Stai leggendo: Autonomous Sensory Meridian Response: che cos’è e in cosa consiste

Prossimo articolo: Novità detox estate 2017: gli ultimi trend per depurarsi

Letto: {{progress}}

Autonomous Sensory Meridian Response: che cos’è e in cosa consiste

L'Autonomous Sensory Meridian Response è l'innovativo metodo di rilassamento mentale per liberarsi da ansia, stress e disturbi del sonno senza ricorrere ad alcun tipo di medicinale.

Una ragazza sdraiata in un prato si rilassa ascoltando musica

0 condivisioni 0 commenti

Se avete problemi di ansia, stress e insonnia e volete risolverli in modo naturale, senza ricorrere all’assunzione di alcun tipo di medicinale, potete provare l’Autonomous Sensory Meridian Response (ASMR), la nuova frontiera del rilassamento mentale.

Il termine, un neologismo coniato da poco tempo, sta a significare risposta autonoma del meridiano sensoriale, e si riferisce alla percezione di una sensazione di rilassamento sulla schiena, sul cuoio capelluto o sulle spalle. Una sorta di formicolio che induce ad abbandonarsi a esso liberandosi da ogni tipo di tensione. Un modo diverso, dunque, per accedere a una condizione di puro relax senza bisogno di ricorrere a tisane o medicine.

Un cagnolino dorme beato sulle gambe di una ragazzaHD

La prima volta in cui si è parlato dell’ASMR è stato nel 2008 attraverso gruppi internet che puntavano a trovare una spiegazione a questo fenomeno, a fornire materiale informativo e soprattutto a condividere le proprie esperienze personali con gli altri. A coniare il termine è stata Jennifer Allen e quest’ultima ha sostenuto che la parola meridiano può essere considerata un sinonimo di orgasmo, sebbene il tipo di sensazione suscitata da tale pratica non sia per niente legata alla sfera della libido.

In cosa consiste, allora, di preciso l’Autonomous Sensory Meridian Response? L’ASMR viene attivato da stimoli uditivi, tattili o visivi vissuti da una persona in forma del tutto passiva. Ad esempio guardando un video, osservando i gesti di qualcun altro, ascoltando determinati suoni o voci.

L’ascolto di voci sussurrate è, a quanto pare, il metodo più diffuso e apprezzato per attivare il rilassamento mentale. Su Youtube si trovano svariati video dove un soggetto si rivolge all’utente parlando con voce bassa, dolce e suadente. Spesso poi vengono simulate delle vere e proprie situazioni per dare vita all’ASMR, scene in cui sono trasmesse situazioni tipo come il taglio di capelli, il massaggio in una SPA, una visita medica, tanto per citarne alcuni.

Una ragazza fa meditazione seduta a terraHD

Chi ha seguito questi video ha dichiarato di aver risolto i suoi disturbi del sonno e di essere riuscito a rilassarsi con estrema efficacia liberandosi dall’ansia. Va detto, però, che non esiste una prova scientifica sull’effettiva veridicità di una simile pratica. Steven Novella, direttore di Neurologia Generale alla Scuola di Medicina dell’Università di Yale, ha sostenuto proprio per questo la necessità di avviare studi specifici sull’ASMR avvalendosi della risonanza magnetica. Secondo il suo punto di vista bisognerebbe porre a confronto persone sottoposte agli stimoli emotivi con altre invece che non li sperimentano.

Relax in mezzo a un pratoHD

Attualmente si è ancora lontani dall’avviare una ricerca scientifica vera e propria, come ha sottolineato Tom Stafford, esperto di psicologia e scienze cognitive all’Università di Sheffield. Secondo lui riuscire a dare una definizione precisa e descrivere in modo esauriente un fenomeno come quello dell’Autonomous Sensory Meridian Response è complicato perché non è qualcosa che si può vedere e sentire, fa parte della sfera sensoriale e fornisce risultati differenti da soggetto a soggetto. Ci vorrà del tempo per trovare un metodo adeguato e giusto di definirlo.

E voi avete mai provato questa tecnica di rilassamento? Raccontateci la vostra esperienza in un commento.

 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.