Stai leggendo: Attacchi con l'acido: le regole salvavita per soccorere la vittima e la situazione in Italia

Prossimo articolo: Giornata Mondiale della Contraccezione: in Italia non avere figli costa troppo

Letto: {{progress}}

Attacchi con l'acido: le regole salvavita per soccorere la vittima e la situazione in Italia

Dal 2013 ad oggi gli attacchi con l’acido in Europa sono raddoppiati e anche in Italia la situazione è disarmante, ecco alcuni consigli per prestare soccorso alle vittime: la prontezza è tutto.

Gli effetti dell'acido

0 condivisioni 0 commenti

Negli ultimi giorni a Londra 6 persone sono rimaste vittime collaterali di un attacco con l’acido durante una rissa tra baby gang in un centro commerciale a Stratford e a Marsiglia 4 turiste americane sono state sfregiate con sostanze corrosive alla stazione da una donna di 41 anni, ritenuta dalle forze dell’ordine “instabile”.

Questi sono solo i più recenti casi di cronaca nera riguardanti l’uso di acidi come “arma” (economica e facilmente reperibile) ma, secondo una recente ricerca, in Europa sono aumentate del 120% queste tipologie di attacchi e solo in Italia sono triplicate, complice l’assenza di una legge ad hoc atta a punirle.

La differenza tra quello che accade in Italia rispetto agli altri paesi è che, in linea di massima, la matrice degli attacchi con l’acido nel Belpaese è quasi sempre passionale, come dimostrano, tra le altre, le note e drammatiche vicende di Gessica Notaro, Lucia Anniballi e Domenica Foti.

Gli attacchi con l’acido sono la forma più meschina di violenza di genere perché quello che tentano di fare gli uomini e le donne che si macchiano di tale atrocità è cancellare, letteralmente, l’altra persona la quale - nel migliore dei casi - porterà sul volto, sul corpo e nell’anima per sempre i segni visibili di tale sopraffazione.

Attacchi con l’acido: la legge in Italia

Per ora in Italia i criminali che usano l’acido per “punire” le loro vittime rispondono al reato di lesioni gravissime e la pena prevista è la reclusione da 6 a 12 anni se dal fatto deriva un danno permanente al viso, ma in questo momento in Senato è “in fieri” una proposta di legge per introdurre nel codice penale l’omicidio di identità per chi sfregia con l’acido - o altro - il volto di una persona. 

La Prima firmataria la senatrice del PD Laura Puppato e la legge, che non ha eguali in Europa, è sostenuta da tantissime donne e uomini di ogni schieramento.

Attacchi con l’acido: come aiutare la vittima

Segnale che avverte della presenza di sostanze corrosiveHD

Il copioso aumento di casi di attacchi con l’acido in Inghilterra - a Londra tra il 2011 e il 2016 le aggressioni sono state 1500, 431 solo nell’ultimo anno - ha portato il servizio sanitario inglese a creare un vero e proprio vademecum di primo soccorso per far sì che chi venga colpito da sostanze corrosive possa aiutarsi o essere aiutato, in attesa dell'arrivo del personale medico che va immediatamente allertato.

Qualora la sostanza acida fosse in polvere la prima cosa da fare è coprire le mani con un qualsiasi indumento non contaminato e cercare di toglierne il più possibile dal corpo della vittima. Se, come nella maggior parte dei casi, l’acido è in forma liquida, questi sono i consigli da seguire stando attenti a non venire a contatto diretto con l'agente corrosivo:

  • Togliere tutti i vestiti/gioielli entrati a contatto con l’acido
  • Risciacquare immediatamente l'area interessata con acqua dolce o minerale (e nessun altro tipo di sostanza liquida), assicurandosi che sia incontaminata;
  • Lavare la parte del corpo bruciata con acqua fredda finché il dolore inizia a diminuire. Ciò può richiedere 45 minuti;
  • Se possibile, avvolgere con delicatezza la zona bruciata con una garza sterile per prevenire la contaminazione della ferita.

Via The Sun

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.