Stai leggendo: Women's Equality Day: al cinema per i diritti delle donne

Prossimo articolo: Nei film americani le minoranze sono ancora invisibili, rivela uno studio

Letto: {{progress}}

Women's Equality Day: al cinema per i diritti delle donne

Il 26 agosto è il giorno dedicato al diritto di voto alle donne. Il Women's Equality Day ricorda l'introduzione del suffragio universale. Abbiamo scelto le più belle pellicole con protagoniste donne che hanno lasciato il segno.

Una scena dal film Suffragette

17 condivisioni 0 commenti

Il 26 agosto si celebra il Women's Equality Day.

Questa data è stata scelta nel 1973 per commemorare Il XIX emendamento della costituzione degli Stati Uniti che proibisce qualsiasi discriminazione in base al sesso e di fatto concede alle donne il diritto di voto.

Per festeggiarlo in modo davvero significativo, abbiamo scelto per voi i migliori film che parlano di donne che hanno lottato per i loro diritti, infranto le barriere dei pregiudizi e, con il loro esempio, dato la possibilità ad altre di fare la differenza e costruire un mondo migliore.

1 - The Lady – L’amore per la libertà

Il regista Luc Besson (Nikita, 1990) nel 2011 mostra al mondo intero il carisma e la nobiltà d’animo di Aung San Suu Kyi, interpretata dall’attrice Michelle Yeoh, che ha scelto di abbandonare gli affetti e la sua vita tranquilla in Inghilterra per diventare leader dell’opposizione al regime birmano, suo paese d’origine.

Nel 1988 la dittatura militare del generale Saw Maung ha cominciato a soffocare nel sangue ogni tentativo di democrazia: il senso di giustizia e di appartenenza al suo popolo ha portato questa donna a sfidare il regime scegliendo la non violenza, come da insegnamento del Mahatma Gandhi.

Il prezzo da pagare è stato molto alto: costretta agli arresti domiciliari, non ha più potuto incontrare i due figli e suo marito, morto di tumore prima di poterla rivedere, fino al 2010.

La leader birmana Aung San Suu KyiHDBBC

Nel 1991 ad Aung San Suu Kyi è stato assegnato il premio Nobel per la pace, che ha ritirato personalmente solo nel 2012.

2 - Joy

David O. Russell nel 2015 dirige una strepitosa Jennifer Lawrence nella parte di Joy, giovane madre single con grossi problemi economici.

Joy vive insieme a una madre piuttosto problematica, a un padre poco incoraggiante (Robert De Niro) e lavora come hostess di terra con turni massacranti.

Fin da piccola, ha sempre avuto una mente brillante e fantasiosa che non ha potuto coltivare a causa di una vita assai complicata.

Un giorno, mentre pulisce il pavimento da un bicchiere rotto di vino rosso, toccando lo strofinaccio si ferisce le mani.

Da quel momento inizia a pensare a un panno per pavimenti che si possa strizzare e lavare da solo.

Con l’aiuto di un dirigente del canale di vendite QVC (Bradley Cooper) realizza e mette in vendita questo speciale accessorio che sembra dare ottimi profitti.

I problemi sono però dietro l’angolo ma Joy, con la sua determinazione e coraggio, riesce a superare qualsiasi difficoltà e finalmente mettere a frutto il suo talento d’inventrice.

Il film prende spunto dalla vera Joy Mangano, la donna che ha inventato Miracle Mop, lo spazzolone mocio che l'ha resa milionaria.

Joy Mangano ha ispirato il film Joy HDJoy Mangano official site
Joy Mangano

Una sfida vinta a un destino che sembra già scritto e un esempio femminile che dimostra che anche le piccole imprese possono portare a cambiamenti rivoluzionari.

3 - Malala

Malala Yousafzai è una giovane attivista pakistana che si è battuta e ancora si batte per la parità e l’istruzione delle donne, diritti da sempre negati dai fanatici islamici. 

Nel 2012 a Mingora, la città dove è nata e dove ha cominciato la sua lotta, è stata ferita gravemente alla testa da alcuni uomini armati. 

I talebani hanno rivendicato l’attentato, minacciandola di morte e la ragazza è stata portata a Birmingham, con la sua famiglia, per essere curata e per cominciare una nuova vita.

Il documentario del 2015, diretto da Davis Guggenheim, è un commovente ritratto di una bambina che si è opposta a divieti inconcepibili e ha voluto sfidare i suoi violenti oppositori in nome delle donne del suo Paese e di quelle parti del mondo in cui il genere femminile è ancora privo dei diritti più elementari.

Malala Yousafzai lotta per i diritti delle donne HD

Malala è la più giovane vincitrice del Premio Nobel per la pace.

4 - Amelia

Una regista donna, Mira Nair, racconta le avvincenti imprese di un’altra donna, Amelia Earhart, l’aviatrice che, nel 1928, segue le orme di Charles Lindberg.

L'uomo, solo un anno prima, ha compiuto la traversata aerea dell'Atlantico in solitario e senza scalo.

È così la prima rappresentante del gentil sesso a compiere questo viaggio.

Durante una nuova avventura, scompare nel nulla e i resti del suo velivolo non sono mai stati ritrovati.

Amelia Earhart donna pioniera grande aviatrice HDMashable
Amelia Earhart

La pellicola non solo mostra la tempra di una personalità eccezionale ma anche il lato più tenero di Amelia Earhart, quello con il marito George Putnam (Richard Gere) e il più passionale e segreto con l’aviatore Gene Vidal (Ewan McGregor) suo amante.

Richard Gere Hilary Swank Ewan McGregor alla prima di Amelia HD
Richard Gere Hilary Swank Ewan McGregor

Amelia Earhart ha ribaltato in modo sorprendente lo stereotipo che vuole il genere femminile inadatto a certi lavori, considerati prettamente maschili.

5 - Suffragette

Nel 2015 Sarah Gavron porta sul grande schermo un ispirato racconto di emancipazione femminile nell’Inghilterra dei primi del ‘900.

Maud Watts (Carey Mulligan) lavora come lavandaia nella grigia e operosa Londra del 1912.

Per puro caso, incontra la collega Violet Miller (Anne-Marie Duff) coinvolta in una protesta delle suffragette, impegnate a chiedere il diritto al voto per tutte le donne del Regno Unito.

Maud si unisce al movimento che, nel 1928, ottiene la parità dei coetanei maschi: le donne sopra i 21 anni possono finalmente votare e partecipare, così, alla vita politica del loro Paese.

Meryl Streep, Carey Mulligan, Helena Bonham Carter, Anne-Marie Duff  HD
Suffragette il cast

Questo gruppo rivoluzionario, con il suffragio universale, ha così permesso la vera eguaglianza tra i sessi.

6 - Agora

Alejandro Aménabar nel 2009 dirige Rachel Weisz nel dramma biografico incentrato sulla figura di Ipazia, matematica, astronoma e filosofa dell’antica Alessandria d’Egitto del VI secolo.

Rachel Weisz con il cast di Agora HD

Il suo raffinato pensiero, la cultura enciclopedica e la scelta di rifiutare il modello tolemaico e a credere agli studi di Aristarco, che pone il sole al centro dell’universo, la elevano nell’olimpo dei personaggi femminili più significativi della storia.

7 - The Iron Lady

Meryl Streep nel 2012 vince il suo terzo Oscar per una delle performance più difficili della sua carriera, che le ha fatto indossare i perfetti panni dell'ex primo ministro britannico Margaret Thatcher (1925 – 2013).

La pellicola, diretta da Phyllida Lloyd, ricostruisce mirabilmente le molte luci e le altrettante ombre di un politico dalla tempra d’acciaio che ha partecipato a una delle fasi più difficili e significative della storia contemporanea.

Lo sbalorditivo percorso e la sua implacabile volontà le hanno permesso di superare i pregiudizi e gli ostacoli più insidiosi che una donna possa incontrare nella irta ascesa nel mondo politico, fino a quel momento di esclusivo dominio maschile.

Meryl Streep nel ruolo di Margaret ThatcherHD
Margaret Thatcher Meryl Streep

Molto amata e altrettanto odiata, Margaret Thatcher ha comunque insegnato alle ragazze che nulla è impossibile, se lo vogliamo.

8 - Silkwood

Meryl Streep in una scena di Silkwood HD
Meryl Streep

Nel 1983 Mike Nichols (Il Laureato, 1967) si ispira alla vera storia di Karen Gay Silkwood, la coraggiosa sindacalista americana deceduta nel 1974 e impersonata da Meryl Streep.

Karen Silkwood, ex alcolista, divorziata con tre figli che vivono con il padre, è un’operaia specializzata in una fabbrica dell’Oklahoma che produce combustibile nucleare.

Condivide la casa con il fidanzato Drew (Kurt Russell) e l’amica Dolly (Cher).

L’impianto lavora materiali pericolosi come uranio e plutonio, ad alto rischio radioattivo.

Con il tempo, capisce che l’azienda non ha mai portato a termine tutte le procedure necessarie per evitare ai lavoratori di essere ripetutamente esposti a queste sostanze.

Scopre così di essere stata contaminata dal plutonio ma di non poter dimostrare le prove della negligenza aziendale.

I colleghi, timorosi di perdere il posto, si rifiutano di seguirla nella sua giusta battaglia.

Karen contatta così un giornalista per raccontare la sua storia, che può danneggiare il buon nome della società, ma muore in un misterioso incidente d’auto proprio prima di incontrarlo.

Meryl Streep con la famiglia alla notte degli Oscar HD
Meryl Streep

In Karen Silkwood si intravede lo spirito indomito di una donna che lotta per i suoi diritti anche quando il nemico sembra essere più forte e invincibile.

9 - Il diritto di contare

Nel 2016 Theodore Melfi porta sul grande schermo il libro di Margot Lee Shetterley sulla vita di Katherine Johnson, scienziata afroamericana che nel 1961 lavorò alla missione Apollo 11 della NASA.

Il suo contributo, insieme ad altre due colleghe, è stato fondamentale non solo per aver calcolato le traiettorie con un’importante equazione matematica che ha permesso il rientro della capsula spaziale ma per aver superato le barriere razziali e i pregiudizi grazie al talento e alla sua profonda intelligenza.

L’attrice Taraji P. Henson, protagonista della fortunata serie televisiva Empire, in programmazione su FoxLife, regala al personaggio di Katherine una notevole carica di umanità e orgoglio femminile.

Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kirsten Dunst.HD
Le attrici di Il diritto di contare

Nel cast anche il premio Oscar Octavia Spencer (The help 2011) Kevin Costner e Jim Parsons, Sheldon di The Big Bang Theory.

10 - Erin Brockovich - Forte come la verità

La storia vera della ex reginetta di bellezza della provincia americana, madre single e affettuosa di tre figli che, senza una laurea in legge e nessuna esperienza è riuscita a mettere in ginocchio un colosso aziendale, non ha solo colpito l’immaginazione del regista Steven Soderbergh ma permesso alla protagonista, Julia Roberts, di vincere l’Oscar nel 2001.

Erin Brockovich è una segretaria dello studio legale di Ed Masry (Albert Finney) poco stimata dal suo capo e dalle colleghe a causa della sua scarsa esperienza e per il suo modo di vestire provocante, non adatto a un ufficio.

Mettendo a posto l’archivio, per curiosità legge il fascicolo che riguarda una compagnia elettrica.

Scopre così che l’azienda ha nascosto agli abitanti di una cittadina californiana di aver inquinato le falde acquifere, causando agli ignari residenti un numero spropositato di tumori.

Erin decide di raccontare la verità a tutte le persone coinvolte e, insieme a Ed, fa causa alla società per far valere i loro diritti.

Julia Roberts vince l'Oscar per Erin Brockovich HD
Julia Roberts

L’edificante racconto, fuor di retorica, incarna il credo a stelle e strisce che tutti possono realizzare i propri sogni e che la giustizia trionfa sempre, soprattutto quando è una donna a combattere le giuste battaglie.

Per chi non è ancora sazio di conoscere il rivoluzionario universo femminile, consigliamo la visione di Vogliamo anche le rose (2007) della regista Alina Marazzi.

Il documentario analizza il movimento femminista in Italia dagli anni ’70 ad oggi, attraverso lo sguardo e la testimonianza di tre ragazze, nate e cresciute in ambienti sociali e culturali molto diversi tra loro, intervallato da riprese d’epoca.

Una splendida occasione per ricordare i cambiamenti epocali, per capire da dove sono partite le donne e dove vogliono ancora arrivare.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.