Stai leggendo: Venezia 74: la terza giornata e il Leone d'Oro a Jane Fonda e Robert Redford

Prossimo articolo: Julie Gayet, compagna di François Hollande, a Venezia 74 in veste di produttrice

Letto: {{progress}}

Venezia 74: la terza giornata e il Leone d'Oro a Jane Fonda e Robert Redford

Il terzo giorno di Venezia 74 premia la carriera di Jane Fonda e Robert Redford con il Leone d'Oro e proietta in concorso The Insult, Lean On Pete e Foxtrot.

Jane Fonda e Robert Redford

0 condivisioni 0 commenti

La terza giornata di Venezia 74 è dedicata a due mostri sacri del cinema: Jane Fonda e Robert Redford.  I due attori riceveranno il Leone d’Oro alla Carriera. Prima della cerimonia verrà proiettato in anteprima il film che li vede recitare di nuovo insieme, dopo 38 anni da Il cavaliere elettrico e dopo 50 anni da A piedi nudi nel parco.

L’81enne Robert e l’80enne Jane sono i protagonisti di Our souls at night. Il film racconta di due anime solitarie, Addie e Louis. I due sono rimasti vedovi e soli dopo la partenza dei rispettivi figli. Pur essendo stati vicini di casa per anni, non si sono mai frequentati. È Addie a fare il primo passo e a dare il via a un rapporto di grande complicità reciproca. Il film è targato Netflix e porta la firma alla regia dell’indiano Ritesh Batra.

Our Souls at Night, filmEW
Our Souls at Night

Jane e Robert tornano dunque a fare coppia al cinema, ancora energici e pronti ad accettare nuove sfide artistiche. Venezia 74 ha deciso di premiare proprio la loro statura artistica e umana, la loro poliedricità e la capacità di affrontare sempre nuove battaglie, come quella del cinema indipendente incarnato dal Sundance Festival di Robert Redford.

La terza giornata di Venezia 74 sarà dedicata anche ai tre  film in concorso: The Insult, Lean On Pete e Foxtrot.

The Insult (L'insulto)

The Insult di Ziad Doueiri è ambientato a Beirut e prende spunto da un incidente accaduto proprio al regista.

Ziad Doueiri a Venezia 74HD
Ziad Doueiri

I protagonisti del film sono il libanese cristiano Toni e il profugo palestinese Yasser. Tutto inizia con un litigio banale che finisce in tribunale. La vicenda suscita un grande interesse popolare e entra in un circolo mediatico molto pericoloso.

Ziad Doueiri è alla sua settima prova da regista, dopo aver svolto per diverso tempo il ruolo di assistente alla regia di Quentin Tarantino (Jackie Brown, Pulp Fiction). Per la produzione del suo film presente a Venezia ha avuto il supporto della moglie dell’ex presidente francese François Hollande.

Lean On Pete

Lean On Pete del regista Andrew Haigh è ispirato al romanzo La ballata di Charley Thompson di Willy Vlautin e racconta il rapporto speciale tra un ragazzo e un cavallo.

Lean on Pete a Venezia 74La Biennale
Una scena tratta da Lean on Pete

Il quindicenne Charley desidera una casa decente e una vita stabile. Vorrebbe trovare un po’ di pace e sogna di non dover più seguire il padre alle prese con una sfilza di lavori precari. Le cose cominciano a cambiare con il trasferimento in Oregon, dove Charley trova lavoro presso un addestratore di cavalli e instaura un rapporto di amicizia con il vecchio cavallo Lean on Pete.

Foxtrot

Il regista Samuel Maoz torna a Venezia, dove nel 2007 vinse il Leone D’oro per il miglior film con il suo Lebanon. Foxtrot racconta il dramma di una coppia di genitori sconvolti dalla notizia della morte del loro figlio Jonathan. Il padre del ragazzo entra presto in una spirale di rabbia alimentata dallo zelo dei parenti in lutto e dalle buone intenzioni dei burocrati dell’esercito.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.