Stai leggendo: Venezia 74: la conferenza di Jane Fonda e Robert Redford

Prossimo articolo: Venezia 74: ecco cosa ha detto Chloë Sevigny ai Miu Miu Women's Tale

Letto: {{progress}}

Venezia 74: la conferenza di Jane Fonda e Robert Redford

Jane Fonda e Robert Redford sono a Venezia 74 per ritirare il Leone d'Oro alla carriera e presentare il loro film Le nostre anime di notte.

Jane Fonda e Robert Redford a Venezia 74

5 condivisioni 0 commenti

Alla 74a Mostra del Cinema di Venezia due autentici miti come Jane Fonda e Robert Redford, che hanno ricevuto il Leone d'Oro alla Carriera.

I due attori, a cinquant'anni esatti dal celebre A piedi nudi nel parco, sono tornati a recitare insieme nel film Le nostre anime di notte (titolo originale Our Souls At Night) diretto da Ritesh Batra e presentato fuori concorso.

Le nostre anime di notte è tratto dall'omonimo romanzo di Kent Haruf e racconta la storia di Addie Moore e Louis Waters, due vedovi avanti con l'età che, nonostante siano vicini da diversi anni scoprono di non conoscersi abbastanza.

Inizierà così una tenera amicizia, che si trasformerà in qualcosa di più importante. Perché non è mai troppo tardi per amare.

Ne è convinta anche Jane Fonda che, nel corso della conferenza stampa ha detto:

In tarda età ci si lancia di più in amore, perché si sa cosa si vuole e inoltre si conosce meglio il proprio corpo. È bello avere ancora il desiderio di fare sesso.

Più romantica la visione di Robert:

Io penso che, da anziani, si viva l'amore in maniera ancora più bella e intensa. Quando si è giovani non si pensa alla vecchiaia e poi, all'improvviso, ci si rende conto che tutto è cambiato e che si deve rinunciare a qualcosa. È triste, però è solo una diversa fase della vita, di maggiore responsabilità soprattutto nei confronti dei nostri figli e nipoti dato che siamo noi a dover lasciare loro un mondo migliore.

Il tempo però non sembra essere passato più di tanto per i due attori, sempre affascinanti e pronti a scherzare tra di loro. Tanto che ad un certo punto Jane confessa, maliziosamente:

Non vedevo l'ora di tornare ad innamorarmi di lui sul set. Ammiro tanto Robert come artista, per quello che ha fatto nel corso degli anni (basti pensare al Sundance Festival). E poi bacia benissimo! Devo confessare che ai tempi di Ai piedi nudi nel parco era diventato il mio sogno proibito.

E Robert replica:

Ebbene sì, anch'io volevo fare ancora un film con lei prima di morire, avere una nuova chance.

Nel cast del film c'è anche l'attore belga Matthias Schoenaerts, che interpreta Gene, il figlio di Addie. Un tipo a volte scontroso, che ha un rapporto difficile con la madre.

A tal proposito Jane fa un discorso in cui molti si possono ritrovare:

Essere genitori non è facile e più volte, nel corso della vita, ci si chiede se non sarebbe stato possibile fare di meglio. È una sorta di spina nel cuore, che non superi mai e quindi, se il destino ti dà una nuova possibilità, la sfrutti al meglio.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.