Stai leggendo: Venezia 74: Matt Damon alla conferenza di Downsizing

Prossimo articolo: Venezia 74: da Clooney alla Lawrence, tutti i sex symbol al Lido

Letto: {{progress}}

Venezia 74: Matt Damon alla conferenza di Downsizing

Matt Damon è arrivato a Venezia 74 dove è protagonista della pellicola di apertura del festival Downsizing. Ecco cosa ha raccontato alla conferenza stampa.

Matt Damon a Venezia 74

1 condivisione 0 commenti

La prima star ad arrivare a Venezia 74 è Matt Damon, protagonista del film di apertura ovvero Downsizing di Alexander Payne.

L'attore, per l'occasione, si è fatto rimpicciolire fino ad arrivare a 12 cmq, ma solo per finzione.

Al centro c'è infatti la storia di Paul Safranek, un uomo della provincia americana che decide di sottoporsi a un programma sperimentale che promette non solo di migliorare lo stile di vita, ma anche di salvare l'ambiente.

Matt, presente alla conferenza stampa, è apparso particolarmente entusiasta di questo ruolo:

In Paul, come in tutti i personaggi portati sul grande schermo da Alexander, è facile trovare delle cause comuni. Questo è probabilmente uno dei suoi film più ottimisti e che dice molto di lui.

E aggiunge:

Amo lavorare con Alexander, io per lui reciterei anche l'elenco telefonico.

#Downsizing sarà il film d'apertura di #Venezia74. Seguite il red carpet con noi il 30 #Settembre, con #AlexanderPayne #MattDamon #KristenWiig

A post shared by 20th Century Fox Italia (@20thcenturyfoxitalia) on

Pare che Downsizing sia frutto di dieci anni di lavoro. E il regista sottolinea:

È una storia di fantascienza che non perde mai il sense of humour. All'inizio abbiamo anche avuto una consulenza scientifica, ma ad un certo punto abbiamo smesso di preoccuparcene, per poterci concentrare di più sulla storia.

Alla conferenza era presente anche una delle interpreti femminili, Hong Chau, che è riuscita ad oscurare persino la ben più famosa Kristen Wiig.

L'attrice asiatica, che interpreta una ragazza vietnamita senza una gamba e rimpicciolita contro il suo volere a causa del suo impegno umanitario, racconta:

Capita raramente che personaggi come il mio vengano messi in primo piano, di solito rimangono sullo sfondo. È stato fantastico per me venire chiamata per questo ruolo.

"I don't know if you can call it a sex scene." #KristenWiig looks back at her most memorable birthday.

A post shared by W magazine (@wmag) on

Invece, quando si chiede a Kristen (nel film moglie di Paul) se lei accetterebbe di diventare mini, lei non ha dubbi:

Devo essere sincera, io se potessi mi farei ingrandire!

Chissà se anche il pubblico, quando vedrà il film, si farà la stessa domanda.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.