Stai leggendo: ll messaggio femminista segreto nell'outfit di Elisabeth Moss agli Emmy

Prossimo articolo: Emmy Awards 2017, Nicole Kidman commuove con un discorso sulle donne

Letto: {{progress}}

ll messaggio femminista segreto nell'outfit di Elisabeth Moss agli Emmy

Elisabeth Moss, protagonista vittoriosa di The Handmaid’s Tale, agli Emmy 2017 ha sfoderato un look apparentemente bon-ton ma che nascondeva un messaggio femminista.

Elisabeth Moss in primo piano

1 condivisione 1 commento

Elisabeth Moss si è rivelata una personalità chiave dell’ultima edizione degli Emmy, dove è stata premiata per la sua interpretazione di Difred (Offred in lingua originale, un vero e proprio complemento di apparenza in quanto l'ancella è "di Fred").

Difred è un'ancella tenuta prigioniera e obbligata a generare figli nella serie claustrofobica e distopica di Hulu, The Handmaid’s Tale.

Ma Elisabeth Moss, stando al riassunto di Telegraph, non si sarebbe limitata a ricevere applausi sul palco del Microsoft Theater di Los Angeles, ma avrebbe approfittato dell’occasione per lanciare un messaggio femminista

Elisabeth Moss: outfit rosa e femminile per sottolineare l'empowerment

Il look di Elisabeth, annoverato immediatamente tra quelli delle Best Dressed della serata, consisteva in un abito bon-ton rosa pallido firmato Prabal Gurung, di raso e con gonna scampanata al ginocchio.

L’abito era assolutamente femminile e rispondeva a una precisa scelta, da parte dello stilista nepalese Gurung, di mettere in luce un’Elisabeth Moss che giocasse con le convenzioni stilistiche di gender. La preferenza per il rosa chiaro, a questo proposito, non è stata casuale.

Abbiamo voluto mostrare la forza e la determinazione di Elisabeth Moss con un aspetto iper-femminile, in modo da dimostrare che abbracciando la femminilità si esercita sempre e comunque l’empowerment.

Elisabeth Moss sul red carpet degli EmmyHDGetty Images
Elisabeth Moss e l'outfit femminile e femminista

L’outfit assolutamente impeccabile e apparentemente neutro nascondeva un criptomessaggio sulla suola delle scarpe decolleté in tinta con l’abito. In realtà il riferimento non era neanche così nascosto perché la “stylist delle celebrity” Karla Welch ha condiviso su Instagram una foto della suola color crema con scritta in bella calligrafia la parola OFF.

Già la scelta è significativa, come a indicare che OFF ("di + iniziale di Fred", dall'inglese) viene messo sotto le scarpe dall'interprete dell'ancella.

La Welch ha poi lanciato un indovinello.

Dovete indovinare cosa c’è scritto sotto l’altra suola. Questa è la nostra risposta al patriarcato. #TeamResistence.

You'll have to guess what the other shoe says.... our note to the patriarchy #teamresistance

A post shared by Karla Welch (@karlawelchstylist) on

I social si sono lanciati nelle possibili risposte: è probabile che sotto l’altra suola ci fosse un termine forse non raffinatissimo ma emblematico: “F** Off”. 

😎 #emmys #handmaidstale

A post shared by Elisabeth Moss (@elisabethmossofficial) on

Il riferimento alla condizione delle ancelle vessate è lampante, ma probabilmente Elisabeth Moss e i suoi stylist hanno voluto utilizzare il “pretesto” della serie, in cui le donne sono trattate in modo durissimo, come “paradigma estremo” per portare l’attenzione sulle questioni femminili che toccano ancora in modo scottante i temi contemporanei di attualità. 

Elisabeth Moss, Hollywood e le donne

The Handmaid’s Tale racconta storie di donne oppresse e tenute prigioniere contro la loro volontà, oltre che costrette ad avere rapporti sessuali e partorire figli che non vedranno crescere. La serie mette in scena una situazione ai confini della realtà, ma i concetti puri, slegati dalle vicende, sono preziosi per essere applicati a una riflessione più ampia sulla figura della donna

L’argomento è perfettamente in linea con l’edizione 2017 degli Emmy: il piccolo schermo quest’anno è stato dominato dalla presenza di strong women, di personalità femminili (e femministe) forti, granitiche e per nulla scontate.

Elisabeth ha vinto il premio Emmy come Miglior attrice in una serie drammatica.

Dopo la sua vittoria, la Moss ha approfittato della ribalta per approfondire un tema che le è caro. Le sue parole sono state riportate da Telegraph.

Abbiamo fatto progressi incredibili [sul tema disuguaglianza di genere a Hollywood, n.d.r.]. Ma c’è ancora molto da lavorare. Ci sono ancora incontri dove si dice ‘No’ a prescindere perché il progetto è proposto da una donna o riguarda una donna.

Ma sia chiaro: Elisabeth Moss è tutto tranne che una femminista scontata, che non fa attenzione alle sfumature e ai chiaroscuri.

Una scena di Difred in The Handmaid's TaleHDHulu
Elisabeth Moss in The Handmaid's Tale

Postfemminismo e ruoli anticoncezionali: il percorso di Elisabeth Moss prima e dopo le ancelle

L’attrice, una bellezza anticonvenzionale, è idonea ai ruoli di antieroine e ha sempre accettato (per caso o per scelta) interpretazioni che mettessero in discussione il concetto stesso di femminilità in modo complesso.

La Moss è stata Peggy Olson in Mad Men, dove da segretaria diventava copywriter rampante nella New York degli anni ’50, ’60 e oltre, ma non senza passi falsi e ripensamenti.

E Mad Men ha parlato di donne in modo brillante, tutt'altro che scontato ed estremamente analitico, senza bypassare contraddizioni e sfumature.

Peggy Olson in una scena di Mad MenGiphy
Peggy, donna in carriera in Mad Men

Ora Elisabeth Moss si prepara alla seconda stagione di The Handmaid’s Tale dove tornerà nei difficili panni di June/Difred, sottomessa dalla folle dittatura e dal fanatismo religioso.

Ma, siamo sicuri, prima o poi Difred riuscirà a tornare June... e a tornare a casa.

Come lei stessa ha ribadito agli Emmy... al termine "OFF" inteso come "Di Fred" (o "di chiunque altro") non si può che rispondere con "F*** Off". 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.