Stai leggendo: Lady Diana, nuove confessioni shock

Prossimo articolo: Melania Trump e la sua controfigura: realtà oppure fake news?

Letto: {{progress}}

Lady Diana, nuove confessioni shock

In occasione del 20esimo anniversario della morte di Diana Spencer, Channel 4 ha realizzato un documentario che raccoglie alcune sue pesanti rivelazioni su Carlo, Camilla e la vita a Buckingham Palace.

Primo piano di Lady Diana

2 condivisioni 0 commenti

In fondo, Lady Diana non morirà mai.

Sono ormai passati 20 anni dal tragico incidente di Parigi che la strappò alla vita il 31 agosto 1997 - qui il ricordo di Harry e William dell'ultima telefonata con lei - ma il suo volto sorridente e velato di malinconia è ancora bene impresso nella mente e nel cuore di tutto il mondo.

Per celebrarne la memoria, Channel 4 il prossimo 6 agosto manderà in onda un documentario, Diana: In Her Own Words, che racchiude alcune confessioni spiazzanti di Diana Spencer sul matrimonio (e il sesso) con Carlo, sull'ingombrante presenza di Camilla e molto altro.

Come riportato dal Telegraph, Channel 4 divulgherà le registrazioni delle lezioni di dizione che Diana prese da Peter Settelen negli anni 1992 e 1993.

Per insegnarle a parlare in pubblico, Settelen le rivolgeva domande irriverenti e intime, a cui lei rispondeva con estremo candore e totale sincerità.

A distanza di pochi giorni dal ritratto di Diana delineato dal fratello Charles, arrivano nuovi sconcertanti dettagli e indiscrezioni sulla sua vita a corte. 

Il matrimonio senza amore con Carlo

Diana e Carlo, un matrimonio senza amoreHD

Diana e Carlo si sono sposati nel 1981.

Sulla vita coniugale della coppia c'è sempre stata l'ombra di Camilla Parker Bowles, prima amante ora sposata con Carlo.

Interrogato dalla moglie sul perchè non riuscisse a fare a meno di Camilla, Carlo rispose nel peggiore dei modi.

Gli chiesi 'Perchè ti tieni questa donna intorno?'. Lui mi rispose così: 'Mi rifiuto di essere l'unico Principe del Galles a non aver mai avuto un amante'.

Diana nelle registrazioni non si risparmia neppure circa la sua vita sessuale con il marito.

Non lo abbiamo fatto per sette anni. Prima lo facevamo una volta ogni tre settimane. Pensavo fosse uno schema, perché prima di sposarci lui ogni tre settimane incontrava Camilla.

La richiesta d'aiuto alla Regina Elisabetta

La Regina ElisabettaHD

I rapporti tra la Regina e Diana non sono mai stati idilliaci, ma la Principessa pensò ugualmente di chiederle aiuto dopo 5 anni di "matrimonio senza amore" con suo figlio Carlo.

La risposta di Elisabetta II fu glaciale.

Andai da lei e le dissi 'Non so cosa fare'. Lei mi rispose che il figlio era senza speranza, dicendo 'Non so proprio cosa tu dovresti fare'.

La guardia del corpo di cui si innamorò

Un intenso primo piano di Lady DianaHD

Nei nastri registrati da Settelen, Diana racconta anche di una relazione - prettamente platonica - avuta con una guardia del corpo, Barry Manakee.

La Principessa si invaghì di lui a 25 anni circa e pensò seriamente di lasciare tutto per amor suo.

Purtroppo, però, Manakee fece di lì a poco una brutta fine, morendo in un incidente stradale.

Mi innamorai di qualcuno che lavorava in quell'ambiente e mi rendeva felice l'idea di lasciare tutto per vivere con lui. Potete immaginarlo? Lui venne tagliato fuori e poi ucciso. Non avrei dovuto giocare con il fuoco, è stato il colpo più brutto della mia vita.

Questo è indubbiamente uno dei passaggi più sconvolgenti del documentario di Channel 4, che è ovviamente avvolto da diverse polemiche. 

Lady Diana con William e HarryHD

I 12 nastri registrati da Settelen - attualmente ne sono stati divulgati solo 7 e non si sa che fine abbiano fatto gli altri - sono stati ritrovati nel 2001 in casa dell'ex maggiordomo della Regina, Paul Burrell.

Seguì una lunga battaglia tra la famiglia Spencer e Settelen, che però ne rientrò in possesso e li mise in vendita.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.