Stai leggendo: Taylor Swift vince in tribunale contro David Mueller

Prossimo articolo: Michael Fassbender e James McAvoy ispirati dalla creatività dei fan

Letto: {{progress}}

Taylor Swift vince in tribunale contro David Mueller

Taylor Swit ha vinto in tribunale contro David Mueller, che l'aveva accusata di avergli rovinato la carriera dopo una sua accusa per molestie sessuali.

Taylor Swift durante una delle sue esibizioni live

0 condivisioni 0 commenti

Taylor Swift ha vinto in tribunale contro David Mueller, che l'aveva accusata di avere causato il suo licenziamento dalla radio in cui lavorava.

Si tratta di una battaglia legale iniziata nel 2013, quando la pop-star aveva dichiarato di essere stata vittima di molestie sessuali da parte del dj radiofonico.

I due, infatti, avevano posato per una foto prima di uno show di lei a Denver (Colorado) e pare che lui, in quella occasione, l'abbia palpeggiata.

A testimoniare l'accaduto la madre Andrea Swift e anche Grend Dent, l'ex guardia del corpo di Taylor, che avrebbe visto David metterle una mano sotto la gonna.

In seguito a quanto accaduto David ha perso il lavoro e quindi ha chiesto un risarcimento di tre milioni di dollari, che a quanto pare non vedrà mai dato che il giudice distrettuale William Martinez ha stabilito che la cantante non ha alcuna responsabilità sulle vicende professionali del dj.

C'è pero un secondo processo aperto: Taylor, infatti, lo aveva a sua volta citato in giudizio per la questione delle molestie chiedendo però un risarcimento simbolico di un dollaro.

Quello che conta per lei, infatti, è fare giustizia per tutte le donne che ogni giorno sono vittime di questi spiacevoli episodi.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.