Stai leggendo: Addio a Jerry Lewis, re della commedia e della storia del cinema

Prossimo articolo: L'attore Michael Nyqvist è morto a 56 anni

Letto: {{progress}}

Addio a Jerry Lewis, re della commedia e della storia del cinema

L'attore Jerry Lewis è deceduto all'età di 91 anni lasciando l'indelebile ricordo di un artista di immenso e ineguagliabile talento. I canali Sky lo ricordano oggi con una maratona di film e un imperdibile documentario.

Jerry Lewis scherza davanti ai fotografi

5 condivisioni 0 commenti

Attore, entertainer, filantropo, seduttore seriale, perfetta spalla e magnifico protagonista di una carriera inarrivabile e assai prolifica, Jerry Lewis (1926 - 2017) ha solcato, per quasi settant’anni, la storia del cinema alla pari di Charlie Chaplin e di Laurel & Hardy, noti al pubblico italiano come Stanlio e Ollio.

Jerry Lewis dietro le quinte di uno spettacolo HD
Jerry Lewis

La sua fisicità esasperata, l’irruenza, l’inconfondibile mimica facciale e l’irresistibile senso dell’umorismo hanno fatto di Joseph Levitch, al secolo Jerry Lewis, il simbolo di un certo tipo di commedia che ha influenzato e continua a influenzare generazioni di attori che, noncuranti del tempo che passa, pescano a piene mani dal corposo repertorio di questo grande interprete che ha ipnotizzato pubblico e addetti ai lavori.

Nato in New Jersey da una famiglia di ebrei russi emigrati, Lewis assorbe dal padre attore e madre pianista l’estro e la maschera comica dello “schlemiel”, termine yiddish e assai calzante che indica una persona imbranata, svagata e maldestra le cui involontarie performance muovono facilmente all’ilarità.

Il suo fulminante inizio mette in scena proprio questo genere di folklore ebraico, attirandosi le simpatie e gli applausi in piccole ma significative tournée teatrali fino all’incontro con Dean Martin.

Con il fascinoso cantante e attore statunitense di origine italiana, nel 1946 diventa la metà più stralunata e divertente di una coppia di enorme successo con pellicole di genere come Irma va a Hollywood (1950), Attente ai marinai! (1952) e Il circo a tre piste (1954).

La voluta ripetitività delle scene e le prevedibili trame, ritagliate su misura per evidenziare il contrasto di caratteri e le gag più efficaci, non mettono però in ombra i due titoli più apprezzati della coppia come Il nipote picchiatello (Norman Taurog, 1955) e Artisti e modelle di Frank Tashlin (1955), con Shirley MacLaine, che esaltano la qualità interpretativa e personale della coppia.

Il duo comico Dean Martin e Jerry Lewis HD
Jerry Lewis Dean Martin

Nonostante la grande popolarità e gli ingenti guadagni, Dean Martin dopo dieci anni abbandona traumaticamente il fortunato sodalizio, scegliendo nel 1956 la strada da solista.

Jerry Lewis accusa il colpo, personale e lavorativo e, dopo una breve battuta d’arresto, torna alla ribalta grazie alla collaborazione con il suo regista preferito, Frank Tashlin, disegnatore di fumetti per la Disney e autore per i Fratelli Marx e Lucille Ball.

Il balio asciutto (1958) e il Cenerentolo (1960) ripropongono, in chiave più brillante e originale, tutto il suo repertorio da slapstick comedy ma è con il fortuito debutto alla regia in Ragazzo tuttofare (1960) che la vena artistica dell’attore inizia a prendere una forma più compiuta e complessa.

Lewis non solo sembra avere una particolare sensibilità per il nuovo mestiere ma brevetta un sistema, il moderno video assist, che permette al regista, in tempo reale, di vedere ciò che riprende l’operatore per un maggior controllo sulle inquadrature.

I suoi film da autore e interprete, come L’idolo delle donne (1961) e il più amato Le folli notti del dottor Jerryll (1964) ottengono critiche entusiaste e un trionfo al botteghino.

I numerosi problemi di salute e la stanchezza del pubblico lo tengono sempre più lontano dalle scene ma è Martin Scorsese nel 1983 a riportarlo sul grande schermo con Re per una notte, accanto a Robert De Niro.

Il ruolo del comico di successo Jerry Langford, dotato di una caustica ironia e di un carattere poco accomodante, rapito da un folle aspirante attore (De Niro), non solo sottolinea nuovamente l’immenso talento di Lewis ma evidenzia alcune similitudini della vita privata del mattatore di Hollywood.

Le luci e le ombre di una formidabile carriera, infatti, raccontano di un uomo generoso – a lui si deve la nascita del programma TV Telethon, la raccolta fondi per i malati di distrofia muscolare – e di un personaggio polemico, sferzante e assai irascibile.

Adriano Celentano a Sanremo 2012 HD
Adriano Celentano

La sua bravura e unicità hanno ispirato, con le debite proporzioni, personaggi dello spettacolo come l’attore Jim Carrey, che ha costruito la sua iniziale carriera ripercorrendone, in parte, l’espressività dei gesti e il cantante italiano Adriano Celentano che, in una lettera al Corriere della Sera, lo ricorda così

Ciao Jerry! Non so se qualcuno ti ha mai detto che fin dai primi tempi, esattamente dal "nipote picchiatello" in poi, in Italia c'era un tizio che scimmiottava le tue mosse. [...]. Se penso a quanto sei stato GRANDE qui sulla Terra non posso neanche immaginare quello che combinerai Lassù.

Sky Cinema Classics HD omaggia il divo e l’uomo con una maratona che, dal primo pomeriggio di martedì 22 agosto, ripercorre con una serie di film scelti l’incredibile percorso di un genio della comicità.

Alla sera, Sky Arte HD propone un toccante documentario, Jerry Lewis – L’uomo dietro il clown (Gregory Monro, 2016) che approfondisce l’incredibile carriera professionale e il segreto del suo duraturo successo culminato, nel 1999, con il Leone d’oro alla carriera al festival del Cinema di Venezia.

Las Vegas ricorda Jerry Lewis HD
In memoria di Jerry Lewis

Una giornata imperdibile per chi ha già nostalgia del principe della risata e una splendida occasione per i pochi che ancora non conoscono la genialità di un attore visionario e irresistibile.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.