Stai leggendo: Working Girl: i migliori film sulle donne in carriera

Prossimo articolo: Breathe, il nuovo trailer del film con Claire Foy e Andrew Garfield

Letto: {{progress}}

Working Girl: i migliori film sulle donne in carriera

Il 22 settembre è il Business Women’s Day e per festeggiarlo abbiamo deciso di stilare una lista dei 10 film che meglio raccontano i vari tipi di donne in carriera.

I protagonisti di Una donna in carriera

3 condivisioni 1 commento

Il cinema, fortunatamente, ha esplorato spesso tutte le sfaccettature e le peculiarità dell’altra metà del cielo in film che hanno messo in luce le nostre fragilità, la nostra anima da sognatrici ma anche l’innata grinta e la voglia di emergere che ci caratterizzano e ci fanno superare gli ostacoli che la società pone davanti a chi ha avuto il privilegio di nascere donna.

E, a proposito di grinta, la settima arte ci ha regalato tantissimi lungometraggi che hanno raccontano la storia di figure femminili - realmente esistite o immaginarie - da cui prendere spunto ed estrapolare consigli per affrontare il mondo del lavoro con successo e senza scendere a compromessi.

Da Il diavolo veste Prada a Erin Brockovich, ecco quali sono i 10 migliori film sulle donne in carriera da vedere o (ri)vedere durante il Business Women’s Day.

10 - Il diavolo veste Prada

Una scena del film Il diavolo veste Prada HD20th Century Fox

Ispirato all'omonimo romanzo chick lit di Lauren Weisberger, Il diavolo veste Prada vede come protagonista la neolaureata Andy Sachs (Anne Hathaway), aspirante giornalista che trova lavoro come seconda assistente di Miranda Priestley (Meryl Streep), potente e temutissima direttrice della rivista di moda Runway.

Nonostante Andy faccia di tutto per tentare di omologarsi a un mondo che non le appartiene - mettendo anche a repentaglio la sua vita privata - alla fine decide coraggiosamente di continuare a coltivare i suoi ideali e questa scelta le varrà la realizzazione del primo passo verso il tanto agognato mondo della carta stampata “impegnata”, oltre che la stima della perfida Miranda.

Oh, non essere ridicola, Andrea! Tutti vogliono questa vita. Tutti vogliono essere noi.

9- La rivincita delle bionde

Reese Witherspoon in La rivincita delle biondeHD20th Century Fox

Poche cose come un uomo che ti lascia perché sei “troppo bionda e poco seria” può dare a una donna la carica per farlo ricredere, e lo sa bene Elle Woods (Reese Witherspoon) la protagonista de La rivincita delle bionde che proprio a causa di queste parole pronunciate dal suo Warner (Matthew Davis), decide di dimostrare a lui (e a se stessa) quello di cui è capace entrando ad Harvard e riuscendo a diventare una bizzarra e decisa aspirante avvocato senza mai rinunciare alla sua più grande virtù: la frivolezza.

Io credo che la passione sia una delle cose più fondamentali dello studio e della vita… Consapevoli del fatto che le prime impressioni non sempre sono quello che sembrano.

8 - Erin Brockovich

Erin Brockovich un'immagine del filmHDUniversal Pictures

Film tutto al femminile diretto da Steven Soderbergh, Erin Brockovich narra la storia della tenace donna realmente esistita a cui è dedicato anche il titolo della pellicola. 

Nel lungometraggio, infatti Julia Roberts (che grazie a questo ruolo ha vinto un premio Oscar) è Erin, madre di tre figli e segretaria precaria di uno studio legale che, complice un grande senso di giustizia e una tempra invidiabile, comincia a indagare sulla Pacific Gas and Electric Company, società responsabile della contaminazione di falde acquifere alla quale si deve un sostanzioso incremento di casi di tumori.

Visto che non ho cervello, né esperienza legale, sono andata lì, ho distribuito 634 favori sessuali, 634 pompini in 5 giorni. In effetti sono un po' provata...

7) Dalle 9 alle 5 orario continuato

Un scena di Dalle 9 alle 5 orario continuatoHD20th Century Fox

Commedia di Colin Higgins che ironizza sulle ingiustizie del lavoro corporativo nell’America degli anni ‘80, Dalle 9 alle 5 orario continuato vede come protagonista l’audace Judy Bernly (Jane Fonda) che, lasciata dal marito, si tira su le maniche e trova lavoro come segretaria presso una grande compagnia. 

Judy instaura immediatamente un ottimo rapporto con le sue college Violet Newstead (Lily Tomlin) e Doralee Rhodes (Dolly Parton), con le quali decide di tentare di apportare delle modifiche all’inflessibile sistema lavorativo del loro capo Franklin Hart (Dabney Coleman), cambiamenti che riusciranno a fare ma solo in seguito a delle rocambolesche avventure.

Se si azzarda solo a dire un'altra parola di me o a farmi proposte indecenti io vado a prendere quella pistola e con una pallottola sola io la trasformo da galletto in cappone.

6) Ricatto d’amore

Ryan Reynolds e Sandra Bullock in Ricatto d’amoreDisney

Sandra Bullock e Ryan Reynolds sono i protagonisti di Ricatto d’amore, commedia del 2009 che ci ha regalato una delle migliori donne in carriera del grande schermo.

La Bullock nel film diretto da Anne Fletcher è Margaret Tale, la potente direttrice di una casa editrice che, per non essere rispedita in Canada, sarà costretta a instaurare un fittizio rapporto d’amore con il suo bistrattato assistente Andrew (Reynolds) e in seguito al quale (ri)troverà un po’ di umanità.

Toccami il sedere un' altra volta e ti taglio le palle mentre dormi.

5) Big Eyes

Amy Adams in una scena di Amy AdamsHDLucky Red

Tim Burton nel suo Big Eyes ha voluto raccontare la vera storia di Margaret Keane, in questo film interpretata da Amy Adams, pittrice statunitense degli anni cinquanta e sessanta, e del marito Walter Keane (Christoph Waltz).

Walter, infatti, per anni è stato ritenuto l’autore delle delle opere dagli "occhi pazzi" in realtà dipinte dalla moglie che alla fine rivendicherà la maternità dei quadri davanti al mondo intero.

Purtroppo, la gente non compra opere d'arte realizzate da donne.

4) Ma come fa a far tutto?

Sarah Jessica Parker  in una scena di Ma come fa a far tutto?HDThe Weinstein Company

Il titolo della commedia del 2011 diretta da Douglas McGrath riprende la domanda che molti uomini fanno alle madri lavoratrici: Ma come fa a far tutto?

E infatti la protagonista di questo film, leggero ma decisamente dedicato alle donne (e mamme) in carriera, è Kate Reddy (Sarah Jessica Parker), una 35enne che riesce a far combaciare il suo grande impegno nella ditta di gestione finanziaria per la quale lavora, un felice matrimonio con l’architetto disoccupato Richard (Greg Kinnear) e lo splendido rapporto con i suoi tre figli anche se gli ostacoli sono sempre dietro l’angolo…

...cercare di essere un uomo vuol dire sprecare una donna!

3) The Help

Una scena di The HelpHDDisney

Tratto dal romanzo L'aiuto di Kathryn Stockett, The Help ha come protagonista l’anacronistica Skeeter (Emma Stone) che, nell’America degli anni ’60 non coltiva il sogno di una famiglia felice - come le sue coetanee - ma quello di diventare una giornalista.

Ad aiutarla nella sua impresa saranno alcune governanti afroamericane che lavorano presso le famiglie borghesi di una cittadina in Mississippi, la cui storia riempirà le pagine del progetto editoriale che la ragazza sta scrivendo per un’importante casa editrice di New York.

Il coraggio talvolta salta una generazione. Grazie per averlo riportato nella nostra famiglia.

2) Il diritto di contare

Taraji P. Henson in una scena di Il diritto di contare20th Century Fox

Sempre negli anni ’60 è ambientato Il diritto di contare, film diretto da Theodore Melfi e trasposizione del romanzo Hidden Figures: The Story of the African-American Women Who Helped Win the Space Race di Margot Lee Shetterly.

La pellicola narra la vera storia della matematica, scienziata e fisica afroamericana Katherine Johnson (Taraji P. Henson), che ha collaborato con la NASA, vincendo la battaglia aperta contro il razzismo e il sessismo imperante dell’epoca, riuscendo a tracciare le traiettorie per il Programma Mercury e la missione Apollo 11. 

Oltre a quella della Johnson il lungometraggio descrive anche le figure di altre donne che all’epoca furono fondamentali per NASA, ovvero la matematica Dorothy Vaughan (Octavia Spencer) e Mary Jackson (Janelle Monáe) il primo ingegnere donna di colore dell'agenzia governativa civile responsabile del programma spaziale degli Stati Uniti d’America.

- Sbavi per questi uomini bianchi?

- Abbiamo gli stessi diritti. Ho il diritto di vedere il fascino in ogni colore.

1) Una donna in carriera

Cult del 1988 di Mike Nichols definito dal New York Times la versione moderna della favola di Cenerentola, Una donna in carriera racconta l’ascesa della trentenne Tess McGill (Melanie Griffith) da semplice segretaria sfruttata dal suo capo Katherine Parker (Sigourney Weaver) a esponente dell’alta finanza capace, grazie alla sua furbizia, di sfidare e vincere le regole di una società sessista e classista.

Ho un cervello per gli affari, e un corpo per il peccato. Ci trova qualcosa da ridire?

Qual è tra queste donne in carriera del cinema quella che ammirate di più? Fatecelo sapere nei commenti!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.