Stai leggendo: Il sessismo a Hollywood: da Thandie Newton a Emma Stone, le denunce di alcune star

Prossimo articolo: Mayim Bialik e la cifra ridicola con cui venne pagata

Letto: {{progress}}

Il sessismo a Hollywood: da Thandie Newton a Emma Stone, le denunce di alcune star

Anche le amate e splendide attrici di Hollywood sono state vittime di gravi discriminazioni di genere, ecco le sgradevoli esperienze raccontate e denunciate da alcune delle più note e amate interpreti del grande e piccolo schermo.

L'attrice Premio Oscar Emma Stone

1 condivisione 0 commenti

Non solo le donne “normali” sono vittime di sessismo sul posto di lavoro: anche in quel di Hollywood moltissime dive sono state discriminate e hanno deciso di raccontare le loro sgradevoli esperienze sperando di poter combattere questo fenomeno.

Dalla protagonista di Westworld Thandie Newton, al Premio Oscar Emma Stone, ecco le attrici del grande e piccolo schermo che hanno parlato e denunciato apertamente episodi di sessismo di cui sono state oggetto.

Thandie Newton al Comic-Con 2017HD

Esattamente come il suo alter ego televisivo in Westworld, Maeve, anche nella realtà Thandie Newton è stata trattata come un mero oggetto sessuale.

Ha raccontato la stessa Thandie che, durante uno dei suoi primi provini fatto qualche anno fa,

Un regista mentre aveva la telecamera puntata sulla mia gonna mi ha chiesto di toccarmi i seni pensando al ragazzo con cui avrei dovuto fare una scena di sesso.

Tale richiesta alla Newton era sembrata lì per lì un po’ strana, ma siccome c’era anche una donna nella stanza si è tranquillizzata e ha accettato. Tempo dopo, però, a causa di un fortuito incontro con un produttore durante il Festival di Cannes, Thandie ha scoperto che il video girato durante quell'audizione era stato mostrato in una serata di poker tra amici proprio dal cineasta che l’aveva ripresa.

Ad oggi l’attrice sa benissimo che episodi del genere accadono continuamente durante i casting e sa anche che le donne non ne parlano perché hanno paura di perdere ingaggi, ma è anche convinta che se la sua storia può evitare che una sua giovane collega venga abusata, allora è contenta di averla diramata qualsiasi siano le conseguenze.

Alison Brie

Alison Brie HD

La star di Mad Men, Alison Brie, in una recente intervista si è lamentata del fatto che le attrici vengano ancora parecchio discriminate, esattamente come accade al suo personaggio nell’incipit della nuova serie targata Netflix ambientata negli anni ’80, Glow:

All’inizio della mia carriera ho fatto un’audizione per tre battute nella serie TV Entourage in cui dovevo camminare con indosso un bikini. Io avevo messo un pantaloncino e un top molto stretti e loro mi hanno chiesto: ‘ok, puoi toglierti il top adesso?'

Dopo questa dichiarazione la Brie ha chiarito su Twitter che sotto il suo top indossava un costume e che non è rimasta a seno nudo, ma questo di certo non giustifica, né tantomeno rende meno grave, la richiesta che le è stata fatta.

Elisabeth Moss

Elisabeth Moss al TCA Tour 2017HD

All’attrice Elisabeth Moss, altro volto femminile della serie TV Mad Men e reduce dal recente successo targato Amazon Handmaid's Tale, è stato rifiutato un progetto televisivo perché nello script comparivano pochi personaggi maschili:

Ho presentato un prodotto al femminle e mi sono sentita dire che era troppo ‘da donne’ da alcuni produttori esecutivi maschi. È successo all’incirca negli ultimi due anni: è scioccante e alquanto illegale.

Zoe Saldana

La bellissima Zoe SaldanaHD

Anche l’aliena Gamora de I Guardiani della Galassia è stata più volte discriminata per essere donna e, in particolare, per essere una donna bellissima.

Zoe Saldana ha infatti ricordato durante una chiacchierata con Allure di quando, per intimarle di stare zitta, un produttore le ha sottolineato che lei era stata scelta per il suo film solo perché serviva

Un personaggio femminile affascinante in biancheria intima con in mano una pistola.

Jessica Chastain

Jessica Chastain a Cannes 2017HD

Jessica Chastain è una delle attrici più apprezzate di Hollywood e anche lei, in quanto donna, ne ha dovuto affrontare parecchie.

Una delle esperienze più sessiste di cui la Chastain è stata vittima è avvenuta durante la lavorazione di un film con “personaggi davvero importanti” tra i quali - ha confessato Jessica al The Telegraph - uno in particolare le ha schiaffeggiato il sedere nel bel mezzo di una stanza. Quando lei si è girata, imbarazzata e irritata, ha capito dal volto dell’”innominato” che:

Io ero davvero sconvolta ma per lui era tutto normale. Era un comportamento giusto.

Emmy Rossum

Emmy Rossum al Volture FestivalHD

Tra le peggiori esperienze di sessismo denunciate dalle star di Hollywood, spicca sicuramente quella di Emmy Rossum, star di Shameless, la quale era stata scelta per un film a patto che si recasse nell’ufficio del regista in bikini.

L’attrice, che credeva che la richiesta fosse dovuta al fatto che nella pellicola ci fosse una scena di nudo o in costume, ha chiesto delucidazione al cineasta il quale le ha risposto:

Noi amiamo davvero il tuo lavoro ma vogliamo solo vedere quanto è tonico il tuo sedere.

Zoe Kazan

Zoe Kazan alla première di The Big SickHD

Zoe Kazan in un’intervista al The Guardian ha denunciato senza mezzi termini le condizioni in cui le attrici sono costrette a lavorare sui set e le vere e proprie molestie sessuali che devono subire senza che nessun reparto risorse umane o sindacato le ascolti.

Tra le varie esperienze che l’attrice di Ruby Sparks ha condiviso durante la sua chiacchierata con la nota testata americana, ce n’è una particolarmente forte:

Una volta un produttore su un set mi ha chiesto se io ero solita sputare o ingoiare. Sul lavoro. Lui ha minimizzato dicendo ‘Ah! Ah! È uno scherzo’. Ma lui era quello che pagava il mio assegno, che mi guardava attraverso un monitor fare sesso con un altro attore…

Emma Stone

Il Premio Oscar Emma StoneHD

La forma di discriminazione sessuale sul lavoro più palese e denunciata è quella del pay gap.

Notoriamente, infatti, le donne guadagnano meno degli uomini e questo - purtroppo - vale anche per le star di Hollywood.

L’attrice Premio Oscar Emma Stone in merito a questa situazione ha dichiarato, parlando con Out Magazine:

Finora nella mia carriera ho avuto bisogno che i miei colleghi maschi si tagliassero lo stipendio così che io potessi essere alla pari con loro, ed è una cosa che hanno fatto per me perché sentivano che era la cosa giusta. È qualcosa di cui si parla poco - il fatto che si percepisca lo stesso compenso comporta che la gente, altruisticamente, dica “È una cosa giusta”. Se i miei colleghi maschi che ricevono un compenso più alto credono che dovremmo essere alla pari, si tagliano lo stipendio così che il mio combaci con il loro, questo cambia la mia percezione del futuro e mi cambia la vita.

Che ne pensate di queste dichiarazioni-denuncia? Anche voi siete state vittime di discriminazioni sul lavoro? Parliamo delle nostre esperienze nei commenti!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.