Stai leggendo: Jeanne d'Arc: al Festival di Puccini l'opera è tutta al femminile

Prossimo articolo: La La Land in Concert: a ottobre due eventi dal vivo a Padova e Milano

Letto: {{progress}}

Jeanne d'Arc: al Festival di Puccini l'opera è tutta al femminile

Jeanne d'Arc, opera in prima rappresentazione assoluta al Festival pucciniano di Torre del Lago, è uno splendido lavoro scritto e diretto da un trio di donne talentuose, ispirate dalla figura mitologica dell'eroina d'Orléans.

la protagonista Milla Jovovich nel film Giovanna d'Arco di Luc Besson

14 condivisioni 0 commenti

La figura di Giovanna d'Arco è stata immortalata da pittori, poeti, musicisti e scrittori.

Dalla dedica del poeta Arthur Rimbaud a una delle pellicole più commoventi della storia del cinema muto, La passione di Giovanna d'Arco di Carl Theodor Dryer (1928) fino al battagliero e spettacolare film a lei dedicato da Luc Besson nel 1999, l'eroina nazionale francese è ancora oggi così forte e moderna tanto da colpire l'immaginazione di artisti e sognatori e, soprattutto, di donne forti e pronte a combattere per le loro idee.

All'interno del variegato cartellone del Festival di Puccini di Torre del Lago, il 09 agosto ci sarà la prima rappresentazione assoluta di Jeanne d’Arc, opera da camera in un atto in cui la presenza femminile non è soltanto quella della Pulzella d’Orléans.

Questo lavoro porta la firma, a più mani, di donne talentuose che si sono fatte ispirare da questo modello virtuoso con un posto speciale nella storia.

La musica è quella della compositrice toscana Giuliana Spalletti, il libretto è del critico musicale Lisa Domenici e la regia è di Serenella Gragnani.

Un trittico al femminile capace di condurre gli spettatori dritti al cuore e al coraggio di Giovanna d'Arco, attraverso il canto e la presenza scenica dei giovani cantanti dell’Accademia di Alto Perfezionamento.

Jeanne d’Arc’s Scots Guard di John Duncan (1896)Centauraumanista
Giovanna d'Arco

Il racconto si sviluppa attraverso suggestivi salti temporali, a partire dal più recente ‘900 in cui la studiosa medievalista Régine Pernoud, (Francesca Pacini), specializzata nelle gesta della fanciulla, si accinge a scrivere una nuova monografia che, finalmente, dovrebbe portare alla luce le verità nascoste e i falsi miti che la riguardano.

L’avvincente trama prosegue indietro nel tempo, all’ultima fase della vita della giovane avventurosa, con la dolorosa e difficile scansione degli atti del processo di condanna per eresia, descritti dalle voci narranti della madre, Isabelle Romée (Donatella De Caro) e dello spietato vescovo accusatore (Franco Cerri).

Giovanna stessa (Sara Cappellini Maggiore) cercherà di spiegare gli eventi dell’assedio e liberazione d’Orléans, per conto dei divini messaggeri, la paura e i turbamenti dell’azione tumultuosa commessa in contrasto con la sua verde età.

Una scena del film Giovanna d'Arco di Luc Besson 1999HD
Milla Jovovich è Jeanne d'Arc

Le fiamme ignobili del rogo l’aspettano a Rouen nel 1431, soldatessa e martire ingiustamente condannata e che diverrà una figura leggendaria, capace di cambiare le sorti del popolo francese.

La regista descrive così il suo lavoro e gli aspetti che più l’hanno colpita:

Impossibile non restare affascinati da Giovanna, dalla sua giovanissima età, dal suo senso dell'ironia, dall'indifferenza per le gerarchie, dalla tenerezza che provava per i suoi amici ma anche per i suoi nemici, dal suo modo di parlare dolce e schietto.

Le suggestive scenografie e i costumi, ad opera del noto baritono fiorentino Fulvio Massa, diplomato in scenografia all'Accademia di Belle Arti di Bologna, sottolineano in modo appropriato la tensione drammatica e lo spirito grandioso di quest’opera prima.

Bozzetto scenografia di Fulvio Massa per opera Jeanne d'Arc HDFulvio Massa
Scenografia Jeanne d'Arc opera lirica

Il Festival di Puccini di Torre del Lago, giunto alla edizione numero 63, proseguirà il suo programma fino alla fine di agosto 2017.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.