Stai leggendo: I migliori paesi nel mondo dove trasferirsi e vivere se sei una donna

Letto: {{progress}}

I migliori paesi nel mondo dove trasferirsi e vivere se sei una donna

I paesi che offrono maggiori opportunità alle donne si trovano principalmente in nord Europa dove è possibile fare carriera in politica, riuscire a mantenere il posto di lavoro durante la maternità ed avere gli stessi diritti degli uomini.

Una donna in aeroporto, con una valigia e un caffè in mano, guarda un aereo che decolla

24 condivisioni 1 commento

La parità tra il genere maschile e quello femminile è ancora un'utopia nel 2017? A quanto pare sì, il mondo si divide al giorno d'oggi in paesi molto differenti tra di loro, per lo meno per quanto riguarda le opportunità che offrono, attraverso i loro servizi e trattamenti, verso il genere femminile. Uguaglianza, opportunità di carriera, maternità e leggi annesse, sicurezza, ecco solo alcuni dei motivi per cui una donna potrebbe scegliere un paese rispetto ad un altro o effettivamente, motivazioni concrete per cui potrebbe lasciare la propria nazione per un'altra. Alcuni paesi sono oggettivamente "migliori" rispetto ad altri nel trattamento verso le donne, ecco i primi in classifica che rispettano la parità di genere e diritti tra i due sessi.

Svezia

Immagine delle case svedesi affacciate sul fiume all'ora del tramontoHD

Il nord Europa, oltre ad essere magnifico da visitare, pare essere decisamente primo nella classifica mondiale per i migliori trattamenti riservati alle donne e al numero uno appare la Svezia: basti solo notare che all'interno del panorama della politica svedese metà del personale in carica è di genere femminile, che la maternità è assistita a livello lavorativo a trecentosessanta gradi (come ad esempio per quanto riguarda l'assistenza prenatale gratuita) e il congedo parentale è tra i più redditizi al mondo. La percentuale di occupazione femminile è molto alta e assistenza sanitaria e istruzione sono gratuite. Se aggiungiamo che la qualità di vita è alta e che è un paese organizzato e sicuro, pare che non ci resti che organizzare la partenza e puntare dritte al nord.

Danimarca 

La case colorate e le barche ormeggiate sul fiume alla luce del tramontoHD

Al secondo posto troviamo nuovamente una nazione europea e situata al nord. I motivi? La Danimarca, così come la Svezia, non considera la donna "il sesso debole" ma anzi, la protegge aiutandola, grazie a valide leggi sulla maternità e sanità, oltre che ad un concreto aiuto economico proveniente dallo stato, calcolato secondo il reddito familiare. Le prospettive di occupazione e carriera sono concrete e regolate da modelli di carriera e bilanciamento tra lavoro e disoccupazione, secondo il mercato e una politica di sostegno ben definita.

Paesi Bassi

Due ragazze sorridono chiacchierando mentre passeggiano con le loro biciHD

L'Olanda offre alle donne e alle neo-mamme sostegno e soluzioni pratiche. Un esempio: tata gratuita per i primi mesi post-parto per le donne lavoratrici. Vi sembra un sogno? Eppure è reale e spesso comune nei paesi del nord Europa che offrono anche flessibilità negli orari e possibilità di organizzarsi con il lavoro anche da casa.

Canada

Una ragazza con un maglione sorride con, sullo sfondo, un fiordoHD

Per il quarto paese classificato tra i migliori in cui abitare se siete donne, ci spostiamo sempre al nord ma dell'America, in Canada. Questo paese è gestito nell'ambiente della politica metà dal genere maschile e metà da quello femminile, così come da giovani con pensieri all'avanguardia e femministi. Immigrate o autoctone, questo paese promuove l'occupazione soprattutto delle donne, grazie a leggi specifiche e politiche di sostegno.

Norvegia

Una cartina dell'Europa e l'inquadratura con una lente a contatto sulla Norvegia e SveziaHD

Il costo della vita sarà anche alto e le condizioni climatiche non sempre tra le più favorevoli, ma pare che i paesi scandinavi siano i migliori come leggi e protezione verso le donne: ne fa così parte anche la Norvegia, che come la Svezia, incentiva il lavoro femminile e la maternità. Le donne possono richiedere trentacinque settimane di maternità totalmente pagate, oppure quarantacinque pagate all'ottanta per cento e questo paese viene considerato uno tra i più equilibrati sia nelle opportunità che offrono, che nel trattamento riservato in più settori, anche ad esempio a livello di sanità.

Nuova Zelanda

Un trenino rosso su dei binari viaggia verso la cittàHD

La Nuova Zelanda vanta la più alta percentuale di occupazione di donne, con un'alta scolarizzazione e il minor divario di stipendi tra uomini e donne. Vi sembra un'utopia? In questo paese ci sono anche leggi dedicate esclusivamente a proteggere il "sesso debole", contro la violenza domestica e quella sessuale, collocandolo così tra i più sicuri al mondo. Il numero di donne che occupano cariche professionali alte e di prestigio è inoltre alto e quasi pari a quello degli uomini.

Se siete tra quelle persone che sentono la necessità di dare una svolta alla vostra quotidianità e siete alla ricerca di un posto che incentivi la vostra carriera, senza che la vita privata venga messa da parte, non vi resta che fare le valige e scegliere la vostra destinazione.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.