Stai leggendo: J.K. Rowling attacca Donald Trump ma poi si scusa: era una fake news

Prossimo articolo: Kristen Stewart sulla presidenza di Donald Trump e i suoi effetti sulle donne

Letto: {{progress}}

J.K. Rowling attacca Donald Trump ma poi si scusa: era una fake news

J.K. Rowling commette un passo falso nella sua battaglia contro Donald Trump: la scrittrice ha lanciato delle accuse contro il Presidente sulla sia di una fake news.

J.K. Rowling e Donald Trump

1 condivisione 0 commenti

La scrittrice J.K. Rowling è nota ormai non solo come autrice della saga di Harry Potter e dei libri gialli con il detective Cormoran Strike. Negli ultimi tempi, è balzata agli onori delle cronache anche per la sua battaglia social contro Donald Trump. Questa volta, però, è finita vittima di una fake news. Tutto è nato da un video in cui Trump sembrava indifferente al tentativo di un bambino in carrozzella di porgergli la mano. L’episodio è accaduto il 24 luglio in occasione di una conferenza sul programma sanitario Obamacare.

Immediatamente, J.K. Rowling ha attaccato il Presidente americano su Twitter sottolineando il suo gesto di indifferenza. Il post ha avuto una larghissima diffusione e alla scrittrice sono arrivate subito le precisazioni sulla falsità della notizia. La madre stessa del bambino ha scritto un post su Facebook, sottolineando che il figlio non ha affatto tentato di porgere la mano al Presidente e che quest’ultimo non lo ha ignorato.

In effetti, il video visionato dalla scrittrice non era quello integrale. La Casa Bianca ha diffuso un secondo video completo, in cui Trump incontra i bambini disabili e li saluta prima di tenere la conferenza.

Messa di fronte all’evidenza, la scrittrice ha deciso di scusarsi con la famiglia del bambino in carrozzella e con le famiglie degli altri bambini presenti. Ha affermato, infatti, di aver proiettato sulle immagini visionate la sua sensibilità nei confronti della disabilità. La Rowling non si è limitata a scusarsi, ma ha anche rimosso da Twitter i primi post di commento. Ha deciso però di non fare le sue scuse al Presidente, assumendo una posizione che è stata oggetto di diversi attacchi mediatici.

 J.K. Rowling, però, non è l'unico personaggio ad essere stato travolto dalla polemica. La figlia di Bill e Hillary Clinton aveva ritwittato il commento della scrittrice ed è stata bacchettata dal giornalista Piers Morgan. Chelsea Clinton ha cancellato il suo retweet e ha ammesso di non aver visto il video integrale. Insomma, anche lei è stata vittima della stessa fake news e anche lei non si è scusata apertamente con Trump!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.