Stai leggendo: Un passo dentro il quadro: al MUDEC arriva la Klimt Experience

Prossimo articolo: L'icona Anna Magnani è in mostra a Roma con una serie di scatti privati

Letto: {{progress}}

Un passo dentro il quadro: al MUDEC arriva la Klimt Experience

Milano si tinge d’oro: fino al 7 gennaio 2018 le opere di Klimt saranno in mostra al MUDEC, ma in un modo un po’ diverso dal solito. Niente chiodi e cornici, ma proiettori HD: la Klimt Experience vi porterà dentro le opere del pittore austriaco.

Klimt Experience

7 condivisioni 0 commenti

Inaugurata ieri e visitabile fino al 7 gennaio, la Klimt Experience arriva al MUDEC, curata da Crossmedia Group e prodotta da 24Ore Cultura. In anticipo sul calendario che vedrà, nel 2018, celebrare il centenario della morte dell’artista, questa iniziativa è una rappresentazione multimediale in cui vengono abbattute le barriere tra opera e spettatore.

Un nuovo modo di vivere l’arte

Non si parla di mostra, infatti, ma di Experience, ossia esperienza. Si tratta infatti di un concetto diverso dalle mostre a cui siete stati abituati finora. Non ci sono quadri appesi al muro, separati dall’osservatore dall’invalicabile limite dell’allarme che scatta appena provate ad avvicinarvi per osservare meglio questo o quel dettaglio.

La Klimt Experience, grazie all’uso di proiettori laser HD, vi renderà protagonisti in prima persona. Verrete catapultati nei quadri dell’artista austriaco, una vera immersione dentro l’opera di Klimt, per ammirare i micro dettagli che costellano ogni suo quadro, come polveri d’oro e tessere di mosaico. Per un’ora saranno proiettate sui muri, sul pavimento e sul soffitto della grande stanza del MUDEC oltre 700 opere dell’artista, proponendo così al visitatore una fruizione diversa dell’opera d’arte, anche grazie all’intervento che le moderne tecnologie permettono.

E non solo: per meglio comprendere l’opera di Klimt, verranno proiettate anche immagini rubate al suo tempo, quali fotografie della sua vita o ricostruzioni 3D della Vienna del tempo. Insomma, un vero viaggio dentro la sua opera e dentro la sua vita, perché la moda, la musica, i costumi, le architettura furono alcune fra le muse più importanti del pittore delle secessione Viennese.

Coinvolgiamo i sensi

Non solo la vista viene interessata da questa esperienza: la proiezione delle opere di Klimt è infatti accompagnata dalle musiche di Strauss, Mozart, Wagner e Beethoven. Non si tratta di una scelta casuale: la musica giocò infatti un ruolo fondamentale nell’opera di Klimt. Il MUDEC offre quindi un’esperienza a 360° per gettare lo spettatore dentro le sensazione, le suggestioni e le visioni dell’artista austriaco e della Secessione viennese.

Se qualcosa dovesse esservi sfuggito, poi, trovate all’esterno dei pannelli esplicativi, che completeranno con nozioni storiche e culturali la vostra visita.

La Klimt Experience vi aspetta al MUDEC fino al 7 gennaio 2018 e osserverà i seguenti orari: lunedì dalle 14:30 alle 19:30, martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9:30 alle 19:30, giovedì e sabato dalle 9:30 alle 22:30.

Il biglietto costa 12€ intero, 10€ ridotto, mentre i gruppi pagano 10€ (adulti) e 6€ (bambini).

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.