Stai leggendo: Capelli, la risposta definitiva: quanto spesso dovremmo lavarli?

Prossimo articolo: Capelli estate 2017: ferme tutte, torna la permamente!

Letto: {{progress}}

Capelli, la risposta definitiva: quanto spesso dovremmo lavarli?

Non più sacrilegio! Le esperte top hanno sdoganato la pratica di lavarsi i capelli ogni giorno.

Primo piano di una modella dai capelli ramati

2 condivisioni 0 commenti

Tutti sanno che lavarsi i capelli ogni giorno è deleterio: ce lo dicono le nostre mamme, amiche, i parrucchieri… eppure potrebbero aver torto. La rivista online TeenVogue ha infatti pubblicato un articolo in cui due esperte lodano i meriti del lavaggio quotidiano in quanto estremamente benefico per il cuoio capelluto: Anabel Kingsley, tricologa per il marchio Philip Kingsley, e la dottoressa Francesca Fusco, dermatologa newyorkese delle celebrità, sostengono infatti che non bisogna demonizzare l’uso quotidiano dello shampoo.

Lo shampoo una volta al giorno è benefico. Il cuoio capelluto, come diverse aree della nostra pelle, contiene molte ghiandole sudoripare e sebacee, quindi deve essere lavato di frequente perché sia sempre pulito e in buone condizioni.

Anche la tricologa è dello stesso parere: è la salute del cuoio capelluto a determinare la salute dei capelli, quindi se rimane sporco avrà effetti negativi sulla crescita e la lucentezza dei capelli.

I vostri capelli e il cuoio capelluto sono poi esposti agli stessi agenti inquinanti cui è esposto il viso. Immaginate di non lavarvi la faccia!

Una donna sotto la docciaHDGetty

È anzi proprio il lavaggio distanziato nel tempo che rende i capelli opachi, crespi e pesanti, afferma la dottoressa Fusco. Questo però non si deve tradurre necessariamente nel lavarli ogni 24 ore: se da una parte la detersione regolare è fondamentale per la salute dei capelli, dall’altra scegliere di farlo ogni giorno o a giorni alterni dipende da una serie di fattori come il tipo di capelli, di attività svolta e il modo in cui si è soliti acconciarli.

Anabel Kingsley ha la stessa opinione: il cuoio capelluto è un’estensione della fronte, ma non c’è una regola scientifica sulla frequenza di lavaggio.

Ognuno è diverso e si tratta di trovare il giusto equilibrio tra ciò che è fattibile, il modo in cui volete acconciarvi, e i passi necessari da compiere per mantere un certo livello di salute di cuoio e capelli.

Una linea guida utile per orientarsi è questa: se i capelli sono sottili e con tendenza a diventare grassi velocemente, si consiglia il lavaggio quotidiano per evitare che sembrino senza vita, appesantiti e opachi. Così come se conducete una vita molto attiva, con tanto sport o se fate molto uso di spray volumizzanti e lacca.

Chi pratica molto sport o usa una gran quantità di prodotti per i capelli crea un accumulo di sostanze che devono essere periodicamente lavate via.

Una donna che passa la piastra sui capelliHDJupiterimages

Se sono passati più giorni dall’ultimo lavaggio o avete usato molti prodotti per la messa in piega, è consigliabile passare lo shampoo due volte, avendo cura di risciacquare perfettamente già dopo la entrambe le applicazioni, altrimenti i capelli avranno comunque un aspetto opaco.
Anche ricorrere allo shampoo secco come alternativa in caso di capelli ricci è poco realistico, secondo la dottoressa Fusco.

Lo sporco e il grasso sono spesso meno visibili su capelli del genere, quindi lasciarli un giorno in più non farà una grande differenza.

E in caso di tinta o decolorazione? Usare il balsamo ogni volta, perché questi trattamenti seccano il capello. E se ci piace usare uno shampoo schiarente, dovremmo limitarci ad una volta alla settimana o, se ne usiamo molto, anche una sola volta al mese: il motivo sta nel fatto che quel tipo di lozione è sostanzialmente uno "shampoo potenziato" che agisce ancora più a fondo nella rimozione degli accumuli di prodotti, grasso e depositi minerali, per cui un uso eccessivo prosciuga i capelli degli oli naturali di cui hanno bisogno per essere lucenti e sani.

Per chi invece deve fare i conti con la forfora, la dottoressa non ha dubbi: detersione regolare con shampoo specifico, che sia capace di idratare e trattare l’eccesso di lieviti presenti negli individui con forfora.

La forfora potrebbe essere una conseguenza del lavare troppo poco i capelli

Una ragazza con le mani nei capelloHDShutterstock

Chi invece ha capelli spessi e forti può attendere di più tra uno shampoo e l’altro, magari utilizzandone una quantità generosa ogni volta. L’uso eccessivo della piastra o ferri per i boccoli, però non può essere salvato dai benefici del lavaggio quotidiano, entrambe le esperte concordano.

Sarebbe meglio considerare di lasciar asciugare i capelli da soli, o preferire il phon o una fonte di calore meno intensa della piastra.

Pensiamo poi al massaggio cutaneo fatto dai parrucchieri: dovremmo tentare di replicarlo anche a casa. Prima, dice infatti la dottoressa, dobbiamo sciacquare con acqua fresca o tiepida, bagnando tutta la testa. Poi versiamo lo shampoo sul palmo della mano ed usiamo i polpastrelli per massaggiare il cuoio capelluto e distribuire su tutta la lunghezza. Anabel aggiunge che "non c’è bisogno di fare uno scrub" basta essere gentili e concentrarsi sul cuoio capelluto, massaggiando per un minuto così da favorire l’esfoliazione e fare un po’ di schiuma.

Non è solo per rilassarci, ma è uno sforzo ulteriore per pulire più a fondo.

Emma Stone nel film Easy ATumblr

Per concludere, le due esperte hanno comunque voluto rassicurare il popolo dei fan dello shampoo secco: va bene usarlo, basta non strafare, perché nulla è efficace come l'acqua ed il vero shampoo per la detersione, e soprattutto perché un eccesso di questo prodotto crea un accumulo alle radici che da ultimo può causare irritazione.

Tutto ciò rincuorerà chiunque abbia sempre lavato i capelli con grande frequenza, ma sarà proprio vero che i parrucchieri e tanti altri esperti hanno torto? Sicuramente in questi giorni in cui tutti non facciamo che lamentarci del caldo che ci fa sudare ad ogni piè sospinto, ognuno di noi ricorrerà allo shampoo molto più spesso del solito, ma in genere, qual è la frequenza consigliata? Dovremmo magari astenerci completamente allo shampoo?

Negli anni la rete ci ha proposto più volte le testimonianze di persone che non si sono lavate i capelli per periodi lunghissimi e il risultato era sempre sulla linea del "non sono mai stati più belli o più in salute".  Una donna che si è tenuta alla larga da shampoo per sei anni, ricorrendo occasionalmente solo al balsamo, sostiene che i suoi capelli hanno preso a crescere ad un ritmo spropositato, tanto da riuscire a donarli ad un'associazione che crea parrucche per i bambini malati di cancro. Sono tutte voci a favore del movimento "no poo" (niente [sham]poo), che ha moltissimi sostenitori in tutto il mondo.

La chioma di BeyoncéGiphy

Indubbiamente i tipi di shampoo più comunemente usati nel mondo oggi sono fortemente dannosi per l'ambiente, ed in effetti le due esperte citate nell'articolo di TeenVogue finiscono per consigliare prodotti di alto livello. I consumatori di tutto il mondo cercano sempre più di rivolgersi a prodotti che utilizzino sostanze naturali: avremo notato tutti che sugli scaffali di supermercati e profumerie le varie marche fanno a gara ad utilizzare i mix di spezie, frutta, oli che siano tra i più in voga al momento. Ma molti professionisti del settore continuano a diffidare del lavaggio troppo frequente: ad esempio l'hairstylist newyorchese Jeff Chastain, secondo il quale basta farlo una o due volte a settimana e tendenzialmente usare meno shampoo e più balsamo. 

Alla fine dei conti, come ha ammesso anche Anabel Kingsley a Teen Vogue, la regola perfetta che funzioni per tutti non esiste: sulla miglior routine di lavaggio possibile per ciascuno di noi influiscono moltissimi fattori quali il tipo di capelli, il livello di inquinamento e sporcizia cui siamo esposti ogni giorno, le attività che svolgiamo continuamente... eppure lo shampoo quotidiano continua ad essere visto come un male. E voi, avete mai provato a lavare i vostri capelli tutti i giorni o a non usare shampoo per periodi lunghi?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.