Stai leggendo: L'appropriazione culturale nella moda diventa tabù

Prossimo articolo: Gender Gap: l’esempio delle donne di BBC che lottano per una paga equa

Letto: {{progress}}

L'appropriazione culturale nella moda diventa tabù

Alcuni gruppi indigeni hanno chiesto alle Nazione Unite che vengano sanzionati i marchi che sfruttano i loro simboli per moda in nome dell’appropriazione culturale.

Un outfit Navajo della stilista Adriana Barra

1 condivisione 0 commenti

Non è raro vedere stampati su magliette o vestiti simboli appartenenti a culture indigene, disegni che spesso indossiamo solo per moda incuranti del loro profondo significato.

Alcuni gruppi indigeni, in nome di questa appropriazione culturale indebita da parte di alcuni marchi, si sono rivolti alle Nazioni Unite affinché venga creata una normativa ad hoc che sanzioni i brand, qualora dovessero sfruttare e tentare di trarre profitto da parole, simboli e stili appartenenti ai popoli indigeni del mondo.

La collezione di Urban Outfiters ispirata ai NavajoHDThe Frisky

Già nel 2012 Urban Outfitters è stata denunciata dalla Navajo Nation dopo aver messo sul mercato una collezione di merchandise Navajo, ma questa nuova legislazione - per la quale in questo momento 189 paesi stanno negoziando con l'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale su come affrontare il problema - consentirebbe a coloro che sono vittime in tali “appropriazioni indebite” di potersi finalmente tutelare attraverso sanzioni che potrebbero anche prevedere il carcere.

In merito alla questione Aroha Te Pareake Mead, membro delle tribù Ngati Awa e Ngati Porou ha dichiarato:

Siamo solo a metà del 2017, eppure il numero di eventi di appropriazione indebita che colpiscono i popoli indigeni in tutte le regioni del mondo sembra implacabile e senza alcun rilievo. La commissione spera di avere nuove leggi internazionali che possano portare in vigore sanzioni e regolamenti atti a proteggere la proprietà intellettuale dei popoli indigeni.

Della stessa idea è anche James Anaya, dottore di legge all'Università del Colorado:

L’ONU dovrebbe creare efficaci procedure di esecuzione penale e civile per riconoscere e prevenire l'assunzione non consensuale e il possesso illegittimo, la vendita e l'esportazione di espressioni culturali tradizionali.

Dopo anni di tentativi per proteggere le loro tradizioni, sembra che i popoli indigeni del mondo stiano iniziando a fare qualche concreto e importante passo in avanti.

Che ne pensate di questa doverosa presa di posizione dei popoli indigeni? Parliamone insieme nei commenti!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.