Stai leggendo: Il Cocoricò festeggia trent’anni con un docufilm sulla sua storia

Prossimo articolo: Inaugura a Firenze un museo dedicato al maestro Franco Zeffirelli

Letto: {{progress}}

Il Cocoricò festeggia trent’anni con un docufilm sulla sua storia

Il Cocoricò, celebre discoteca romagnola, festeggia i suoi trent'anni con un docufilm sulla sua storia. Le riprese inizieranno il 29 Luglio e dureranno un paio di mesi.

La discoteca con la sua caratteristica struttura a piramide

1 condivisione 0 commenti

Il Cocoricò, storica discoteca romagnola, nel 2018 compirà trent’anni. Trent’anni di una storia infinita, fatta di successi, balli, incontri, musica e DJ noti e meno noti. Trent’anni di un’evoluzione continua, inarrestabile, che ha cavalcato sempre l’onda del momento diventando una vera e propria icona per i giovani di ogni epoca.

È il 1989 quando nasce il Cocoricò e subito resta impresso nell’immaginario collettivo per la sua caratteristica struttura a piramide, un richiamo all’assenza di confini, e per la musica che prende vita al suo interno grazie ai tanti DJ che si avvicendano alla consolle. Generi e tendenze musicali si incontrano, fondono, scontrano arrivando al cuore delle persone. Molti di essi hanno conosciuto il successo proprio a partire da questa discoteca.  

Interno della discoteca durante una serataHDcocorico.it

Considerato la patria della musica dance, il Cocoricò festeggerà il suo compleanno con un docufilm realizzato dal regista Ambrogio Crespi, classe 1970, conosciuto per aver lavorato alla produzione di svariati spot pubblicitari di aziende italiane e straniere e per i suoi 100 docuweb. Le riprese inizieranno il prossimo sabato 29 luglio e dureranno circa un paio di mesi.

L’idea di Crespi è quella di girare dentro e fuori la discoteca, catturando sfumature, istanti e storie. Ci saranno interviste ai DJ e il punto di vista preferenziale sarà quello della gente. Le telecamere entreranno nel backstage, mostreranno il mondo con gli occhi delle persone e lo accompagneranno con la musica del Cocoricò.

Pubblico in sala al CocoricòHD

Secondo quanto dichiarato dal regista, la sua intenzione è proprio quella di raccontare in presa diretta, senza alcuna mediazione. In questo modo trascinerà lo spettatore direttamente nel locale, gli farà respirare la sua atmosfera, vivere le lunghe notti del Cocoricò e carpirne, se possibile, la sua intima essenza. Una scelta senza dubbio al passo con i tempi, dove tutto si muove in parallelo tra web e mondo reale e filmati girati sul momento per rapire l’istante e renderlo eterno.

Terminate le riprese si passerà al montaggio, probabilmente in autunno, a cui seguirà la post produzione del docufilm. Il tutto finirà nella primavera del 2018 in corrispondenza dell’apertura ufficiale del trentennale del Cocoricò.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.