Stai leggendo: Jim Carrey e il suo talento d'artista in un mini-documentario

Prossimo articolo: Melanie Griffith compie 60 anni: auguri alla star ribelle di Hollywood

Letto: {{progress}}

Jim Carrey e il suo talento d'artista in un mini-documentario

Simpatico e di talento, Jim Carrey è abile anche nel dipinto e lo ha dimostrato in un mini-documentario.

Jim Carrey sorridente

6 condivisioni 1 commento

Ha cinquantacinque anni eppure il suo talento riesce ancora a sorprendere. Jim Carrey è conosciuto per essere uno dei migliori attori comici (e non solo) del grande schermo, eppure di recente ha dimostrato di avere talento anche in un altro settore artistico: quello della pittura.

L'attore ha realizzato un mini-documentario intitolato I Needed Color (Avevo bisogno di colore) che ha fatto impazzire il web. Il video - diretto e prodotto da David Bushell - lo ha visto intento a lavorare su tela nel suo studio di New York.

Mi piace il senso d'indipendenza che emana [dipingere], il senso di libertà. Nessuno può dirti cosa puoi o non puoi fare.

Il video ha ottenuto un alto numero di visualizzazioni (finora più di un milione e mezzo) e persino il famoso cestita dell'NBA LeBron James ha espresso la sua meraviglia su Twitter, dichiarando di voler incontrare Carrey per discutere della sua passione.

Quando ho iniziato a dipingere, ero ossessionato. C'erano dipinti da tutte le parti, non c'era più spazio per muoversi in casa, arrivavo anche a mangiarci sopra.

Jim Carrey negli ultimi tempi ha preso le distanze dal mondo cinematografico (lo abbiamo visto in un ruolo marginale in The Bad Batch - presentato al festival di Venezia - l’anno scorso) e ha tentato di esorcizzare i propri demoni con la pittura. Ogni suo dipinto è l'espressione di un'emozione, una sensazione, un grido d'aiuto.

Inizialmente non ti è chiaro cosa tu stia facendo con un dipinto o con una scultura. Mi è capitato di aver realizzato un dipinto e dopo un anno è stato proprio quel dipinto a dirmi cosa avevo bisogno di sapere riguardo me stesso.

Da bambino, Jim passava metà del tempo ad esibirsi nel salotto di casa sua dinanzi amici e parenti, mentre l'altra metà la trascorreva al riparo nella sua cameretta in compagnia dei suoi disegni.

L'ispirazione per i dipinti è arrivata sedici anni fa. Nel documentario, Jim ha ammesso di aver iniziato a dipingere per curare un cuore infranto.

Quando sei innamorato il cuore fluttua nell'aria senza alcun peso, ma quando perdi quell'amore sei costretto a farlo rientrare nell'atmosfera.

Jim Carrey dipinge un cuore HD
Il cuore di Jim

Secondo Jim, tutto ciò che vediamo vuole raccontarci una storia. Per cui, ogni suo dipinto è la dimostrazione che ogni tela cela tra colori e sbavature una storia da raccontare.

Non ho idea di cosa m'insegni la pittura, ma so che mi libera dal futuro, dal passato, dal rimorso e dalle preoccupazioni.

Abbiamo imparato a conoscere Jim Carrey per i suoi fantastici e iconici ruoli al cinema (chi può mai dimenticare Una settimana da Dio, Io, me & Irene, Bugiardo Bugiardo, Yes Man o ancora The Mask?), ma potremmo imparare a conoscerlo anche così: con i suoi dipinti e la sua artistica vulnerabilità.

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.