Stai leggendo: Babylon Sisters, al cinema il film che porta Bollywood a Trieste

Prossimo articolo: Pretty Woman diventa un musical con le canzoni di Bryan Adams

Letto: {{progress}}

Babylon Sisters, al cinema il film che porta Bollywood a Trieste

Una vitale storia di migrazione tra danza, musica, donne e uomini girato a Trieste.

Un fotogramma del film Babylon Sisters

4 condivisioni 0 commenti

Il film Babylon Sisters di Gigi Roccati è una storia di danza, donne e migrazione che ha già riscosso riconoscimenti di critica e pubblico in festival quali la Festa del Cinema di Roma e il London Indian Film Festival. Babylon Sisters, al cinema dal 28 settembre, è interpretato da Amber Dutta (la piccola ballerina già finalista di Italia’s Got Talent), Nav Ghotra, Lucia Mascino, Peppe Voltarelli e Renato Carpentieri, e racconta la storia di Kamla (Dutta), una bambina che da poco si è trasferita con i genitori in un palazzo alla periferia di Trieste abitato da altre famiglie di immigrati e da un vecchio professore burbero.

Le protagoniste del film Babylon Sisters Nav Ghotra e Amber DuttaHDLo scrittoio
Nav Ghotra e Amber Dutta

Quando arriva la lettera di sfratto, tutta la famiglia cerca in ogni modo di non lasciare la propria casa, ma le reazioni sono diverse tra uomini e donne. Shanti (Ghotra) non si infuria e dispera come il marito, ma pensa invece solo a come risolvere il problema: lei dalla sua ha un dono, quello di saper ballare proprio come una star di Bollywood, e con l'aiuto di un'amica italiana progetta una scuola di danza. Questa sarà l'occasione di riscatto personale, familiare e collettivo, mentre la piccola Kamla riuscirà a sciogliere il cuore del professor Leone (Carpentieri) che gli immigrati proprio non li vuole vedere. E, nel frattempo, in città già si parla delle Babylon Sisters!

Renato Carpentieri insieme ad Amber Dutta in una scena di Babylon SistersHDLo scrittoio
Renato Carpentieri e Amber Dutta

Il film è liberamente ispirato al romanzo Amiche per la pelle della scrittrice indiana Laila Wadia, che da trent'anni vive a Trieste. Racconta il regista:

Il titolo del film è ispirato proprio alla sorellanza di un gruppo di donne che si uniscono nella lotta per la casa e finiscono poi per aprire una scuola di ballo in una periferia degradata, diventando una rock band di quartiere. Mi affascinava esplorare un'idea di bellezza senza stereotipi.

Non perdete l’occasione di incontrare il cast ed il regista Gigi Roccati quando presenteranno il film il 28 settembre al cinema Farnese di Roma, il 29 al Palestrina di Milano e il 30 al cinema Ariston di Trieste.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.