Stai leggendo: Game of Thrones: il duello tra Arya e Brienne è un vero momento di gloria al femminile

Prossimo articolo: Game of Thrones: il sesso tra Missandei e Verme Grigio non denigra le donne

Letto: {{progress}}

Game of Thrones: il duello tra Arya e Brienne è un vero momento di gloria al femminile

Altro che girl fight, lo scontro amichevole tra le due guerriere di Il trono di spade è una scena tra le più gloriose per le donne in TV. Vi raccontiamo retroscena e perché.

Brienne e Arya si sfidano a duello a Grande Inverno

8 condivisioni 3 commenti

Il Trono di Spade - Game of Thrones è tornato sul piccolo schermo con una settima stagione esplosiva. In Spoglie di guerra (il quarto e ultimo episodio andato in onda su Sky Atlantic) abbiamo visto alcuni personaggi alla riscossa e tra questi non può certamente mancare Arya Stark.

Spoglie di guerra: il duello tra Brienne e Arya

Tornata a casa dopo sette lunghi anni, Arya non è più la bambina impaurita di un tempo e si è presentata a Grande Inverno come una guerriera (e segreta assassina) sotto gli occhi attoniti di Brienne di Tarth e sua sorella Sansa.

La giovane Stark ha sfidato Brienne a duello e, con grande stupore di tutti, la ragazzina è riuscita a tenere testa alla soldatessa più abile di Westeros.

Brienne ha tentato di proteggere Arya tempo addietro (tenendo presente la promessa fatta a Catelyn Stark) proponendole di riportarla a casa sana e salva, ma Arya ha rifiutato e si è ritrovata ben presto sotto l'ala (non proprio) protettiva di Nessuno (il culto del Dio dai Mille Volti). Grazie al duro insegnamento ricevuto a Braavos, Arya è diventata probabilmente una delle guerriere più abili e addestrate di tutti i Sette Regni.

Non a caso, la domanda di Brienne: "Chi ti ha insegnato a duellare così?" è stata più che lecita, così come la risposta evasiva (per chi non sa) e alquanto epica (per chi invece sa) di Arya: "Nessuno" che ha posto fine al duello.

Le reazioni dei fan su Twitter

I social network diventano una miniera d'oro in questi casi, soprattutto Twitter che, in seguito alla messa in onda del'episodio, è totalmente impazzito per il duello tra Brienne e Arya.

Game of Thrones torna a dimostrare ancora una volta come il potere sia ormai diventato donna nella televisione e quanto sia importante aver realizzato personaggi onorevoli come Brienne e senza scrupoli come Arya.

Sansa è la via di mezzo, una donna logica e razionale totalmente spiazzata dinanzi quella nuova versione della sorella. In fondo entrambe si erano riviste per l'ultima volta nella prima stagione e all'epoca erano ancora due bambine traumatizzate dalla perdita del padre e dallo smembramento della loro casa.

Adesso Arya e Sansa devono imparare nuovamente a conoscersi e non è detto che ciò che sono diventate possa essere di loro gradimento.

L’evoluzione di Arya Stark in Il Trono di Spade

L'ultima volta che abbiamo visto Arya a Grande Inverno era ancora una bambina che giocava al tiro con l'arco. La sua mutazione è avvenuta in seguito alla decapitazione di Ned Stark (suo padre) ad Approdo del Re.

È al caro maestro di scherma Syrio Forel che Arya deve indubbiamente le sue mosse agili (e la gioia di combattere), ma sapere dove colpire (al ginocchio e alle mani, anziché al petto) lo deve al Mastino, con cui ha trascorso molto tempo nelle precedenti stagioni.

Arya che si allena con  Syrio e Brienne
Arya tra presente e passato

Ciò che ha plasmato Arya è stato il suo percorso durante le precedenti sei stagioni, passando di maestro in maestro finché non è giunta al cospetto di Nessuno. Presso la Casa del Bianco e del Nero, Arya ha affinato le proprie abilità strategiche e si è sentita pronta per mettere in atto la propria vendetta.

La giovane Stark ha forgiato il proprio carattere in seguito a perdite e sofferenze ma, a differenza di Sansa, ha saputo indirizzare la propria rabbia verso un mondo più concreto e brutale: il duello. La sua formazione è stata altrettanto lunga e dolorosa, ma Arya è riuscita a tenere testa alle difficoltà e ha dimostrato quanto per lei conti essere una Stark.

Arya dice che torna a casa
Mi chiamo Arya Stark e torno a casa.

Game of Thrones e il potere alle donne

Ne avevamo parlato già tempo fa e con questa nuova stagione Game of Thrones si sta dimostrando sempre più favorevole al girl power. Tutte le donne rimaste in gioco non sono succubi di nessuno, bensì sono consapevoli del proprio valore e perfettamente in grado di provvedere a se stesse.

Il duello tra Arya e il Mastino
Aria contro il Mastino

Arya è una combattente fenomenale: con un cocktail di movimenti aggraziati, tenacia e arroganza, la piccola Stark ha dimostrato a Brienne (una delle più abili tra i cavalieri dei Sette Regni) di essere una sua eguale. L'arrivo di Arya è una grande risorsa per Grande Inverno, che dovrà difendersi sia dagli Estranei che da Cersei. Per quanto Sansa voglia dimostrare di essere un’ottima stratega, dinanzi la forza devastante del Re della Notte potrebbe essere più rilevante la spada che la parola.

Dopo sei stagioni, la piccola Stark ha completato il proprio percorso ed è diventata la donna che era destinata ad essere. Ma riuscirà a terminare la lista dei nemici da uccidere? Sua sorella Sansa non è sembrata molto comprensiva, ma c'è da dire che Arya non sembra aver bisogno dell'aiuto di nessuno per raggiungere i propri obiettivi (e lo ha ampiamente dimostrato con la carneficina della famiglia Frey).

Arya se ne va dalla casa dei Frey
Il Nord non dimentica.

Una curiosità sul duello

Abbiamo sempre saputo che Arya Stark fosse mancina, a differenza di Maisie Williams (sua interprete) che ha dovuto imparare a duellare anche con la mano sinistra.

Tempo fa, in un'intervista a TVGuide, la giovane attrice confessò:

Io uso la mano destra e quando mia madre lesse il primo libro, mi disse che Arya invece era mancina. Da quel momento mi dissi: 'Ok, cercherò di fare tutto con la mano sinistra'.

Il fatto che Arya sia mancina è un fattore di grande rilevanza nei libri. Infatti il suo maestro Syrio Forel nel romanzo disse:

La sinistra è buona. Tutto è invertito e metterà in maggiore difficoltà i tuoi nemici.

Arya duella e sorride
Quando si è felici con poco...

Talvolta è capitato che Arya usasse la mano destra in determinate scene di Il Trono di Spade ma, a detta dell’attrice, ciò è stato dovuto alla posizione della telecamera e non perché lei non riuscisse a utilizzare la mano sinistra. Il duro allenamento di Maisie Williams è stato totalmente ripagato nella sequenza del duello tra Arya e Brienne la scorsa settimana, dimostrando quanto sia vera la citazione di Syrio Forel.

Per sei stagioni è stata additata come maschiaccio, ma la verità è che Arya sta incarnando il tipo di donna moderna che non ha bisogno dell’aiuto altrui per cavarsela nel mondo.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.