglese e la fluidità nel proferire volgarità.

Poiché la fluidità nel lessico può essere misurata chiedendo ai volontari di pensare a quante più parole che inizino con una certa lettera in un minuto di tempo - e quanto più una persona ha capacità linguistiche, tante più parole generalmente riesce ad elencare - i ricercatori hanno utilizzato lo stesso approccio per determinare la fluidità nell’uso di parolacce.

Comparando i risultati dei due esperimenti, si è riscontrato che le persone con il punteggio più alto nel lessico corretto hanno raggiunto anche ottimi risultati nell’esercizio con le parolacce, e viceversa. È così che si è determinato che le imprecazioni non sono necessariamente sintomo di un lessico povero o poca intelligenza, anzi: imprecare è una funzione del linguaggio che un individuo con ampie facoltà linguistiche può utilizzare per comunicare con il massimo dell’efficacia.

Le parolacce come antidolorifici

Nelle ricerche condotte dal professor Stephens è stato chiesto ad alcuni volontari di tenere la mano immersa in acqua gelida quanto più a lungo riuscissero, ripetendo nel frattempo una parolaccia. In un’altra occasione, le stesse persone hanno ripetuto l’esperimento ma potrendo solo ripetere una parola che non fosse volgare. Entrambe le volte il loro battito cardiaco veniva monitorato, ed è saltato fuori che imprecando riuscivano a tollerare più a lungo il gelo e lo trovavano meno doloroso, mantenendo un battito più regolare che nell’altro caso.

Questo suggerisce che hanno dimostrato una risposta emotiva alle imprecazioni e l’attivazione della reazione ‘lotta o scappa’: un meccanismo di difesa naturale che non solo rilascia adrenalina e accelera il battito, ma include anche un effetto antidolorifico naturale conosciuto come analgesia indotta da stress.

Una gif di Drew Barrymore che grida una parolacciatumblr

Soprendente, non trovate? E pensate che Richard Stephens ha voluto condurre questa ricerca poiché era rimasto colpito dalla moglie durante le doglie del parto.

Sono stato ispirato dalla nascita di mia figlia, quando mia moglie imprecava a profusione nel mezzo di contrazioni dolorosissime. Le ostetriche rimanevano del tutto imperturbate, e ci dissero che imprecare è una cosa normale e comune durante i parti - forse per ragioni simili a quelle del nostro studio con l’acqua ghiacciata.

Rihanna parla delle donne usando una parolacciatumblr
"Le stronze che si comportano bene di rado passano alla storia".

In conclusione: non censuratevi, e non fatevi censurare.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.