Stai leggendo: Tutti gli ex famosi di cui Taylor Swift ha parlato nelle sue canzoni

Prossimo articolo: Taylor Swift svela il nome del suo nuovo album: Reputation

Letto: {{progress}}

Tutti gli ex famosi di cui Taylor Swift ha parlato nelle sue canzoni

Dalle cotte adolescenziali agli amori più maturi: l'artista nei suoi brani ha spesso cantato dei suoi ex fidanzati tra i quali annovera Harry Styles, Taylor Lautner, John Mayer e Joe Jonas. Ecco tutte le canzoni.

Taylor Swift: gli ex famosi di cui ha parlato nelle sue canzoni

4 condivisioni 6 commenti

Che non fosse un tipino con cui scherzare troppo si sapeva, ma forse l’ingenuo boyfriend di turno non avrà pensato di poter essere oggetto delle sue canzoni una volta diventato ex. Parliamo di Taylor Swift, superstar mondiale della musica e spesso alla ribalta delle cronache rosa per i suoi amori.

Da Harry Styles – voce degli One Direction amatissima dalle più giovani – a Taylor Lautner (famoso soprattutto per la su partecipazione alla saga cinematografica di Twilight) passando per i cantautori John Mayer e Joe Jonas, l’artista ha collezionato parecchi flirt celebri.

Taylor Swift sul palcoHDGettImagaes

A tutte, o quasi, le sue storie e i suoi ex fidanzati la bionda e angelica Taylor ha attinto autobiograficamente per le sue canzoni. La ventisettenne della Pennsylvania ha, infatti, reso i suddetti, loro malgrado, protagonisti di molti suoi testi. E si tratta – come è facile immaginare – di versi non sempre edificanti.

Taylor Swift sul palco della 50 edizione dei CMA AwardsHDGettyImages

Artista che ha venduto di più al mondo in digitale, Taylor Swift ha all’attivo il record di essere l’unica donna della storia della musica ad aver occupato la prima posizione in classifica per oltre sei settimane con ben tre album consecutivi. Come lei, per darvi un’idea della caratura, solo i Beatles.

Così, tra un Grammy Award e un Billboard Music Award, la statunitense inanella anche fidanzamenti e liaison che diventano motivo di ispirazione per le sue canzoni. In fondo, scrivere è anche un modo per sfogare i propri sentimenti e Taylor lo fa a modo suo.

Ma quali sono i brani in cui la Swift ha inserito riferimenti ai suoi ex? Il magazine Teen Vogue ripercorre la discografia della popstar alla caccia di qualsiasi indizio o esplicito cenno.

Tim McGraw (2006)

Singolo di debutto di Taylor, fu inciso all’età di sedici anni e inserito nel primo album ufficiale dall’icona pop. Il brano sarebbe dedicato all’ultimo amore tardo-adolescenziale, Brandon Borello, che la Swift frequentò durante gli anni di scuola. Come si racconta nel testo, la storia iniziò e finì proprio tra i banchi del college.

Teardrops On My Guitar (2007)

Anche Teardrops on My Guitar fu inserito nel primo album della cantautrice e venne rilasciato nel 2007 come singolo ufficiale. Nei versi, la Swift ricorda la cotta giovanile per Drew Hardwick che viene citato per nome. Fu in un’intervista che Taylor si lasciò poi sfuggire anche il cognome, rivelandone completamente l’identità. “Non gli ho mai detto che mi piaceva”, raccontò, ma la canzone lo ha fatto al posto suo.

Our Song (2007)

Traccia dell’album di debutto Taylor Swift, Our Song uscì come singolo nell’agosto 2007. La sua prima presentazione al vivo fu a un talent show scolastico, ai tempi della relazione della cantante con il compagno di studi, già citato, Brandon Borello. La coincidenza dei tempi farebbe pensare che la canzone sia proprio dedicata a lui.

Picture to Burn (2008)

Singolo ufficiale del 2008, il brano fa parte dell’album di debutto della Swift pubblicato due anni prima. Disco di platino negli USA, Picture to Burn pare proprio continuare la strada delle canzoni che la star ha scritto ispirandosi alle proprie avventure amorose. Molti ex compagni di studi avrebbero, infatti, riconosciuto una serie di riferimenti a Jordan Alford, con cui Taylor ebbe una relazione.

Should’ve Said No (2008)

Taylor Swift: 1989 tourHDGettyImages

“È strano ripensare alle canzoni che cantavamo / ai sorrisi, ai fiori: ora è tutto finito”: inizia così la ballad Should’ve Said No, ultimo singolo dall’album Taylor Swift. Considerate le tempistiche e la composizione del brano, il ragazzo in questione sarebbe Sam Armstrong che la cantautrice lasciò accusandolo di essersi preso gioco di lei.

Forever & Always (2008)

Taylor Swift ospite dei GrammysHDGettyImages

Secondo album (Fearless), nuova traccia con riferimenti autobiografici. Il disco, del resto, vide la luce dopo la rottura di Taylor con Joe Jonas e nella canzone si parla di lunghe attese telefoniche. Per la cronaca: il giovane artista ruppe con la Swift proprio con una sbrigativa telefonata...

Hey Stephen (2008)

Taylor Swift sul red carpet del Met Gala 2016HDGettyImages

Anche questo brano dall’album Fearless è dedicato a un ragazzo, citato esplicitamente fin dal titolo. Sarebbe Stephen Liles che fu in viaggio con la Swift durante gli inizi del suo tour in quanto membro del duo country Love and Theft.

Fifteen (2009)

In pieno stile country pop, Fifteen fa parte di Fearless e ne fu singolo ufficiale nel 2009. Nei suoi versi la Swift ricorderebbe l’amore giovanile Brandon Borello. In realtà non si legge nessun indizio certo, ma l’identificazione e l’età di quindici anni convergerebbero sull’ex compagno di scuola.

Mine (2010)

Primo singolo estratto dall’album Speak Now e presentato anche al CMA Music Festival, questo brano racconta di un ragazzo appena conosciuto. Che si tratti di Cory Monteih, star di Glee con cui la Swift fece coppia per meno di un mese?

Back To December (2010)

È il secondo brano tratto dall’album del 2010 e fu pubblicato come singolo nel novembre di quell’anno. Ascoltandone il testo, i fan non hanno mai avuto dubbi: a ispirare il racconto sarebbe stato Taylor Lautner che la Swift aveva conosciuto sul set del film Appuntamento con l’amore.

Dear John (2010)

Taylor Swift e John Mayer insieme sul palcoHDGettyImages

Delle quattordici tracce nell’album Speak Now, siamo alla terza che la Swift compose ispirandosi alle proprie vicissitudini amorose. Come il titolo lascia presupporre, Taylor parlerebbe del suo rapporto con John Mayer in riferimento soprattutto alla loro differenza d’età. Il cantautore la prese sul personale e dichiarò di aver considerato quel pezzo “un colpo basso”.

Better Than Revenge (2010)

Taylor Swift insieme a Joe Jonas a un evento pubblico

Anche Better Than Revenge contiene più di un riferimento alle vicende sentimentali della Swift. La canzone, infatti, ha alcuni passaggi in cui si parla di non meglio specificate attrici e di abiti vintage. In queste righe i fan hanno letto subito il nome di Camilla Belle, colei che si sarebbe frapposta tra Taylor e il suo Joe Jonas (come poi la stessa cantautrice ha peraltro spiegato).

Last Kiss (2010)

Anche questa canzone fa parte dell’album Speak Now e conterrebbe una serie di riferimenti a Joe Jonas. Sebbene i versi non siano del tutto espliciti, i tempi della composizione del brano coinciderebbero con quelli della relazione con il celebre collega. E per i fan non ci sarebbero dubbi.

We Are Never Ever Getting Back Together (2012)

Brano del 2012, rivela fin dal titolo il riferimento a una storia evidentemente finite male, anzi malissimo. Il ragazzo che aveva rubato il cuore a Taylor Swift in un continuo tira-e-molla sentimentale sarebbe nientemeno che Jake Gyllenhaal. I versi parlano di un attore che ama le band indipendenti e nel videoclip la star lascerebbe poco margine ai dubbi. La sciarpa che porta è, infatti, identica a quella indossata durante un appuntamento con il fascinoso californiano.

Begin Again (2012)

Secondo singolo dell’album Red, presentato in anteprima durante una puntata di Good Morning America, Begin Again è un concentrato di sentimenti. La Swift racconta quanto una persona possa diventare vulnerabile alla fine di una relazione piena di speranze e finita nel giro di un soffio. Anche se non ci sono riferimenti espliciti, i tempi paiono proprio coincidere con quelli della sua liaison con Conor Kennedy.

All Too Well (2012)

Taylor Swift e Jake Gyllenhaal ai tempi della loro relazioneHD

Quinta traccia di Red, questo brano – a differenza del precedente – non fu mai rilasciato come singolo. Ma come We Are Never Ever Getting Back Together i suoi versi parlerebbero di Jake Gyllenhaal a partire, ancora una volta, dal dettaglio di una sciarpa. Quella che la Swift avrebbe lasciato a casa di Maggie, sorella dell’attore.

I Knew You Were Trouble (2012)

Traccia dall’album Red di cui è il terzo singolo ufficiale, I Knew You Were Trouble è innegabilmente dedicata a Harry Styles. A togliere ogni dubbio è stata proprio Taylor Swift dopo aver presentato la canzone dal vivo sul palco dei Grammys. Con accento inglese, la star confessò emozionata che quei versi erano rivolti alla persona che in quel momento assisteva alla performance vicino al palco.

Holy Ground (2012)

Taylor Swift sul palcoHD

Anche questo brano, contenuto in Red, riguarderebbe la storia della Swift con Joe Jonas. A confermare l’ipotesi sarebbe il riferimento alla città di new York: l’unico newyorkese famoso che la star aveva frequentato (fino ad allora) era il collega musicista. Chissà se è proprio lui il protagonista della canzone.

The Last Time (2013)

Ultimo estratto da Red del 2012, The Last Time fu pubblicato come singolo ufficiale nel novembre 2013. Tra le righe ci sarebbe un riferimento all’inizio della relazione di Taylor con Jake Gyllenhaal. Quando la storia iniziò, infatti, l’attore era legato sentimentalmente ad altre due celebrity, Rachel Bilson e Anna Kendrick. Non sarebbe difficile, dunque, interpretare il desiderio di essere in cima alla lista di cui la Swift parla nel testo... 

Style (2015)

A firmare il singolo uscito nel 2015 sono Taylor Swift, Max Martin, Shellback e Ali Payami. Dal titolo della canzone alla somiglianza del protagonista nel videoclip ufficiale girato tra USA e Marocco, tutto farebbe pensare all’ex Harry Styles. Nel testo, si racconta di due persone che cercando di dimenticarsi l’una dell’altra eppure il legame non si spezza mai del tutto.

Out Of The Woods (2016)

Taylor Swift e Harry Styles ai tempi della loro relazione

Il singolo – pubblicato nel 2014, inserito nell’album 1989 e poi lanciato come singolo ufficiale nel 2016 – contiene alcuni passaggi in cui si accenna ad aeroplanini di carta che volano. Che sia un riferimento a Harry Styles? In fondo gli (allora) fidanzati portavano sempre al collo una catenina con un aeroplanino di carta come ciondolo. Anche in questo caso, nessun indizio certo ma una non irrilevante probabilità.

Questa è la storia musical-amorosa di Taylor Swift finora. Il prossimo album, appena annunciato dalla star via social – è atteso per il 10 novembre con il titolo Reputation. Ad anticiparlo, il singolo in uscita nella notte tra giovedì 24 e venerdì 25 agosto.

E chissà che la lista di canzoni sugli ex non sia destinata ad allungarsi entro breve, brevissimo, tempo.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.