Stai leggendo: Devoto Oli, 1500 neologismi per i 50 anni: da ciaone a fake news

Prossimo articolo: Clet Abraham: ridisegnare la strada e il suo linguaggio con l’arte

Letto: {{progress}}

Devoto Oli, 1500 neologismi per i 50 anni: da ciaone a fake news

Il Devoto Oli torna in libreria con una nuova edizione più moderna e vicina agli utenti. Il dizionario accoglie anche 1500 neologismi, da ciaone a webete.

Dizionario Devoto Oli

5 condivisioni 0 commenti

Ciaone, food porn, fake news, webete e ritirati sociali entrano di diritto nel dizionario italiano. Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli hanno dato alle stampe una nuova versione del famoso dizionario, pubblicato per la prima volta 50 anni fa da Le Monnier.

Il nuovo dizionario è stato concepito con l’intento di avvicinarsi all’italiano moderno e al suo linguaggio. Per questo motivo sono stati aggiunti 1500 nuovi neologismi, tratti dall’attualità, dall’economia, dal linguaggio social e non solo.

Hanno fatto così il loro debutto tra le pagine del vocabolario termini come Brexit (fusione di Britain e exit) e hashtag. Alla lettera P potrai trovare anche il termine post-verità. Si tratta di un calco dall’inglese post-truth con il quale si fa riferimento a quelle circostanze in cui gli appelli all’emotività riescono a influenzare l’opinione pubblica più del riferimento a fatti reali. La parola è stata eletta lemma dell’anno nel 2016 dall’Oxford Dictonaries ed è stata utilizzata moltissimo nel periodo della Brexit e dell’elezione americana di Trump. È considerata, per esempio, una post-verità la notizia sui soldi spesi dalla Grand Bretagna per l’Europa, notizia che ha influenzato il voto dei cittadini britannici riguardo all’adesione o meno alla UE.

Parola dell'anno Post-Verità

Alla lettera F, invece, troverai fake news che va a sostituire il termine italiano bufala. Persino la schiscetta ha valicato i confini del dialetto milanese per atterrare nelle pagine del dizionario. Il termine indica sia il portavivande che il pranzo da consumare a lavoro durante la classica pausa di metà giornata.  

La terminologia web, invece, è stata sdoganata grazie a parole come hikikomori e webete. Il neologismo hikikomori, formato dalle parole haiku-tirare e komori-ritirarsi, indica l’atteggiamento di chi sceglie di isolarsi da tutto e da tutti. Il termine è di origine giapponese e fa riferimento all’estremo isolamento di chi vive in completa solitudine per motivi sociali, familiari o caratteriali.

Chissà quante volte hai già usato la parola webete, fusione di web e ebete coniata da Enrico Mentana per indicare qualcuno che scrive cose stupide online. Da oggi, potrai usare webete invitando chi non ne conosce il significato a consultare il dizionario.

 Il giornalista Enrico MentanaHD

Per approfondire tutti i nuovi neologismi ti rimandiamo al Devoto-Oli, senza salutarti però con un bel ciaone. Come è specificato nel dizionario, ciaone non è affatto un saluto ma un commento sarcastico, che esprime persino un certo disappunto!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.