Stai leggendo: Tra fischi e applausi, Madre! sconvolge Venezia 74: la recensione del film

Prossimo articolo: Mother, il trailer con Jennifer Lawrence è davvero da panico!

Letto: {{progress}}

Tra fischi e applausi, Madre! sconvolge Venezia 74: la recensione del film

Impossibile rimanere indifferenti di fronte al nuovo film di Darren Aronofsky con protagonista Jennifer Lawrence, Madre!. Venezia 74 si spacca su un film viscerale. che non lascia davvero indifferenti.

Jennifer Lawrence nella locandina di Madre!

1 condivisione 0 commenti

ll primo consiglio che vi possiamo dare è di non indugiare troppo in recensioni e pareri su Madre! e di andare al cinema quando uscirà: vivete il nuovo film di Darren Aronofsky come un incontro intimo tra lui, voi e la sua nuova musa e compagna Jennifer Lawrence. Anticipare dettagli sulla trama e sullo svolgimento del film che ha travolto Venezia 74, spaccando la critica a metà, sarebbe un sacrilegio.

Jennifer Lawrence vaga per casa preoccupata in una scena di Madre!HDVenezia 74
Jennifer Lawrence più intensa e sofferente che mai: ecco Madre!

Non vi assicuriamo che amerete il film e di certo non sarà un'esperienza così piacevole, perché in Mother! - Madre! siamo chiamati tutti in causa, anche e soprattutto il pubblico in sala. È proprio questo il messaggio che si nasconde nel film, che più scorre e più mostra impietosamente cosa significhi essere oggi un creativo, un regista come Darren Aronofsky o una star come Jennifer Lawrence

Madre!: Darren Aronofsky e Jennifer Lawrence presentano il loro film a Venezia 74

Ci sono Javier Bardem, Jennifer Lawrence e una casa enorme e antica, nel mezzo di una sconfinata distesa di pascoli e alberi. Lei lo ama appassionatamente e fa del restauro della casa - danneggiata gravemente da un incendio - la propria missione quotidiana. Lui, scrittore e poeta, tenta invano di trovare ispirazione tra le pagine e tra le lenzuola di una relazione che mostra più di qualche crepa. 

Pian piano la casa si affolla di personaggi, estranei tra il paradossale e il grottesco. Sembra un thriller, sembra un horror, sembra infine un film che non sa nemmeno dove voglia andare a parare. Poi arrivano le risposte, di una forza visiva, allegorica ed espressiva da rimanerne travolti. Il film si fa sempre più audace, ardito, non ha paura di nulla. Jennifer Lawrence vive su schermo un autentico martirio, ancora più doloroso da guardare perché lei è forse l'attrice più famosa al mondo: ciò che si svolge nella casa del film lei lo ha vissuto sulla propria pelle e dà i brividi vederla impegnata in un ruolo che in pochissimi possono dire di comprendere davvero, intimamente. 

Tra follia e ispirazione, Aronofsky travolge Venezia 74

Pretenzioso o geniale? Il regista di Il cigno nero non entra di certo in punta di piedi in un discorso che lo riguarda e ci riguarda tutti, creatori e spettatori. Che la faccenda sia davvero personale lo capiamo perché c'è la sua attuale compagna, Jennifer Lawrence, in un ruolo che sconfina nel biografico e nel gossip. A sottoporla a questo intervento a cuore aperto, tutto camera a spalla e primi piani incessanti, c'è proprio Aronosky, per interposta persona di Javier Bardem. L'attore è al solito ottimo, ma quasi trasparente in un film che infila dito, mano e braccio nelle carni vive dell'attrice e della coppia. Pur essendo allegorico come pochi Mother! è quasi l'autopsia di ogni lavoro precedente del regista e dell'attrice. 

Non ha tutti piacerà: Madre! ci mette molto a svelare le sue carte e prende delle scelte così radicali e intime che mette chiaramente il pubblico in difficoltà, mentre inchioda la protagonista alla croce del suo messaggio. Mancava ancora a Venezia 74 un film così ambizioso e stavolta Darren Aronofsky non cede all'ego o al manierismo, perché Madre! è una faccenda dannatamente personale e uno dei film più coraggiosi e intensi del 2017.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.