Stai leggendo: Vanessa Paradis a Locarno 70: da attrice e donna mi lascio guidare dal cuore

Prossimo articolo: Francesca Comencini a Locarno 70: gli uomini si amano e si combattono

Letto: {{progress}}

Vanessa Paradis a Locarno 70: da attrice e donna mi lascio guidare dal cuore

L'attrice, cantante e modella francese, arriva a Locarno 70 per presentare Chien, il nuovo film del compagno Samuel Benchetrit in cui interpreta un ruolo ostico.

Vanessa Paradis a Locarno 70

2 condivisioni 0 commenti

Il volto è teso, il sorriso è di pura circostanza e il tempo concesso ai fotografi per immortalarla al photocall e sul red carpet serale è lo stretto necessario. L'attitudine di Vanessa Paradis non è delle migliori, ma chi più di lei è consapevole di come i tabloid e i rotocalchi di mezzo mondo distorceranno questa pubblica uscita al Festival di Locarno?

Per molti l'attrice, modella e cantante francese, con alle spalle un'onorata carriera cominciata quando aveva solo 13 anni, è ancora e solo l'ex moglie di Johnny Depp. La coppia ha avuto due figli - nel frattempo diventati grandi e oggetto loro stessi dell'attenzione dei paparazzi - e si è separata da ormai un quinquennio dal suo ex, iniziando una nuova vita e una nuova storia d'amore. 

Nonostante ciò, Vanessa Paradis ancor oggi deve fare i conti con l'odiosa etichetta "moglie di", utilizzata per cancellare con un epiteto formulare decenni di professionalità femminile, in nome di una storia d'amore ormai finita. L'attrice ha scelto di presentarsi in pubblico con il suo nuovo amore proprio in questa veste professionale, optando per un Festival che è meno incline al gossip e più incentrato sulla sostanza cinematografica come quello di Locarno.

Anche se tesa, nel cuore della capitale elvetica del cinema Vanessa Paradis è disposta a posare in pubblico al fianco di Samuel Benchetrit, suo nuovo compagno e regista del suo ultimo film, dopo aver evitato il più possibile in passato di esporsi insieme alla pressione dei media. 

Vanessa Paradis introduce Chien a Locarno 70

Presentato ai 6000 spettatori del pubblico di Piazza Grande, Chien vede coinvolta l'attrice francese solo in maniera marginale, dato che ricopre un ruolo secondario nella vicenda. Il suo personaggio è anzi abbastanza negativo, dato che interpreta la moglie del protagonista (interpretato da Vincent Macaigne), che è riuscita a ottenere il divorzio appellandosi a un'inesistente allergia che le provoca la presenza di lui. La donna interpretata da Paradis è una cinica calcolatrice capace di inventarsi di sana pianta una malattia pur di liberarsi dal marito, ma per lei l'attrice francese spende a sorpresa parole positive:

È un personaggio molto coraggioso, che nonostante tutto dimostra di avere un grande cuore.

Le parole di Paradis sembrano l'unico raggio di luce di un film molto pessimista e critico sulla società occidentale. A scriverlo e dirigerlo c'è lo scrittore, drammaturgo e regista Samuel Benchetrit, autore dello stesso romanzo da cui è tratto. Vincent Macaigne prende sotto la sua direzione la strada più estrema, la sottomissione totale: smetterà la sua vita umana e diventerà un cane. Letteralmente: del suo passato "umano" sappiamo pochissimo, mentre lo seguiamo sconcertati nella sua discesa verso una condizione animale e abietta, resa ancora più potente dall'interpretazione intesa di Macaigne.

Chien è un film duro e senza speranza, che sembra sussurrare agli spettatori di Piazza Grande che le opzioni nella nostra contemporaneità sono solo due: soffrire atrocemente o sottomettersi completamente, rinunciando alla propria umanità. 

È davvero un peccato quindi che uno dei film più coraggiosi e duri visti in Piazza Grande in questa edizione venga citato distrattamente a corredo di qualche report estivo dal retrogusto di gossip. Chissà cosa pensa di tutto questo lo stesso Samuel Benchetrit, sostanzialmente ignorato dal clamore di flash e fotografi, balzato improvvisamente agli onori del gossip in qualità di "nuovo compagno dell'ex moglie di". Per carriera e ambizione meriterebbe una citazione per nome e cognome, ma il sistema delle etichette finisce, come sempre, per far male a tutti, anche agli uomini. Umanamente non è dato sapere quale sia la sua posizione, sia lui sia Paradis fanno della loro riservatezza una questione di principio.

Alla fine il giudizio più importante sarà quello dei 6000 di Piazza Grande, che ogni sera votano il film proiettato e che giudicheranno la coppia Paradis - Benchetrit sul terreno da loro scelto, Locarno. Lo fa capire chiaramente l'attrice, precisando: 

È la mia prima volta qui al Festival di Locarno. È stata un'esperienza molto interessante, perché presentare qui un film non è solo un divertissement, ma qualcosa di molto più intenso e concreto. 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.