Stai leggendo: Miss Regno Unito rinuncia alla corona per evitare di dimagrire: Porto già la 38!

Prossimo articolo: La paura del costume da bagno: una blogger si lancia contro gli stereotipi

Letto: {{progress}}

Miss Regno Unito rinuncia alla corona per evitare di dimagrire: Porto già la 38!

Lei ha 28 anni, si chiama Zoiey Smale ed è, anzi era, Miss Regno Unito. La reginetta ha rinunciato alla propria corona per un motivo ben preciso: volevano obbligarla a dimagrire, nonostante sia una 38.

Un primo piano di  Zoiey Smale

7 condivisioni 8 commenti

I lunghi e folti capelli scuri, la pelle ambrata e gli occhi chiarissimi hanno aiutato la 28enne Zoiey Smale a vincere l'ambito titolo di Miss Regno Unito.

Ma la reginetta ha indossato la propria corona solo per poco tempo: per proseguire nella sua carriera di Miss avrebbe dovuto perdere peso e Zoiey non poteva accettare questa imposizione.

La ragazza, che viene dal Nottinghamshire, ha preferito lasciare il proprio titolo e tornare alla vita di sempre che sottoporsi a una dieta assurda e massacrante.

Guardando la giovane Miss pensiamo a tutto tranne che sia in sovrappeso: eppure, per partecipare allo step successivo (Miss United Continent) un'organizzatrice le ha chiesto di dimagrire ancora, il più possibile, per sbaragliare la concorrenza.

Zoiey porta una taglia 38 ma avrebbe dovuto perdere ancora peso

The Sun e BBC hanno riportato le dichiarazioni della modella, che dopo questo affronto ha deciso di parlare pubblicamente e raccontare lo sconcertante episodio. La modella ha fatto scoppiare il caso con un post su Facebook.

Il direttore nazionale del concorso di bellezza ha detto alla modella che un'organizzatrice della competizione internazionale gli aveva suggerito di far dimagrire "tatticamente" la Miss. Quando le è stato chiesto di perdere peso, Zoiey (che porta la 38!) non era sicura di aver capito bene.

Ho chiesto di dirmi cosa avevano detto esattamente. E mi è stato risposto 'Lei deve mettersi a dieta, è troppo grassa'. Io sono rimasta scioccata e ho avuto bisogno di un attimo per ricompormi.

In altre parole, per essere eletta la più bella del mondo, bisogna essere uno scheletro.

Zoiey Smale in primo pianoHDFacebook @ZoieyWorlds
Zoiey Smale ha rinunciato alla corona

La BBC ha contattato anche gli organizzatori del concorso, che si sono rifiutati di rilasciare commenti a riguardo.

Zoiey contro il sistema: "Bisogna rendere le donne più forti"

Cambiare il mondo è possibile e Zoiey ha deciso di rinunciare alla propria corona per portare avanti una battaglia importante.

La Miss aveva avuto la meglio su altre bellezze nella selezione di giugno e avrebbe dovuto concludere il concorso internazionale a settembre in Ecuador, ma non si presenterà.

La Smale, che lavora nella moda da 10 anni, non ha accettato l'imposizione di perdere peso e passare dalla 38 a una striminzita 36 o peggio. La (ex) Miss partecipa a sfilate, shooting e concorsi di bellezza da quando aveva 18 anni ma adesso, proprio quando ha conquistato la propria corona, si è resa conto che le regole che governano il mondo della moda sono sempre più illogiche.

Zoiey Smale con l'abito da MissFacebook @ZoieyWorlds
Zoiey Smale si è ribellata a un'imposizione assurda

A BBC la modella ha spiegato di aver deciso di rendere la questione pubblica per una questione di giustizia nei confronti del mondo femminile, vessato dagli assurdi diktat di un fashion system che - ipocritamente - si finge aperto verso tutte le taglie ma in realtà, quando la stampa non può vedere e sentire, cerca di imporre alle ragazze standard crudeli.

Penso sia importante rendere le donne più forti e sapere ciò che è OK, sano e corretto per una modella.

La Miss si è resa conto che una corona non era più così importante se per tenersela il prezzo da pagare era la salute.

Zoiey Smale con la corona di spalleFacebook @ZoieyWorlds
Zoiey Smale ha denunciato la proposta degli organizzatori

A BBC la 28enne ha spiegato di aver ricevuto tantissimo supporto dopo il suo "coming out".

Tante donne hanno trasmesso il mio messaggio alle figlie.

Cambiare il mondo è un processo lungo, che si compie tassello dopo tassello. E la decisione di Zoiey è l'ennesima denuncia contro un sistema che finge di trattare le donne con umanità ma in realtà non ha mai smesso di imporre i propri folli criteri.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.