Stai leggendo: Capelli autunno 2017: Cream Soda, la nuova magnetica tendenza hair

Prossimo articolo: Emma Watson ha i capelli più ammirati di Pinterest

Letto: {{progress}}

Capelli autunno 2017: Cream Soda, la nuova magnetica tendenza hair

Ha le sfumature di un cappuccino ordinato al bar, ma è il nuovo colore di capelli che sta spopolando tra i primi scampoli d'autunno. Ecco la nuance Cream Soda.

Un collage di capelli Cream Soda

3 condivisioni 5 commenti

Abbiamo già parlato di come porteremo i capelli nell’autunno e inverno 2017: saranno corti, ricci, colorati, asimmetrici, sfumati e non senza qualche eccesso.

Il colore rimane uno dei più grandi protagonisti della stagione, proprio come il Sunset e il Peach avevano caratterizzato la primavera-estate e il Blorange e il Grey avevano segnato i primi mesi del 2017, prendendo il posto dei colori pastello Quarz e Serenity, le tinte Pantone must-have del 2016. 

Si sa: in autunno spesso s’invertono le tendenze.

Le ondulature da spiaggia lunghe, fluenti e naturali lasciano il posto a tagli squadrati, i riccioli si trasformano in lisci ostinati e in frange ordinate, i volumi afro preferiscono riconfigurarsi in hairstyle più corti e precisi, adatti alla stagione fredda.

Abbiamo già detto che le novità hair degli ultimi mesi del 2017 consisteranno nella presa di potere delle tinte forti e squillanti, dei colori primari e delle sfumature accentuate. In particolare, spiccheranno le ciocche bold giallo canarino o rosso scarlatto all’interno di chiome biondo cenere o nere.

Ma gli esperti parlano anche di un altro colore che spopolerà sicuramente nei mesi dei cappotti, delle slitte e della lana: il Cream Soda.

Tra la panna e il caffè con sfumature dorate: il color Cream Soda

La fine dell’anno si tinge di crema, parola degli hairstylist più famosi di Los Angeles come Sunnie Brook, intervistata da Refinery 29.

L’hairstylist, che segue star come Hailey Baldwin o Claire Holt, ha svelato come la richiesta di colorazioni Cream Soda stia aumentando di giorno in giorno.

È una tinta calda, ricca e può essere adattata sia sulle bionde che sulle brune. E dà luce al viso.

È l'equilibrio delle sfumature a costituire, secondo la Brook, il motivo del successo della nuance: la tinta Cream Soda non è troppo gelida, non è troppo artificiale, non è troppo gialla, non è troppo scura ma offre un calibratissimo mix.

Tra le star che hanno deciso di adottare la naturalità della tinta Cream Soda c’è anche la supertop Gigi Hadid.

Bionda e bruna contemporaneamente? È possibile, con il Cream Soda

Ma in cosa consiste esattamente questa nuance?

Il Cream Soda è il colore-via di mezzo che crea, per la prima volta, un possibile ponte tricologico tra bionde e more.

Il “colore di confine” prende qualche sfumatura del beige e qualcun’altra del marrone senza dimenticare i riflessi dorati. È una tonalità fatta di sfumature, un upgrade chiaro per le castane e un ammorbidimento scuro per le biondissime. 

Cream Soda Delight✨💕 created by the one and only @madolynn_ 🙌

A post shared by Sil'vie Hair Studio (@silviehair) on

Il Cream Soda può anche definirsi un castano che tende al biondo, soprattutto sulle punte. Contrariamente al Grey e al Silver, al Peach e al Blorange, questa nuova colorazione non raffredda l’incarnato ma lo riscalda, aiutando a contrastare l’attenuarsi dell’abbronzatura (un po’ come il color Pumpkin dello scorso anno).

L'innovazione rispetto alle tinte precedenti è proprio la presenza di riflessi warm, una punta dorata che si mescola alle sfumature scure e vanigliate costituendo un equilibrio cromatico innovativo.

Attenzione: esistono varie declinazioni di Cream Soda. Non è un codice cromatico rigido e univoco ma permette di sperimentare sia con la base che con le lunghezze.

Ad adottarlo ha provveduto anche Elisabeth Moss, l’attrice protagonista di The Handmaid’s Tale che aveva interpretato anche Peggy in Mad Men. 

💙💋 @mrselfportrait @roland_mouret @prabalgurung #EmmyMagazine #HandmaidsTale

A post shared by Elisabeth Moss (@elisabethmossofficial) on

Ogni Cream Soda è diverso dall’altro: c’è chi punta sul contrasto chiaro-scuro, chi cerca di dare un effetto chiaro e globalmente naturale e chi si concentra sulle sfumature delle punte. La soggettività di questo colore lo rende estremamente versatile e diffuso, tanto che la preponderanza di sfumature scure o chiare può essere assolutamente variabile.

Che ne pensate di questo nuovo colore? Ci state già facendo un pensierino?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.