Stai leggendo: Venezia 74: i film del nono giorno con Claudio Santamaria e Valeria Golino

Prossimo articolo: La coppia Lawrence - Aronofsky presenta Madre!, il film più controverso di Venezia 74

Letto: {{progress}}

Venezia 74: i film del nono giorno con Claudio Santamaria e Valeria Golino

La nona giornata di Venezia 74 propone due film internazionali in concorso e due film italiani con Valeria Golino, Adriano Giannini e Claudio Santamaria.

Claudio Santamaria e Valeria Golino

0 condivisioni 0 commenti

La nona giornata del Festival di Venezia è dedicata ai film internazionali. Debuttano in concorso il film tunisino Mektoub, My Love: Canto Uno di Abdellatif Kechiche e la pellicola cinese Gli angeli vestono di bianco di Vivian Qu - Jia Nian Hua.

L’Italia è presente nella sezione Fuori Concorso con Il colore nascosto delle cose di Silvio Soldini e nella sezione Orizzonti con Brutti e Cattivi di Cosimo Gomez.

Valeria Golino e Adriano Giannini sono i protagonisti del film di Soldini. I due attori interpretano un creativo super impegnato e una osteopata non vedente alle prese con l’inizio di una relazione. Il film affronta in maniera delicata e realistica le difficoltà quotidiane di una persona cieca e le difficoltà di un uomo e di una donna a costruire un rapporto amoroso duraturo.

Brutti e Cattivi, invece, ha come protagonista un inedito Claudio Santamaria nei panni di Papero, un mendicante senza gambe sposato con una donna senza braccia detta Ballerina. Il film è una commedia d’azione che rompe gli schemi tradizionali del genere. Non a caso, la trama ruota intorno a una banda di rapinatori improvvisati, capaci di mettere a segno una rapina molto ingegnosa. Oltre a Papero e Ballerina, la banda è formata da un rasta tossicodipendente (Marco D’Amore) e da un nano rapper.

Leggi qui di seguito la sinossi dei due film in concorso della nona giornata di Venezia 74.

Mektoub, My Love: Canto Uno

Abdellatif Kechiche è uno dei registi più attesi di questa 74esima edizione del Festival.  

Il regista Abdellatif KechicheHD
Abdellatif Kechiche

Proprio a Venezia, il regista vinse il Leone d’Oro per la migliore opera prima con Tutta colpa di Voltaire nel 2000. Dopo la Palma d’oro a Cannes con La vita di Adele, Kechiche porta sul grande schermo la storia privata dell’aspirante sceneggiatore Amin. Tornato nella sua città natale, Amin si innamora di Jasmine. Purtroppo, la relazione viene messa subito in pericolo dalle nuove prospettive lavorative del protagonista. Il suo film sta per essere prodotto e Amin è vittima della simpatia della moglie del produttore. La storia d’amore con Jasmine sopravviverà alle sue ambizioni? Solo il destino (mektoub) potrà decidere.

Gli angeli vestono di bianco

Vivian Qu - Jia Nian Hua è l’unica regista donna in concorso in questa edizione del Festival. Il suo film è il racconto di una violenza subita da due ragazzine in un motel. L’unica testimone è l’addetta alla reception, che evita di parlare per non perdere il posto di lavoro.

Gli angeli vestono di bianco, film Venezia 74

Purtroppo, la violenza subita sarà solo l’inizio di una spirale continua di guai. Le due protagoniste sono completamente sole e dovranno trovare una via d’uscita senza poter contare sull’aiuto di nessuno.

E voi? Quale titolo attendete con più ansia?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.