Stai leggendo: Natalie Portman svela il segreto della sua pelle perfetta

Prossimo articolo: Ecco come Alicia Keys realizza il suo look no make-up

Letto: {{progress}}

Natalie Portman svela il segreto della sua pelle perfetta

È una soluzione semplice e radicale: un particolare regime alimentare.

L'attrice Natalie Portman

5 condivisioni 0 commenti

Natalie Portman è una delle donne più belle di Hollywood, da anni volto della fragranza Miss Dior della famosa maison francese, ma anche lei ha dovuto combattere il problema delle imperfezioni della pelle in età adulta, in particolare l’acne.
In un’intervista per The Cut, l’attrice premio Oscar ha parlato della sua infanzia ed adolescenza, di quanto i suoi genitori non le abbiano mai fatto pressioni riguardo il proprio aspetto e di come si sia liberata dall’acne in età adulta con una semplice scelta alimentare.

Sono vegana, ed ho notato che la mia pelle è molto, molto migliorata rispetto a quando ero vegetariana. Ho eliminato latte e derivati e anche le uova, e non ho più avuto un’eruzione cutanea. È stata certamente una grande scoperta. È un fattore personale; ciascuno di noi ha una diversa sensibilità.

L'attrice Natalie PortmanHDDior Beauty
"Sono stata fortunata perché mia madre non mi parlava mai della bellezza esteriore, in nessun modo".

L’attrice di Thor e Black Swan è una delle celebrità che con più convinzione professa i vantaggi di questa scelta (come lei anche Alicia Keys, della cui routine di bellezza vi avevamo parlato qui), ma questo non significa che la Portman non faccia ricorso anche alla cosmesi, naturalmente.

Mi lavo il viso con il detergente e il tonico Joelle Ciocco. Uso un po’ dello struccante Bioderma. Poi idrato con Pai - è organico - ed uso il loro contorno occhi. Hanno un olio di rose. A volte, se devo volare, applico una maschera idratante. Amo il profumo di tutti questi prodotti. Sono piacevoli sulla pelle e le fragranze fanno la differenza.

una confezione di latte detergenteJoelle Ciocco
Il latte detergente usato da Natalie Portman
Lozione purificante di Joelle CioccoJoelle Ciocco
la lozione usata da Natalie Portman
Crema Occhi si PAI skincarePAI
La crema per contorno occhi usata da Natalie Portman
L'olio di rosa canina di PAI skincarePAI
L'olio di rosa canina usato da Natalie Portman

Sono molte le persone che accusano problemi di acne in connessione all’ingerimento di latte e derivati, ma non è detto che eliminarli sia l’unico modo per far sparire il problema. Si tratta in effetti di una materia molto dibattuta in ambito dermatologico: un articolo accademico del 2005 pubblicato da F. William Danby nel Journal of the American Academy of Dermatology addirittura ritiene che il collegamento tra le due cose sia un mito, mentre un’altro del 2009, ad opera del medico tedesco Bodo Melnik, supporta la tesi per cui il consumo di latte vaccino abbia conseguenze sulla produzione di alcuni ormoni, il cui aumento si manifesta appunto con acne sia negli adolescenti che negli adulti.

L'attrice Natalie PortmanHDDior Beauty
"Non mi è mai interessata la perfezione, ma l'estetica della perfezione può essere splendida"

Un libro tornato in auge qualche tempo fa, 100 Acne Tips & Solutions: The Clear Clinic Guide to Perfect Skin (100 consigli e soluzioni per l’acne: la guida clinica chiara per una pelle perfetta) asserisce ancora che spesso il latte proveniente da allevamenti intensivi è ricco di ormoni anabolizzanti e di fattori di crescita, che vengono inseriti nel regime alimentare delle mucche; quindi l’unico modo per evitare di assumere un alimento così alterato ed avere problemi di pelle è fare attenzione alla provenienza del latte, scegliendo sempre un prodotto organico.

La guida del dottor Eric Schweiger per combattere i problemi della pelle
Il manuale del dottor Eric Schweiger

Di recente gli esperti sono arrivati a riconsiderare la questione, ammettendo la possibilità (e solo la possibilità), della correlazione tra il consumo di certi alimenti e l’insorgenza dell’acne: in ogni caso, i dermatologi sono d’accordo nell’affermare che la dieta da sola non è sufficiente a combattere il problema, ma deve essere sempre abbinata a trattamenti comprovati. E soprattutto, prima di stabilire se questa linea d’attacco ai brufoli abbia successo o meno, bisogna essere pazienti: possono infatti volerci anche 12 settimane.

Siamo davvero pronti a dire addio alla mozzarella sulla pizza per tanto tempo?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.