Stai leggendo: Marrakech dedica un museo a Yves Saint Laurent

Prossimo articolo: 5 offerte di viaggio per il Ponte dell’Immacolata dall'Islanda a Dubai

Letto: {{progress}}

Marrakech dedica un museo a Yves Saint Laurent

A pochi passi dal Jardin Majorelle che ospita le ceneri del famoso stilista, apre questo autunno il Musée Yves Saint Laurent Marrakech: un ottimo pretesto per una vacanza in Marocco con un paio di amiche.

Medina della Moschea di Koutubia a Marrakech

8 condivisioni 4 commenti

Sarà dedicato ai lavori del celebre stilista francese il nuovo Musée Yves Saint Laurent Marrakech (mYSLm) che aprirà i battenti a Marrakech, Marocco, questo autunno. La città marocchina è celebre anche per i colorati Jardin Majorelle , un complesso di fontane ed edifici giallo e blu acceso, dove riposano le ceneri dello stilista innamorato di Marrakech. Il nuovo museo dedicato ad Yves Saint Laurent ospiterà una ricca selezione di capolavori provenienti dalla Fondation Pierre Bergé, con cinquemila capi d’abbigliamento, 15mila accessori di haute couture e moltissimi disegni.

Il Museo di Yves Saint Laurent

L’edificio del museo è stato progettato dagli architetti francesi di Studio KO, si espande su una superficie di 4000 metri quadrati vicino ai Jardin Majorelle e accoglie spazi per esposizioni permanenti e temporanee, un auditorium, una libreria, un ristorante con terrazza ed una biblioteca.

Il complesso è costruito secondo uno stile che si ispira all’architettura marocchina tradizionale e contemporanea, combinando diversi materiali tra cui terracotta e cemento, come spiega il team di Studio KO:

Il museo Yves Saint Laurent di Marrakech riassume in sé due universi che conosciamo bene e che ci stanno particolarmente a cuore: il Marocco e la moda. Abbiamo lavorato in questo Paese, lo stesso che tanto ispirò Yves Saint Laurent, sin dall’inizio delle nostre carriere e abbiamo infine deciso di aprire qui un nostro ufficio. È un grande piacere per noi lavorare con la Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent su un progetto così ambizioso e contribuire a tramandare il lascito del più influente stilista del 20esimo secolo.

L' inaugurazione è prevista per ottobre, in coincidenza con l’apertura di un altro museo dedicato ad Yves Saint Laurent a Parigi, al numero 5 di Avenue Marceau, presso la sede della Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent. Così raccontava Pierre Bergè, recentemente scomparso, ex compagno di vita di Yves Saint Laurent e cofondatore dell’omonima maison, il loro rapporto con la città di Marrakech:

Yves Saint Laurent ed io scoprimmo Marrakech nel 1966 e non ce ne andammo più. Questa città è stata profondamente influenzata dalla vita e dal lavoro di Saint Laurent, soprattutto per quanto riguarda la sua scoperta del colore.

Che cosa vedere a Marrakech

La visita al museo può essere un ottimo pretesto per una fuga tra amiche quest’autunno proprio nella città di Marrakech: oltre al Jardin Majorelle, ci si perde nei mercati della gigantesca piazza Jamaa el Fnaa, che nel pomeriggio si riempie di venditori, chiromanti, ballerini e cantastorie, o si ammirano le stupende architetture del Minareto Koutoubia, della Madrassa Ali Ben Youssef e del Palazzo Bahia.

Interno della HD
L'interno della Madrassa Ali Ben Yussef a Marrakech.

E la sera? Ci si rilassa nelle riad, le vecchie dimore tradizionali marocchine con giardini interni riconvertite in hotel. C’è Jnane Adia, un resort che combina armoniosamente le antiche tecniche di costruzione marocchine alle forme moderne e dove tutto ruota intorno ad una maestosa kaidal, una tenda tradizionale marocchina, che ospita la sala ristorante. Oppure, c’è Riad Si Siad con sette suite disposte su due piani, decorata in oro e crema con le tradizionali piastrelle del Marocco, dotata di piscina jacuzzi e hammam.

Avete ancora dubbi su quale sarà la vostra meta per il prossimo weekend lungo con le amiche?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.