Stai leggendo: Addio a Jeanne Moreau, attrice simbolo del cinema più bello del mondo

Prossimo articolo: Kasia Smutniak si racconta dopo la morte di Taricone

Letto: {{progress}}

Addio a Jeanne Moreau, attrice simbolo del cinema più bello del mondo

È mancata a 89 anni Jeanne Moreau, attrice francese musa e icona dei registi della Nouvelle Vague come Louis Malle e François Truffaut, che la diresse nel capolavoro Jules et Jim.

Jeanne Moreau attrice per Louis Malle e Michelangelo Antonioni

20 condivisioni 4 commenti

La morte odierna dell’attrice Jeanne Moreau a 89 anni, (1928 – 2017) una delle più grandi, affascinanti e intense interpreti del cinema d’autore del ‘900, non può che essere accolta dal verso luminoso e dolente del poema Funeral Blues di W.H. Auden.

Non servon più le stelle: spegnetele anche tutte; imballate la luna, smontate pure il sole; svuotatemi l’oceano e sradicate il bosco; perché ormai più nulla può giovare.

Dotata di una bellezza moderna, sensuale e allo stesso tempo cerebrale, così lontana dalla rassicurante carnalità delle dive hollywoodiane, e di una inconfondibile voce, profonda e roca, che contrasta con il volto delicato e la silhouette eterea, Jeanne Moreau ha magnificamente prestato il suo immenso talento di versatile interprete non solo a film che hanno fatto la storia del cinema ma è stata scelta, come musa d’eccellenza, da registi che della settima arte ne hanno scritto trionfalmente il percorso.

L'attrice Jeanne Moreau, indimenticabile interprete di Ascensore per il patibolo HD
Jeanne Moreau

Louis Malle ha amplificato il suo timbro drammatico, incarnandola nel torbido profilo di femme fatale nel noir Ascensore per il patibolo (1958).

Per Michelangelo Antonioni (La notte, 1961) ha attraversato l’invincibile apatia dei sentimenti della ricca borghesia degli anni’60, in pieno contrasto con il boom economico, tra incomunicabilità e assenza di qualsiasi slancio amoroso.

Jeanne Moreau, infinitamente donna, ha sorpreso di nuovo tutti scegliendo di interpretare un personaggio fuori dagli schemi (Viva Maria! Louis Malle, 1965) una rivoluzionaria che infiamma gli animi di un popolo del sud America che troverà il coraggio di ribellarsi al sanguinario tiranno.

Le due interpreti del film di Louis Malle Viva Maria!HDMubi

Diretta nuovamente dal regista Louis Malle, ha al suo fianco un’altra attrice simbolo del cinema francese, Brigitte Bardot.

Nonostante la vana attesa dei giornali scandalistici che vedevano già rivalità e litigi sul set, tra l’intellettuale Jeanne Moreau e la bionda e arrendevole nuova Marianne di Francia è nata, proprio allora, una vera amicizia destinata a durare nel tempo.

Moreau e Parillaud in una scena di Nikita di Luc Besson HDvaletofultravixens
Jeanne Moreau e Anne Parillaud

Moreau ha continuato a lavorare con autori di grande spessore come Rainer Wender Fassbinder in Querelle de Brest (1982) e in camei di grande risalto come in Nikita di Luc Besson (1990) a cui insegna, alla sperduta e combattiva Anne Parillaud, a truccarsi ed esaltare, così, la sua femminilità, la vera arma letale per gli uomini.

Il suo ultimo lavoro d’attrice in A Lady in Paris (IImar Raag, 2012) è stato presentato al Festival di Locarno e accolto trionfalmente per l’umanità e la commovente bellezza del suo personaggio, Frida, donna d’età che è ancora capace a lasciarsi andare a inaspettate tenerezze verso il suo antico e più giovane amante.

Ma è con il regista principe della Nouvelle Vague, François Truffaut, che Jeanne Moreau rimane per sempre la più luminosa stella del firmamento dell'arte cinematografica.

Truffaut ha scolpito letteralmente nel marmo la sua immagine più autentica e vera, all’interno del magnifico e tragico triangolo amoroso di Jules et Jim (1962).

Jeanne Moreau è Catherine, la giovane prefigurazione di donna ribelle e moderna e di amante appassionata che rifiuta i limiti imposti, quella che non segue le regole ma le detta in modo istintuale, pronta ad assumersi il coraggio delle proprie scelte anche al costo del sacrificio personale più estremo e straziante.

Ed è così, che vorremmo ricordarla, nella sua corsa a perdifiato travestita da uomo, in un giorno di pioggia e di sole, inseguita dai suoi due amori, lungo il ponte delle loro vite.

La scena della corsa in Jules et Jim di Francois Truffaut HDMubi
Jeanne Moreau in Jules et Jim

Libera, felice, fiera.

Au revoir, Jeanne Moreau.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.