Stai leggendo: Venezia 74: Sally Hawkins e Octavia Spencer raccontano The Shape of Water

Prossimo articolo: Venezia 74: Ethan Hawke e Amanda Seyfried alla conferenza di First Reformed

Letto: {{progress}}

Venezia 74: Sally Hawkins e Octavia Spencer raccontano The Shape of Water

Sally Hawkins e Octavia Spencer, a Venezia 74, hanno raccontato i loro due splendidi ruoli in The Shape of Water durante la conferenza stampa.

Richard Jenkins, Octavia Spencer, Sally Hawkins e Guillermo Del Toro a Venezia 74

0 condivisioni 0 commenti

A Venezia 74 c'è spazio anche per le favole dark, come The Shape of Water di Guillermo del Toro con protagonista femminile Sally Hawkins. Insieme a lei un'altra splendida attrice come Octavia Spencer.

Entrambe sono arrivate al Lido per accompagnare il film, ambientato a Baltimora nel 1962, che racconta la difficile, tenerissima e anche passionale storia d'amore tra una timida ragazza muta e una strana creatura.

Lo spunto iniziale pare sia arrivato dalla stessa Sally:

È stato un momento di strana sincronia nei pensieri. Io stavo mettendo giù qualche appunto per un mio cortometraggio su una donna che non sapeva essere una sirena, poi un giorno il mio agente mi scrive per dirmi che Guillermo aveva pensato a me per un suo nuovo progetto in cui una donna si innamorava di un tritone. Mi è caduto quasi il telefono di mano, perché è raro che accadano cose del genere. Poi ci siamo trovati, abbiamo parlato delle nostre idee e abbiamo iniziato a lavorarci.

È proprio Sally a vestire i panni della protagonista Elisa, la cui forza secondo il regista è quello di essere una donna vera, in cui quindi è facile identificarsi.

Lo stesso vale per Zelda, migliore amica di Elisa e sua collega (le due fanno le pulizie in una base militare), interpretata da Octavia Spencer:

Lei sarà anche una donna delle pulizie, ma è brillante e intelligente. È una sorta di regina dell'ufficio, che è autonoma nelle sue azioni finché non interviene una figura autoritaria a darle degli ordini. Non è la prima volta che interpreto un personaggio che vive in quel periodo storico, però Guillermo è sicuramente riuscito a ritagliare per me un ruolo diverso dai miei precedenti.

I. MISS. YOU. You made America great. This 45 is making America hate. #44

A post shared by Octavia Spencer (@therealoctaviaspencer) on

A proposito degli anni '60 il regista sottolinea:

Il film sarà anche ambientato in quegli anni però i problemi sono quelli che, purtroppo, conosciamo ancora oggi. Elisa, per esempio, si sente diversa e quando conosce la creatura non si spaventa, anzi la considera come una sorta di entità divina in grado di guardarla finalmente per quello che è.

Poi Del Toro affronta anche il discorso della sessualità, elemento molto forte in The Shape of Water:

Pensate a La Bella e la Bestia, c'è una versione puritana e una più perversa. Io preferisco quest'ultima perché è quella più vera e infatti ho voluto che anche nel mio film fosse tutto spontaneo e naturale. Per girare una determinata scena di sesso, che vedrete, ho impiegato ben sei ore perché volevo che fosse il più possibile delicata.

Watch the trailer for #TheShapeofWater // link in bio // A film by @RealGDT & art by @jamesjeanart

A post shared by The Shape of Water (@shapeofwatermovie) on

Da segnalare la presenza in conferenza stampa di uno splendido Richard Jenkins, che interpreta Giles, vicino di casa e caro amico di Elisa:

Questo è un personaggio che ho trovato nelle mie corde, l'ho amato fin da subito. Giles ed Elisa sembrano una sorta di padre e figlia, perché anche al di fuori del set ho imparato ad apprezzare e a voler bene a Sally nello stesso modo.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.