Stai leggendo: Dalle grandi dive alle nuove leve: le meglio e peggio vestite sul red carpet degli Emmy 2017

Prossimo articolo: Emmy Awards 2017: da This is Us ad Atlanta, tutti i vincitori

Letto: {{progress}}

Dalle grandi dive alle nuove leve: le meglio e peggio vestite sul red carpet degli Emmy 2017

Dalle visioni celestiali di Nicole Kidman e Michelle Pfeiffer al look elegante di Elisabeth Moss fino a chi ha esagerato con spacchi e scollature: ecco le meglio (e peggio) vestite degli Emmy 2017.

6 condivisioni 6 commenti

Sono in molti a pensare che negli anni ’10 le serie TV abbiano (quasi) soppiantato l’importanza e l’imponenza dei film sul grande schermo.

Complici sono state le piattaforme di streaming pay e l’offerta sempre più ricca, sempre più di qualità.

Il 2017 è stato un anno fondamentale per le serie TV, che hanno visto l’ascesa di tante e diverse new entry affiancate da prodotti consolidati arrivati alla loro sesta, settima, ottava stagione.

Un’occasione importante come gli Emmy non poteva non essere accompagnata da una rassegna di abiti prodigiosi ed elegantissimi, visti sulle stelle che hanno calcato il red carpet del Microsoft Theatre di Los Angeles.

A dominare nei fashion trend da red carpet sono stati il bianco e il nero, i colori più classici, i long dress, le applicazioni esose e preziose, i maxi-orecchini, le mini-clutch, i toni pastello e qualche proposta sgargiante.

Le meglio vestite degli Emmy: le dive senza tempo

A trionfare sul red carpet è stato il revival di dive anni ’90 o anni ’00 che si sono mostrate in tutto il loro splendore.

Altro che “La morte ti fa bella”: alcune attrici del panorama cinematografico e televisivo hanno quasi eclissato le colleghe più giovani con outfit superbi e incarnati invidiabili.

Un esempio? Michelle Pfeiffer, che in Oscar de la Renta ha richiamato gli anni attualmente più rimpianti, i ’90, con un abito tutto trasparenze e applicazioni brillanti ispirato a un modello di Vivienne Westwood disegnato nel 1992.

Senza l’ombra di una ruga (ma senza neanche apparire come una donna di plastica e artificiale) la Pfeiffer ha dominato la scena con uno stile di certo non sobrio ma assolutamente classy.

E Nicole Kidman? Come una bambola di porcellana, la Celeste di Big Little Lies si è presentata in un outfit rosso firmato Calvin Klein che l’ha fatta sembrare, come sempre, una creatura soprannaturale.

Capelli biondi e raccolti, rossetto in tono con l’abito, sandali leggeri e luccicanti, la Kidman è arrivata con la grazia di una principessa delle fiabe e ha incantato il tappeto rosso.

#nicolekidman in #calvinklein 👍🏻or👎🏻? #emmys #emmys2017

A post shared by The Catwalk Italia - TCI (@thecatwalkitalia) on

La Kidman si è resa protagonista di un episodio divertente con il "marito di scena" Alexander Skarsgård, che ha vinto il premio come Miglior attore protagonista, mentre la Kidman ha conquistato quello di Miglior attrice: la star ha baciato velocemente Skarsgård sulla bocca davanti al marito Keith Urban.

Ma tra le meglio vestite possiamo annoverare anche la coppia Susan Sarandon-Jessica Lange, che ha voluto optare per due fogge diverse di nero e ha fatto della propria apparizione (insieme sul red carpet) quella di due dive consumate.

Anche Jane Fonda ha stupito, dopo aver ammaliato i fan a Venezia insieme all’amico del cuore Robert Redford. Agli Emmy la star è apparsa con un look alla Dynasty color fucsia firmato Brandon Maxwell: l’abito era lungo e aderente ed era trattenuto in vita da una cintura dello stesso colore e tessuto, mentre sulla coda aveva un piccolo strascico a forma di balza.

La Fonda è apparsa molto più giovane grazie anche alla pettinatura, una ponytail abbinata alla frangia, e grazie ai gioielli che brillavano nei colori silver e verde smeraldo. A completare l’ensemble ci hanno pensato le scarpe, un paio di decolleté argentate a punta.

#janefonda in #brandonmaxwell 👍🏻or👎🏻? #emmys2017 #emmys

A post shared by The Catwalk Italia - TCI (@thecatwalkitalia) on

Nella schiera delle meglio vestite over 40 non possiamo dimenticare Viola Davis: la vincitrice dell’Oscar ha scelto un colore delicato come l’arancione, ma addosso a lei è perfetto ed esprime tutta la sua vitalità. 

Le meglio vestite degli Emmy: le più giovani tra contemporaneità e richiami retrò

Tra le nuove leve, ammiriamo lo stile di Elisabeth Moss, protagonista di The Handmaid’s Tale che ha scelto un look romantico rosa chiarissimo, che si discosta abbastanza dalle inquietanti tuniche rosse che indossa il suo personaggio, quello dell’ancella-prigioniera.

Ottima scelta anche per Kristen Bell, che ha scelto un abito floreale color crema di Zuhair Murad, dalla profonda scollatura e dall’ampia gonna di tulle.

D’altronde, quando si sceglie il fashion designer libanese, è difficile sbagliare.

Non dimentichiamo neanche Zoe Kravitz, la figlia di Lenny. L’attrice, che abbiamo visto con Reese Witherspoon, Nicole Kidman e Shailene Woodley in Big Little Lies, ha scelto un abito impegnativo di Dior, coperto di piume, con corpetto nero e gonna multicolor.

#zoekravitz in #dior 👍🏻or👎🏻? #emmys2017 #emmys

A post shared by The Catwalk Italia - TCI (@thecatwalkitalia) on

La forma minuta, il viso particolare e raffinato e l’acconciatura minimal “alla maschietto” di Zoe hanno reso l’outfit assolutamente vincente.

Evan Rachel Wood, invece, ha scelto il look androgino che - come sempre - caratterizza il proprio guardaroba: in total white giacca e pantaloni, l'attrice ha dimostrato ancora di avere uno stile personale che non si uniforma alle mode del momento e al resto delle star. L'attrice è apparsa radiosa, nonostante abbia di recente rotto il proprio fidanzamento.

Applauditissima è stata anche la baby star di Stranger Things, Millie Bobby Brown, avvolta in una nuvola di tulle bianco Calvin Klein.

La celebre Eleven di Stranger Things ha omaggiato Il Lago dei Cigni abbinando all’outfit un ovvio hairstyle raccolto, da ballerina di danza classica.

#milliebobbybrown in #calvinklein 👎🏻or👍🏻? #emmys2017 #emmys

A post shared by The Catwalk Italia - TCI (@thecatwalkitalia) on

Emmy: quelle che potevano vestirsi meglio

Jessica Biel è una delle donne più sensuali del mondo. Probabilmente poteva fermarsi prima della frontiera del look Ralph & Russo che lascia troppa pelle scoperta: c’è lo spacco (inguinale), c’è la scollatura a V (generosa) e c’è anche la schiena scoperta.

Too much.

Stesso problema per Ariel Winter, che ha scelto un abito Steven Khalil non con uno spacco, ma due. E non sempre "Du is megl che uan".

Discorso analogo anche per Heidi Klum, di recente tornata single: l'abito rosso è letteralmente costellato di spacchi, feritoie e scollature. La Klum indossa il modello Peter Dundas con la sua solita classe, ma qualche centimetro di stoffa in più non le avrebbe tolto nulla (anzi...!).

Anche Priyanka Chopra è una donna estremamente affascinante, ma l’abito Balmain non le rende giustizia. Probabilmente non è così, ma il look sembra di una misura troppo grande e l’effetto “infagottamento” è dietro l’angolo.

Problema analogo anche per Sofia Vergara, che sceglie un modello a sirena in mood Anita Ekberg ne La dolce vita ma l’abito non le cade perfettamente addosso e risulta quasi ingombrante. La pettinatura invece, ponytail con frangia, risulta assolutamente chic.

Julianne Hough invece ha scelto una fioritura primaverile sul suo abito nero Marchesa: vero che proporre i fiori in autunno è più avanguardia (“avanguardia pura”, come diceva Miranda Priestly) che nel mese di marzo, ma l’insieme non appare brillante e fatale come altri outfit.

Anche Mandy Moore in Carolina Herrera black & white ha floppato: più che un abito, il suo outfit sembrava una torta a più piani capovolta.

Voi che ne pensate? Quali look avete preferito e quali proprio non vi sono piaciuti?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.