Stai leggendo: Blade Runner 2049 convince la critica: le prime recensioni sono strepitose!

Prossimo articolo: SDCC: ecco come si connettono Blade Runner e Blade Runner 2049

Letto: {{progress}}

Blade Runner 2049 convince la critica: le prime recensioni sono strepitose!

Blade Runner 2049 si prepara ad arrivare nelle sale e, stando ai primi pareri della critica, non sfigura affatto con l'illustre predecessore: ecco cosa dice la critica riguardo le prime recensioni.

Blade Runner 2049

3 condivisioni 0 commenti

Ben 35 anni fa approdava nelle sale di mezzo mondo Blade Runner, il film di Ridley Scott destinato a diventare uno dei più amati dell'intera storia del cinema. Il caposaldo del genere futuristico ha un sequel nel 2017: s'intitola Blade Runner 2049 ma è probabile che sappiate già tutto o quasi a riguardo: il ritorno di Harrison Ford nei panni di Rick Deckard è uno degli eventi cinematografici più chiacchierati e attesi del 2017. 

Blade Runner 2049: sfida vinta? 

Con la fine dell'embargo sulle recensioni, i primi, fortunatissimi critici che hanno potuto vedere in anteprima il film hanno proclamato il loro verdetto. In casa Warner Bros devono davvero aver tirato un sospiro di sollievo, perché le recensioni non si limitano ad essere positive: sono stellari

La testata cinematografica Entertainment Weekly ha raccolto i primi pareri apparsi sugli account tweet dei critici che hanno visto il film in anteprima. Ovviamente non ci sono spoiler in vista (Warner Bros. ha molto lavorato per evitare che qualcuno si lasci scappare un'anticipazione, rovinando la festa a tutto il pubblico), ma possiamo indubbiamente farci un'idea dell'atmosfera del film: 

Il film viene definito così incredibile da togliere il fiato allo spettatore, capace di preservare l'aura misteriosa del predecessore, espandendone l'universo e ponendo nuovi interrogativi sugli androidi. 

Eric Eisenberg di Cinema Blend si spinge molto più in là, definendolo la miglior uscita dell'annata: 

Blade Runner 2019 è fenomenale. Un film di fantascienza incredibile al livello visivo con radici noir che scavano in un mistero denso e sorprendente. Il migliore visto finora nel 2017. 

A chi va il merito di tanto entusiasmo? Principalmente al regista che ha saputo misurarsi con quello che è considerato un capolavoro; un'impresa da far tremare i polsi, che però non ha fermato il canadese Denis Villeneuve, definito come uno dei migliori registi oggi in attività: 

Parte del merito va a anche al reparto tecnico. In molti citano il lavoro strabiliante di Roger Deakins, il celebre direttore di fotografia dei fratelli Coen (e di Villeneuve stesso) che non ha mai vinto un Oscar, pur essendo stato nominato ben 13 volte nella sua vita. Ora che il dibattito comincia a scaldarsi e i primi sondaggi danno proprio Blade Runner 2049 come uno dei film favoriti alla corsa agli Academy Awards, recensioni così lusinghiere potrebbero davvero aprire la strada agli Oscar all'intero progetto. 

Denis Villeneuve ha diretto un degno sequel di Blade Runner?

Ai posteri d'ardua sentenza, ma i cinefili sanno che se c'è un regista che può uscire vincente da questa incredibile sfida è proprio lui. Canadese classe 1967, Denis Villeneuve è da tempo noto nel circuito festivaliero per i suoi memorabili film dall'esecuzione perfetta e dallo stile impeccabile: ad oggi ha diretto 10 film e non ne ha mai sbagliato uno. 

Il suo primo lungometraggio che ha attirato l'attenzione del pubblico (il primo ad essere distribuito in Italia) risale al 2010: La Donna che canta è un film a cavallo tra il dramma e il thriller capace di sconvolgere lo spettatore. Tre anni dopo arriva il debutto a Hollywood con un poliziesco classico dal cast strepitoso e dalla trama oscura, Prisoners, seguito da Enemy (ancora inedito in Italia). Con Sicario e Arrival Villeneuve regala a due grandi attrici, Emily Blunt e Amy Adams, due ruoli memorabili e attira l'attenzione dell'Academy. 

Un primo piano di Denis Villeneuve, regista di Blade Runner 2049.HDGettyImages
Denis Villeneuve potrebbe aver diretto un degno sequel di Blade Runner

Dopo aver desiderato per anni di dirigere un film di fantascienza e aver convinto gli scettici con Arrival, Denis Villeneuve è stato scelto per ereditare da Ridley Scott la saga di Blade Runner. Il futuro cosa gli riserverà? In passato ha più volte detto di sognare di dirigere un remake di Dune - celeberrima saga fantascientifica già portata al cinema da David Lynch - ma Daniel Craig lo vorrebbe al timone del prossimo lungometraggio di James Bond

Se davvero Blade Runner sarà così strepitoso, Villeneuve potrà chiedere e ottenere davvero qualsiasi cosa. 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.